Pace Coldiretti
Pace Coldiretti
Territorio

VINITALY: Flash Mob in rosa per la Pace

A Verona, l’iniziativa Coldiretti con le imprenditrici vitivinicole

Con una bottiglia di vino estero su tre bevuta in Russia che viene dall'Italia, le donne delle cantine scendono in piazza per la pace con un flash mob tutto in rosa per chiedere a Putin di cessare le ostilità. L'iniziativa è della Coldiretti con le imprenditrici vitivinicole in rappresentanza di tutte le regioni che si sono date appuntamento a Casa Coldiretti in occasione della giornata di chiusura del Vinitaly per mandare un messaggio contro la guerra in Ucraina. Tutte indossano della magliette rosa – spiega la Coldiretti - mentre sui cartelli di legge "Il vino unisce non divide", "Brindiamo col vino della Pace", "I colori del vino: i colori della pace", "Putin, facciamo la pace". Rosa anche il prodotto simbolo della manifestazione, il vino rosato nelle più diverse varietà territoriali.

L'Italia è il primo Paese fornitore di vino in Russia, con una quota di mercato di circa il 31%, davanti a Francia, Georgia e Spagna. A Mosca sono finite nel 2021 ben 78,3 milioni di bottiglie, di cui 32 milioni di spumante. Il vino più gettonato nel Paese di Putin è sicuramente il Prosecco con 14 milioni di bottiglie ma piace molto anche l'Asti spumante che esporta 9 milioni di bottiglie, pari al 16% delle vendite totali sui mercati esteri, secondo l'analisi Coldiretti su dati Istat. La guerra in Ucraina mette a rischio quasi 6,5 milioni di euro di export di vino Made in Puglia nei Paesi dell'Est con una contrazione del 20% del commercio estero – aggiunge Coldiretti Puglia - in Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Ungheria e Romania, Ucraina, Bulgaria e Russia.

Un trend che viene ora messo a rischio dagli effetti della guerra in Ucraina. Le sanzioni contro Putin, le tensioni sul commercio internazionale, le difficoltà nei traporti, le spedizioni interrotte e la svalutazione del rublo legate al conflitto stanno ostacolando le vendite di vino italiano – sottolinea la Coldiretti - con difficoltà nei pagamenti persino per gli ordini già effettuati. Alcune spedizioni sono state interrotte, mentre un certo numero di operatori ha ridotto il periodo di differimento dei pagamenti o l'ha annullato del tutto, e nei ristoranti russi è già allarme per le scorte di bottiglie Made in Italy, divenute sempre più popolari.

A causa della guerra in Ucraina sono aumentati al contempo del 35% i costi per il vino con un impatto pesante sulle aziende vitivinicole che si sono così trovate a fronteggiare aumenti unilaterali da parte dei fornitori di imballaggi che – spiega la Coldiretti Puglia – arrivano oggi a pesare sui bilanci. Una bottiglia di vetro costa più del 30% in più rispetto allo scorso anno, mentre il prezzo dei tappi ha superato il 20% per quelli di sughero e addirittura il 40% per quelli di altri materiali. Per le gabbiette per i tappi degli spumanti gli aumenti sono nell'ordine del 20% ma per le etichette e per i cartoni di imballaggio si registrano rispettivamente rincari del 35% e del 45%, secondo l'analisi Coldiretti. Ma i prezzi degli ordini cambiano – aggiunge Coldiretti - ormai di settimana in settimana, rendendo peraltro impossibile una normale programmazione economica nei costi aziendali. Problemi anche per l'acquisto di macchinari, soprattutto quelli in acciaio, prevalenti nelle cantine, per i quali è diventato impossibile persino avere dei preventivi.

La guerra rischia dunque di interrompere un mercato di riferimento importante per Cantina Italia che era passato indenne attraverso le sanzioni decise nel 2014 da Putin in ritorsione contro le misure varate dall'Unione Europea per l'annessione della Crimea. L'embargo aveva colpito una importante lista di prodotti agroalimentari con il divieto all'ingresso di frutta e verdura, formaggi, carne e salumi e pesce, ma non il vino che ha continuato in questi anni la sua corsa acquisendo sempre più estimatori nella società ex sovietica.

"Il senso di responsabilità e di solidarietà appartiene da sempre al mondo delle donne ed in particolar modo degli agricoltori. In un momento difficile come questo, senza precedenti, dove ognuno di noi deve cercare di dare il proprio contributo alla popolazione ucraina - afferma la responsabile di Coldiretti Donne Impresa Chiara Bortolas - ci sembra opportuno smuovere le coscienze anche attraverso azioni simboliche come un flash mob per denunciare le brutalità dei conflitti e per gridare in nostro no alla guerra. Inoltre come donne e imprenditrici agricole, non possiamo non immedesimarci nel dolore delle tante madri costrette a fuggire dalle proprie case e che oggi si trovano a dover abbandonare i propri compagni per portare in salvo i loro figli. A tutta la popolazione dell'Ucraina va il nostro più sentito sostegno". ​
  • Verona
  • Coldiretti Puglia
  • Vinitaly
  • Pace
  • Ucraina
Altri contenuti a tema
Giornata mondiale della biodiversità Giornata mondiale della biodiversità In Puglia, iniziative negli agriturismi e nei mercati contadini di Campagna Amica
I ‘bimbi ecologi’ al circular tour I ‘bimbi ecologi’ al circular tour Coinvolti in giochi e percorsi di sostenibilità ed educazione alimentare
Emergenza cinghiali: L'invasione di città e campagne Emergenza cinghiali: L'invasione di città e campagne Serve una stretta sul piano di abbattimento
Maltempo: Violenta grandinata si abbatte sui campi Maltempo: Violenta grandinata si abbatte sui campi Disastrosi gli effetti della tropicalizzazione del clima
I giovani: una risorsa essenziale per mantenere vitali i territori rurali I giovani: una risorsa essenziale per mantenere vitali i territori rurali Il ricambio generazionale è una priorità del Piano strategico dell’Italia
Giornata comunitaria delle persone ucraine Giornata comunitaria delle persone ucraine Organizzata dalla Caritas diocesana di Andria
Puglia: Al via la raccolta delle ciliegie Puglia: Al via la raccolta delle ciliegie Dimezzata nelle quantità ma straordinaria per qualità
Caldo: boom di  consumi di gelato artigianale Caldo: boom di consumi di gelato artigianale In Puglia circa 3.000 gelaterie, con 5.500 addetti.
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.