Dispositivi Protezione Individuale Maschere
Dispositivi Protezione Individuale Maschere
Cronaca

Coronavirus: le truffe in rete dei dispositivi di protezione individuale

I consigli della Polizia Postale

Con la fine del lockdown e l'inizio della fase due, molte aziende ed esercizi commerciali si stanno attrezzando per riaprire le proprie attività rispettando gli standard di sicurezza richiesti dal Governo per prevenire una nuova diffusione del Coronavirus. La ricerca dei dispositivi di protezione individuali (Dpi) si è fatta frenetica, e la necessità di approvvigionarsi in tempi brevi di guanti e mascherine espone gli imprenditori al rischio di incorrere in truffatori senza scrupoli che sfruttano queste necessità per arricchirsi. La Polizia Postale segnala l'incremento di questo fenomeno, evidenziato dalle numerose denunce presentate da diverse aziende che dichiarano di essere state vittime di raggiri mentre tentavano di acquistare i Dpi per dipendenti e clienti. In molti casi le vittime delle truffe, dopo aver individuato una società che si dichiarava in possesso della merce ricercata, veniva invitata a fare l'ordine e a pagare in anticipo con bonifico bancario su conti creati appositamente per gestire i soldi truffati. Infatti, dopo il pagamento, del materiale nessuna traccia mentre i soldi bonificati in poco tempo sparivano dal conto e venivano distribuiti a vari soggetti. Gli investigatori della Postale hanno già bloccato una parte delle somme arrivate su questi conti di appoggio utilizzati per la truffa, e stanno indagando per capire dove siano finiti gli altri soldi.

La Polizia Postale consiglia a chiunque stia cercando di acquistare Dpi, di affidarsi a canali sicuri, verificando prima di concludere l'affare, se l´azienda sia effettivamente esistente e se sia affidabile, ricercando in Rete recensioni su di essa ed esperienze di precedenti clienti, i cosiddetti feedback. Importante sarebbe anche effettuare un controllo della corrispondenza tra l´indirizzo dichiarato della sede con un immobile destinato a fini commerciali, utilizzando strumenti comuni come ad esempio Google street view.
  • Polizia Postale e delle Comunicazioni
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Coronavirus :791 casi positivi in Puglia Coronavirus :791 casi positivi in Puglia Registrati 127 nella BAT
Didattica a distanza: necessaria e urgente la decisione del Presidente della Regione Puglia. Didattica a distanza: necessaria e urgente la decisione del Presidente della Regione Puglia. La disamina di Enzo Princigalli
Coronavirus: 716 casi positivi in Puglia Coronavirus: 716 casi positivi in Puglia Registrati 48 nella BAT
Coronavirus: La riscoperta della solidarietà Coronavirus: La riscoperta della solidarietà La Proloco Canosa dona i camici protettivi alla Confraternita della Misericordia
Coronavirus: "Uno scenario preoccupante in Puglia" Coronavirus: "Uno scenario preoccupante in Puglia" Registrati 772 casi positivi e 13 decessi
Il patrimonio culturale e ambientale sono le nostre risorse rigenerative Il patrimonio culturale e ambientale sono le nostre risorse rigenerative L’appello del Presidente Archeoclub d’Italia Rosario Santanastasio sulla sospensione degli spettacoli
Liceo "E.Fermi":  sospese le attività didattiche in presenza fino al 7 novembre Liceo "E.Fermi": sospese le attività didattiche in presenza fino al 7 novembre Il decreto del dirigente scolastico Gerardo Totaro
Canosa: Consiglio Comunale sull’emergenza Coronavirus Canosa: Consiglio Comunale sull’emergenza Coronavirus L’opposizione chiede la convocazione
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.