Alfredo De Giovanni
Alfredo De Giovanni
Eventi e cultura

Carafa. Il sigillo del Cristo Velato

A Canosa, l’autore Alfredo De Giovanni per la presentazione del libro

Sarà la sede del Museo dei Vescovi a Canosa di Puglia, in Piazza Vittorio Veneto, n. 6), ad ospitare la presentazione dell'ultimo romanzo di Alfredo De Giovanni intitolato "Carafa. Il sigillo del Cristo Velato" (Ed. Gelsorosso, Bari, 212 pp - 15 €), che si terrà alle ore 19:30 di giovedì 2 dicembre 2021. Luciana Fredella (book blogge) dialogherà con l'autore La presentazione è a cura della Fondazione Archeologica Canosina, dell'Associazione Turistica Pro Loco U.N.P.L.I .Canosa e del Rotary Club Canosa. Interverranno, oltre all'autore, l'ingegnere Andrea Pugliese Presidente del Rotary Club e Nicola Luisi vice Presidente della Fondazione Archeologica.

Alfredo De Giovanni, geologo, musicista e autore, è al suo secondo romanzo dopo il fortunato "Otto. L'abisso di Castel del Monte" (Gelsorosso ed., 2018). È il recente vincitore del Premio Letterario "Terre di Puglia" dedicato ai migliori romanzi pubblicati da case editrici pugliesi e sostenuto da "La Teca del Mediterraneo" la biblioteca del Consiglio della Regione Puglia. Il romanzo, un giallo-storico con rigorose ricerche bibliografiche, si snoda tra la Puglia della valle dell'Ofanto e la Napoli misteriosa della Cappella Sansevero che conserva opere d'arte straordinarie tra cui, sopra tutte, la statua del Cristo Velato di Giuseppe Sanmartino. La narrazione si svolge su tre piani temporali che coinvolgono il presente con una serie di crimini da risolvere a cura dei protagonisti Paolo Manfré e Sandra Bianca (consulenti dell'intelligence italiana), la Napoli del Cinquecento, con la grande storia d'amore tra Fabrizio Carafa Duca d'Andria e Maria d'Avalos, e il sottosuolo napoletano del Settecento, con gli esperimenti del famigerato Raimondo di Sangro VII Principe di Sansevero. Ed è proprio la Cappella Sansevero, fra i più importanti monumenti storici napoletani, a unire i tre livelli narrativi costituendo non solo lo sfondo e la scenografia del romanzo, ma l'elemento vivente la cui storia e fondazione costituiscono parte essenziale dei fatti narrati. Lo stesso dicasi di Villa Carafa, dimora cinquecentesca dei duchi d'Andria, che rappresenta il ponte ideale tra Napoli e la Puglia di cui vengono ricordati i valori identitari e peculiari del territorio di Andria e della Murgia e testimone, nel romanzo, della passione fra Maria d'Avalos e Fabrizio Carafa. L'ingresso all'evento è libero e si svolgerà nel pieno rispetto delle normative anti-Covid vigenti.
  • Museo dei Vescovi
  • Fondazione Archeologica Canosina
Altri contenuti a tema
Alla scoperta di “Canosa scomparsa” Alla scoperta di “Canosa scomparsa” Visita guidata con Sandro Giuseppe Sardella
Canosa: Il Comune procede alla acquisizione delle aree archeologiche Ipogeo Monterisi Rossignoli e San Pietro Canosa: Il Comune procede alla acquisizione delle aree archeologiche Ipogeo Monterisi Rossignoli e San Pietro Nota congiunta della Fondazione Archeologica Canosina e Italia Nostra-Sezione di Canosa di Puglia
Canosa: "Un atto che ci sgomenta ma che non ci rassegna" Canosa: "Un atto che ci sgomenta ma che non ci rassegna" Le note di vicinanza di: Italia Nostra, FAC, Il Ponte di Torino e della Comunità Ecclesiale
Canosa: Una nuova donazione alla Fondazione Archeologica Canosina Canosa: Una nuova donazione alla Fondazione Archeologica Canosina Una nuova tappa per la valorizzazione del patrimonio culturale
Sabino di Canosa: Vescovo primaziale di Puglia nel contesto storico del suo tempo e oltre Sabino di Canosa: Vescovo primaziale di Puglia nel contesto storico del suo tempo e oltre Primo incontro culturale del 2022 con l'autore Renato Russo
Diomede, i dauni e l’antico vitigno di Canosa Diomede, i dauni e l’antico vitigno di Canosa Il programma per l'appuntamento con la storia, l’archeologia e l’eno-gastronomia
Moda e costume nelle fotografie: un patrimonio da valorizzare Moda e costume nelle fotografie: un patrimonio da valorizzare Excursus storico-culturale-sociale di Eugenia Paulicelli
Diomede, i dauni e l'antico vitigno di Canosa Diomede, i dauni e l'antico vitigno di Canosa Un nuovo tour alla scoperta dei sapori e delle bellezze archeologiche
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.