Ulivi Rifiuti
Ulivi Rifiuti
Territorio

Ulivi immersi nei rifiuti ma pare non importi a nessuno

La denuncia della segreteria del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi

Altro che Monumenti di Puglia, altro che valore storico ed economico. "Se andiamo avanti così i nostri ulivi saranno immersi nei rifiuti e pare ciò non importi a nessuno". Sono queste le dure parole che giungono dalla segreteria del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi guidata dal perito agrario Natale Zagaria che aggiunge: "la natura che circonda la nostra città è molto bella e rigogliosa, considerando che abbiamo un vasto territorio formato da coltivazioni di ogni genere con prevalenza di ulivi ultracentenari. Anche se ad Andria il servizio di raccolta rifiuti funziona (nonostante le tante difficoltà) e abbiamo un servizio di raccolta porta a porta, qualche "imbecille" che non ama la sua città e il proprio territorio continua a deturparlo sversando rifiuti di ogni genere. Nonostante la presenza in città dell'isola ecologica che accoglie tutti i tipi di rifiuti, ovviamente se preventivamente selezionati, c'è chi continua ad ignorare che questa isola ecologica esiste e funziona e percorre le strade rurali gettando immondizia e rifiuti che ha prodotto durante la giornata. Proprio nei giorni scorsi – prosegue Zagaria del C.L.A.A. – sono stato contattato da un mio collega agricoltore che mi ha comunicato di aver trovato il suo terreno coltivato invaso da rifiuti gettati qualche giorno addietro da mascalzoni. La quantità di rifiuti era così tanta che si è pensato a qualcuno che avrà pulito un'intera casa, non capendo però come abbia fatto a portare tutti quei rifiuti in quel punto che si trova a pochi metri del cimitero cittadino, senza che sia stato visto da nessuno quindi spudoratamente".

Il direttivo del C.L.A.A. si pone le domande: "ora chi dovrà pulire il terreno invaso da rifiuti? Come fare a chiedere un'investigazione per trovare qualche indizio per risalire al concittadino "imbecille"? Ci sono tantissimi punti in cui vengono quotidianamente sversati rifiuti e a volte, siccome invadono la carreggiata, qualcuno li incendia non sapendo che così facendo si provoca un ulteriore inquinamento atmosferico dannoso per le colture presenti nei paraggi e soprattutto per l'essere umano".
  • C.L.A.A. Comitato Liberi Agricoltori Andriesi
Altri contenuti a tema
Isolamento borgo di Montegrosso, gli agricoltori non ci stanno Isolamento borgo di Montegrosso, gli agricoltori non ci stanno Zagaria (C.L.A.A.): "Basta strategie, soluzioni subito”
Agricoltori preoccupati per la sicurezza nelle campagne Agricoltori preoccupati per la sicurezza nelle campagne L'intervento del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi a seguito dei danneggiamenti a piante di ulivo
Agricoltori: Verso la mobilitazione del 27 febbraio a Bari Agricoltori: Verso la mobilitazione del 27 febbraio a Bari L'intervento dei rappresentanti del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi
Olive nel vortice della speculazione Olive nel vortice della speculazione Ad Andria, il C.L.A.A. alza la voce
Agricoltori come mucche da mungere, ma il latte sta finendo e si rischia il default Agricoltori come mucche da mungere, ma il latte sta finendo e si rischia il default L'intervento del Comitato Liberi Agricoltori Andriesi sul raddoppio del costo dell’acqua per l’irrigazione del Consorzio di Bonifica
Ulivi: Mancanza di personale specializzato Ulivi: Mancanza di personale specializzato L'intervento del C.L.A.A. (Comitato Liberi Agricoltori Andriesi) sulla situazione pesantissima nelle campagne
Il mondo dei liberi agricoltori in protesta Il mondo dei liberi agricoltori in protesta Manifestazioni di piazza contro l'azione vessatoria ed ingiustificata del Consorzio Terre d'Apulia
Umiliati da chi vive da privilegiato sulla nostra pelle Umiliati da chi vive da privilegiato sulla nostra pelle Gli agricoltori in assemblea pubblica a Minervino Murge
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.