Agricoltori  contadini raccolta olive
Agricoltori contadini raccolta olive
Territorio

Sostegno agli anziani con ‘lockdown generazionale’

Il Coronavirus ha peggiorato la condizione degli anziani a basso reddito

Serve una stretta sulle azioni di sostegno agli anziani sottoposti al cosiddetto 'lockdown generazionale', in un momento in cui più di 1 pensionato su 3 (37,8%) finirà i soldi e si troverà senza risparmi per pagare cibo, riscaldamento e debiti vari entro Natale, innescando una vera e propria bomba sociale. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, in relazione al prossimo DPCM con l'ipotesi di limitazioni per le persone che hanno più di 70 anni, le più esposte al contagio. La crisi generata dagli effetti del Coronavirus ha peggiorato soprattutto la condizione degli anziani a basso reddito, con un esercito di nuovi poveri di cui circa 1/3 è rappresentato da uomini e donne con più di 65 anni – aggiunge Coldiretti Puglia - che non possono pagarsi un pasto completo o le bollette di luce e riscaldamento. "E' grave il disagio avvertito dagli anziani lavoratori autonomi come gli agricoltori, costretti a vivere con pensioni spesso al di sotto di 515 Euro mensili e, quindi, ai limiti della fascia di povertà, e con uno Stato Sociale sempre meno attento ai loro bisogni e a quelli delle loro famiglie. Altro punto cruciale la chiusura di molti ospedali, ubicati prevalentemente nelle aree interne e svantaggiate, dove più forte è la presenza degli anziani, desta molte preoccupazioni nelle fasce più deboli della popolazione", dichiara Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia. "Secondo i dati dell'analisi territoriale dell'Istat sui trattamenti pensionistici, esiste inoltre una disparità di trattamenti nelle aree rurali, alla quale si aggiunge la carenza di servizi sociali che rende più complessa la vita degli anziani", insiste Muraglia.

In Puglia sono circa 210 mila i pensionati del lavoro autonomo, tra cui ben 63 mila coltivatori diretti, con un'altissima percentuale di pensioni integrate al minimo che non superano i 515 euro al mese – aggiunge Coldiretti Puglia – che stanno vivendo un momento di grande difficoltà, ma che, nonostante tutto, sono impegnati nel presidio territoriale nelle aree rurali, dove sono spesso il motore di iniziative ed esperienze culturali e di solidarietà. "Al fine di una migliore programmazione socio-sanitaria – spiega Angelo Marseglia, presidente dell'Associazione regionale dei Pensionati di Coldiretti – abbiamo proposto l'istituzione di un tavolo regionale della terza età presso l'assessorato al welfare, al fine di condividere le scelte per la riformulazione del piano regionale delle politiche sociali e darne piena attuazione negli ambiti territoriali pugliesi. I continui tagli apportati alla spesa sociale, la notevole riduzione del Fondo per la non autosufficienza stanno scaricando sulle famiglie l'inadeguatezza dei servizi pubblici per gli anziani e per i non autosufficienti e stanno minando la stessa qualità della vita dei nostri pensionati, una risorsa e un patrimonio da salvaguardare", aggiunge Marseglia.

La presenza degli anziani all'interno della famiglia in generale, e di quella agricola in particolare, è stata considerata come una forma arcaica da superare mentre con la crisi – sostiene Coldiretti Puglia – si sta dimostrando fondamentale per affrontare le difficoltà economiche e sociali di molti cittadini. La solidarietà tra generazioni sulla quale si fonda l'impresa familiare è un modello vincente per vivere e stare bene insieme e non un segnale di arretratezza sociale e culturale come è stato spesso affermato. Le pensioni aiutano i bilanci per più di una famiglia su tre con la presenza dei nonni in casa che viene giudicata positivamente per il contributo economico e sociale che sono in grado di offrire in un momento di difficoltà. Da qui la necessità di intervenire per recuperare il potere di acquisto delle pensioni più basse – afferma Coldiretti Puglia – eliminare ogni forma di discriminazione fra lavoratori dipendenti ed autonomi anche per quanto attiene gli assegni familiari, riconoscere un sostegno per le famiglie che si fanno carico di accudire in casa gli anziani con disabilità e/o non autosufficienza, definire i livelli essenziali di assistenza, potenziare i servizi di prevenzione presso gli ambulatori di medicina generale allo scopo di assicurare, agli anziani a basso reddito, gli accertamenti diagnostici in forma ambulatoriale, con riduzione delle liste di attesa, dei ricoveri in ospedale e della spesa sanitaria. Va anche riconosciuto un sostegno alle famiglie che si fanno carico di accudire in casa gli anziani con disabilità e/o non autosufficienza. E' evidente – aggiunge Coldiretti Puglia – l'insostenibilità sociale della situazione a carico dei coltivatori pensionati e delle loro famiglie, sui quali si vanno sempre più scaricando i disservizi e le insufficienze dell'intervento pubblico.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Colpo di grazia ai consumi di vino e spumanti Colpo di grazia ai consumi di vino e spumanti Una stima di Coldiretti Puglia sull’impatto dell’estensione del DPCM del coprifuoco per le festività
Arriva il Brasciola Day Arriva il Brasciola Day Per conoscere le proprietà salutistiche della carne "made in Italy"
Agroalimentare:una perdita di fatturato di oltre 700 milioni di euro Agroalimentare:una perdita di fatturato di oltre 700 milioni di euro Il crollo delle attività di bar, ristoranti e agriturismi in Puglia
Covid-19: il grande successo delle consegne a domicilio Covid-19: il grande successo delle consegne a domicilio E’ corsa all’acquisto on line dei pacchi natalizi a Km0
Sicurezza in campagna:incentivare l’innovazione per garantire un livello sempre più alto Sicurezza in campagna:incentivare l’innovazione per garantire un livello sempre più alto Muraglia: "Molto resta ancora da fare per ridurre infortuni e azzerare incidenti mortali"
Maltempo: allerta arancione in Puglia Maltempo: allerta arancione in Puglia Coldiretti Puglia segnala allagamenti nelle campagne
Il ritorno dei giovani in campagna Il ritorno dei giovani in campagna Coldiretti Puglia: "Con i PSR al via 1000 Idee Green"
La preoccupante proliferazione di lupi e cani inselvatichiti La preoccupante proliferazione di lupi e cani inselvatichiti La denuncia di Coldiretti Puglia, a seguito della recrudescenza del fenomeno
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.