Puglia VINITALY
Puglia VINITALY
Territorio

Tre vini pugliesi nella classifica delle "100 eccellenze italiane 2022"

Emiliano e Pentassuglia: “Ulteriore riconoscimento che attesta eccellenza delle nostre produzioni vitivinicole”

Prosegue il percorso di crescita qualitativa e di immagine dei vini pugliesi. Ad attestarne il valore, questa volta, è l'edizione italiana della prestigiosa rivista americana Forbes, che, nell'ambito della classifica delle "100 eccellenze italiane 2022", ha premiato la salentina Cantele e due cantine della Doc Gioia del Colle, Casa Vinicola Coppi e Tenute Chiaromonte. Le 3 cantine pugliesi, su un totale di 31 etichette, inserite nella prestigiosa lista di Forbes, porta la regione nel novero dei territori di eccellenza enologici italiani, come del resto riconosciuto anche dai più importanti concorsi enologici internazionali, dal Gambero Rosso, a Wine Spectator, passando per Decanter, Wineenthusiast e James Suckling, giusto per citarne alcuni.

"E' una notizia che mi rende particolarmente orgoglioso – commenta il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano - perché conferma, ancora una volta, la qualità straordinaria delle nostre produzioni vitivinicole. Il novero tra le 100 eccellenze italiane è l'ennesima attestazione del riconoscimento globale per i vini pugliesi e, in particolare, per il Primitivo e il Negroamaro: un binomio ormai noto a livello mondiale che traina anche l'appeal turistico del tacco d'Italia. Il mio ringraziamento va naturalmente ai produttori, alla loro passione e dedizione nel rendere i nostri prodotti eccellenti. Come anche alla loro lungimiranza nel sapere investire in innovazione mantenendo comunque intatta la tradizione, il sapore e la qualità dei nostri vitigni autoctoni, ricchezza inestimabile e volàno di crescita del sistema Puglia".

Il riconoscimento di Forbes, nello specifico, premia tradizione e modernità dell'enologia regionale, con la Cantele dell'area della Salice Salentino Doc, terra degli ottimi negroamaro, fra le prime denominazioni di origine pugliesi ad imporsi sui mercati internazionali. E poi con le cantine Coppi e Chiaromonte a rappresentare la Doc Gioia del Colle, designazione in rapidissima crescita nello scenario enologico globale, grazie ad un terroir che garantisce eleganza e raffinatezza ad un Primitivo che ha raggiunto qualità elevatissime proprio in virtù di un bilanciamento perfetto di componenti come il caldo sole e le fresche radici nella roccia delle colline della Murgia dei trulli.

"La Puglia, com'è noto – sottolinea l'assessore regionale all'Agricoltura, Donato Pentassuglia -, ha scalato negli ultimi anni le classifiche mondiali in termini di qualità, quantità e ricchezza delle produzioni. Questo grazie a un territorio, la Puglia, generoso, ricco per la sua biodiversità e per la straordinaria capacità imprenditoriale dei nostri produttori nell'aver saputo cogliere la sfida dell'innovazione, intercettando strategicamente gli investimenti previsti dall'Unione europea, Governo e Regione. La nostra è una viticoltura in cui coesistono tradizione e avanguardia: ogni anno la regione produce qualcosa come 32 vini di denominazione DOC e 4 DOCG. Il Primitivo, per esempio, il cui nome fu assegnato proprio a Gioia del Colle a fine 1700 da Don Francesco Filippo Indellicati, è oggi un vitigno con tassi di crescita a due cifre, in particolar modo dell'export verso ogni angolo del mondo. Così come il Negroamaro, vino salentino per eccellenza, vinificato in purezza e simbolo oramai di una regione, la Puglia, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo".

Prestigioso riconoscimento internazionale ai vini pugliesi nella top ten dei migliori vini premiati da Forbes, proprio quando mai cosi tanto vino pugliese è stato acquistato all'estero registrando un balzo del un rimbalzo del 15,3% nel 2021. E' quanto emerge dall'analisi della Coldiretti Puglia su dati Istat Coeweb, in riferimento all'inserimento nella classifica delle "100 eccellenze italiane 2022" della prestigiosa rivista americana Forbes la cantina Cantele di Guagnano, oltre a due cantine della Doc Gioia del Colle, Casa Vinicola Coppi e Tenute Chiaromonte. "La Puglia può ripartire dai punti di forza con il segmento del vino che ha dimostrato resilienza di fronte la crisi e può svolgere un ruolo di traino per l'intera economia agroalimentare" afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, nel sottolineare che "per sostenere il trend di crescita dell'enogastronomia Made in Italy serve anche agire sui ritardi strutturali dell'Italia e sbloccare tutte le infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese, ma anche con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria in alta velocità, con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo". Una mancanza che ogni anno rappresenta per il nostro Paese un danno in termini di minor opportunità di export al quale si aggiunge il maggior costo della "bolletta logistica" legata ai trasporti e alla movimentazione delle merci."
  • Emiliano
  • Vino
  • Assessore Donato Pentassuglia
Altri contenuti a tema
Al via "LegalItria Summer 2022" Al via "LegalItria Summer 2022" Il primo festival letterario pugliese ambientato in spazi pubblici simbolo della rinascita civile e ambientale
Tra Taranto e Bari, grande successo per Medimex 2022 Tra Taranto e Bari, grande successo per Medimex 2022 Importante la copertura social
Puglia: Il primo paziente neoplastico  trattato con un protocollo sperimentale di fase 1 Puglia: Il primo paziente neoplastico trattato con un protocollo sperimentale di fase 1 La dichiarazione del Presidente della Regione Michele Emiliano
Vola l’export del vino pugliese Vola l’export del vino pugliese A Lecce presentato il primo report di NOMISMA 
Il  primo rapporto di Nomisma sul vino di Puglia Il primo rapporto di Nomisma sul vino di Puglia Sarà presentato a Lecce
I ricordi mondiali di Marco Tardelli I ricordi mondiali di Marco Tardelli Il campione all'inaugurazione de "Il Libro Possibile" a Polignano a Mare
Contrasto al caporalato e investimenti strutturali Contrasto al caporalato e investimenti strutturali Dal PNRR 114 milioni di euro alla Puglia
PNRR per gli investimenti sul patrimonio culturale PNRR per gli investimenti sul patrimonio culturale Alla Puglia oltre 100 milioni di euro
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.