Olive
Olive
Territorio

Stagione olivicola 2021 : “Scenario drammatico con conseguenze su tutta l’economia"

La nota del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi

Con la stagione olivicola 2021 che sta entrando nel vivo lo scenario che si prospetta agli occhi dei produttori è a dir poco catastrofico. Già la situazione di partenza appariva delicata a seguito degli eventi climatici avversi che, negli anni passati, hanno funestato l'olivicoltura Andriese; le tardive gelate del 2018 con i loro strascichi e la cattiva allegagione dello scorso anno si sono sommate ad una siccità eccezionale senza precedenti. La risultante è stata fallimentare, con una situazione economica compromessa dalle ingentissime spese sostenute per cercare di condurre la produzione alla raccolta. Adesso dulcis in fundo nel momento di cercare perlomeno di recuperare parte delle spese sostenute viene presentato agli olivicoltori un conto amaro a dir poco ingrato e spregevole. Il frutto di un anno di lavoro, spese affrontate, sacrifici sostenuti, deve essere svenduto in cambio di pochi miseri euro. I frantoiani facendo fronte comune sono corsi al riparo in anticipo già dai primi giorni di ottobre paventato una situazione non rosea dovuta ad una speculazione dei grandi commercianti di olio e preannunciando una campagna al ribasso. Gli olivicoltori andriesi ormai esasperati, con una produzione pendente soggetta agli eventi metereologici avversi, si sentono messi con le spalle al muro privi di qualsiasi forma di tutela e abbandonati alla mercé degli sciacalli che turbano con sofisticazioni e alterazioni il mercato a scapito degli onesti lavoratori. Anche le istituzioni locali si sono disinteressate alla problematica, basti solo dire che i produttori sono ancora a distanza di tre anni in attesa degli indennizzi economici per le gelate che ad altre figure della filiera sono pervenuti ma ai produttori, anello della filiera più vessato da tali calamità, tardano inesorabilmente a giungere. Si è ormai ad un passo dal baratro, subissati dall'aumento dei costi di produzione quali: il combustibile incrementato rispetto allo scorso anno del 200%, i costi per la messa in sicurezza degli ambienti ed addetti al lavoro ormai ingenti, i costi delle materie prime quali fitofarmaci e fertilizzanti anch'essi nell'ordine del 150\200%., per citarne solo alcuni. Arrivati a questo punto il malcontento è alle stelle e l'unica soluzione che si prospetta all'orizzonte è uno stato di mobilitazione generale indetto nei prossimi giorni, a tutela non solo dei produttori ma pure della forza lavoro che alla luce della situazione attuale non può vedere garantita una continuità lavorativa per i prossimi mesi. La situazione è molto grave e si chiede a tutte le figure facenti parte della filiera olivicola e dell'intero comparto agricolo, di fare fronte comune. Non è il momento di pensare a meri interessi personali ma di chiedere a gran voice un compenso adeguato alle ingentissime spese sostenute. Le associazioni di categoria sono pregate di attivarsi immediatamente per salvaguardare l'interessi del comparto e non solo concentrarsi sul loro mero sostentamento economico. Infine in una città come Andria che poggia la propria economia sull'olivicoltura, le istituzioni locali tutte a fronte di tale crisi, hanno l'obbligo di porre in essere azioni volte a garantire il bene della comunità che rappresentano poiché le ripercussioni di una profonda crisi del settore non tarderebbero ad emergere. Dunque non si può restare ancora a guardare dalla finestra, è giunto il momento di agire.
C.L.A.A. – Comitato Liberi Agricoltori Andriesi
  • C.L.A.A. Comitato Liberi Agricoltori Andriesi
Altri contenuti a tema
A difesa dell’oro giallo A difesa dell’oro giallo Ad Andria, agricoltori unti in piazza
Stagione olivicola:  Il mondo agricolo indipendente in stato di agitazione Stagione olivicola: Il mondo agricolo indipendente in stato di agitazione Una situazione gravissima che coinvolge l’intera economia del territorio
L’olivicoltura in ginocchio per la scarsità di prodotto L’olivicoltura in ginocchio per la scarsità di prodotto A causa del caldo e dell'assenza di pioggia da marzo
Condizione drammatica delle strade rurali in stato di pericolosità Condizione drammatica delle strade rurali in stato di pericolosità La denuncia del COMITATO AGRICOLTORI (C.L.A.A.)
Difendiamo l’agricoltura, grande patrimonio del nostro territorio Difendiamo l’agricoltura, grande patrimonio del nostro territorio La nota del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi
Criminalità: agricoltori sempre di più abbandonati dalle Istituzioni locali e dallo Stato Criminalità: agricoltori sempre di più abbandonati dalle Istituzioni locali e dallo Stato La denuncia del C.L.A.A. (Comitato Liberi Agricoltori Andriesi)
La viabilità provinciale compromette il nostro lavoro e la sicurezza delle persone La viabilità provinciale compromette il nostro lavoro e la sicurezza delle persone La denuncia del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi
Furti di mezzi agricoli: esasperati gli agricoltori Furti di mezzi agricoli: esasperati gli agricoltori C.L.A.A.: “Situazione insopportabile. dove sono le istituzioni?”
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.