2020 Bari “Mediterraneo frontiera di pace”
2020 Bari “Mediterraneo frontiera di pace”
Eventi e cultura

La Puglia è una terra di frontiera intesa come finestra aperta sul mondo

A Bari, ha preso il via l’evento “Mediterraneo frontiera di pace”

A Bari, ha preso il via l'evento "Mediterraneo frontiera di pace" che verterà sul dialogo fra religioni ed il ruolo di ambasciatore di pace del Mare Mediterraneo. L'evento che si concluderà domenica 23 febbraio 2020 vedrà la visita di Papa Francesco nel capoluogo pugliese, dove in Corso Vittorio Emanuele celebrerà la Santa Messa e pronuncerà l'Angelus. Questo pomeriggio al Castello Svevo si è svolto il primo incontro dei Vescovi, 60 provenienti da 20 diversi paesi. Ad aprire il dibattito è stato il Cardinale Gualtiero Bassetti presidente della CEI, per affrontare i temi e le ragioni del "Mediterraneo Frontiera di Pace". Hanno preso parte all'incontro anche il sindaco della città metropolitana di Bari, Antonio Decaro e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

"Benvenuti in Puglia, terra di accoglienza.È con viva emozione che la comunità pugliese accoglie i Vescovi cattolici giunti qui da venti Paesi che si affacciano sul Mediterraneo. È un saluto pieno di gratitudine quello che rivolgo al Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI, al nostro Arcivescovo Mons. Francesco Cacucci, alle autorità religiose e civili e a tutti Voi presenti. Conserverò il ricordo dell'intervento introduttivo pronunciato dal Cardinale Bassetti stasera tra le cose più care del mio mandato, perché ho trovato nel suo discorso molte cose che non riuscivo a esprimere con la stessa forza e la stessa chiarezza." Ha esordito così il presidente della regione Puglia Michele Emiliano:"Sentiamo in maniera molto forte l'onore e la responsabilità di ospitare un incontro di rilievo storico, che fa del dialogo il perno dell'architettura di pace nel Mediterraneo. Oggi darete vita a un percorso di riflessione e spiritualità nel solco tracciato da Papa Francesco, Pastore della Chiesa Universale, uomo di pace, saldo riferimento contro ogni forma di violenza, sopraffazione e degrado morale. La Puglia, che vi dà il benvenuto e che si appresta ad accogliere il Santo Padre, è una terra di frontiera intesa come finestra aperta sul mondo, un angolo di Europa al centro del Mediterraneo che non rinuncia a essere crocevia di culture differenti, snodo millenario di arrivi e partenze, di emigrazioni e di immigrazioni. Una Puglia consapevole che la lotta alla povertà non può che incarnarsi in politiche e cultura dell'accoglienza, dell'inclusione e dell'inviolabilità dei diritti umani. L'aver scelto Bari quale luogo di riflessione rappresenta per noi il coronamento di un cammino che abbiamo iniziato quindici anni fa. In quegli anni disegnammo il futuro di questa città e demmo un nome a quella visione strategica: la chiamammo Bari Capitale EuroMediterranea della Pace. Con la Vostra presenza oggi consacrate quella vocazione che ha orientato l'impegno di questi anni. E richiamate noi tutti a una nuova responsabilità: far sì che le nostre azioni e le nostre parole siano sempre rivolte al bene e al superamento di ogni tipo di confine, a cominciare da quelli che ancora dividono gli esseri umani, quei confini che alimentano diseguaglianze e ingiustizie. "

Il governatore Emiliano prosegue: " Da questo angolo di mare noi vogliamo tessere la trama della nostra storia di uomini e donne che credono nella forza della pace e del dialogo e intendono costruire relazioni feconde con i nostri fratelli e le nostre sorelle dei Balcani, del Medio Oriente, dell'Africa e dell'Europa, in un processo di crescita reciproca..Nel 1958, quando dava vita ai «Colloqui Mediterranei», Giorgio La Pira scriveva al leader egiziano Nasser: «Il Mediterraneo - nel quale si bagnano le nazioni ed i popoli storicamente, culturalmente e religiosamente più vitali della terra: nazioni a civiltà cristiana, musulmana, ebrea - può diventare, davvero, se pacificato, lo spazio più luminoso della terra!». Trent'anni dopo questa stessa visione lapiriana era ripresa dal vescovo pugliese Tonino Bello che diceva: «I segni dei tempi ci fanno scorgere nella Puglia un promontorio di pace avanzato nel Mediterraneo». Da questo angolo di mondo, un vescovo, un figlio del Sud, è riuscito ad incarnare la Chiesa dell'accoglienza e del servizio, è riuscito a far vivere la sua dimensione spirituale nelle pieghe dell'impegno civile quotidiano. Ci ammoniva sul rischio che la pace potesse diventare una parola vuota, priva di significato, se non è coniugata con la giustizia sociale, la solidarietà e la salvaguardia dell'ambiente. Non sfugge a chi, come me, ha responsabilità istituzionali, che questo grande evento che vede la presenza oggi dei Vescovi di tre continenti, ha in sé un alto valore politico. Dall'impegno condiviso, infatti, un nuovo inizio è possibile."

Il presidente della Regione Puglia conclude: "La Vostra presenza qui a Bari, insieme al Santo Padre, è quindi per noi motivo di speranza. Siete un punto di riferimento per quanti vogliono costruire percorsi d'integrazione tra culture differenti, che rappresentano il vero antidoto ai veleni del fondamentalismo, ai veleni di chi nega al Mediterraneo e ai popoli che vi abitano l'aspirazione a essere un mare di pace.In una stagione non facile, scandita dal timore verso l'altro e da una drammatica regressione che riguarda la politica e le forme della convivenza in una società sempre più indifferente, il Santo Padre ci incoraggia a non avere paura, a indirizzare i nostri sforzi avendo come bussola la fratellanza tra i popoli. Il mondo possiamo cambiarlo. Insieme. Ognuno facendo la propria parte. Insieme, per costruire la pace".

Il programma dell'evento"Mediterraneo frontiera di pace"

Giovedì 20 febbraio 2020
8.00 – Celebrazione Eucaristica (Basilica di San Nicola – Cripta)
9:30 – Illustrazione del primo tema (Castello Svevo)
10:00 – Tavoli di conversazione (Castello Svevo)
12:30 – Briefing con la stampa (Castello Svevo)
15:30 – Discussione in assemblea e conclusioni sul primo tema (Castello Svevo)
18:30 – Vespri
Venerdì 21 febbraio
9:00 – Illustrazione del secondo tema (Castello Svevo)
10:00 – Tavoli di conversazione (Castello Svevo)
12:30 – Briefing con la stampa (Castello Svevo)
15:30 –Discussione in assemblea e conclusioni sul secondo tema (Castello Svevo)
19:00 – Incontro con la comunità locale: celebrazione eucaristica, esperienze, dialogo
Sabato 22 febbraio
8.00 – Celebrazione Eucaristica (Cattedrale di Bari)
9:00 – Assemblea per le conclusioni generali (Castello Svevo)
12:00 – Conferenza stampa (Castello Svevo)
15:30 – Incontro culturale (Teatro Petruzzelli)
19:00 – Momento di preghiera (Cattedrale di Bari)
Domenica 23 febbraio - Il programma della visita di Papa Francesco
7.00 Decollo in elicottero dall'eliporto vaticano.
8.15 Atterraggio nel Piazzale Cristoforo Colombo a Bari.Il Santo Padre è accolto da:
– S.E. Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto;
– On. Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia;
– Dott.ssa Antonella Bellomo, Prefetto di Bari;
– On. Antonio Decaro, Sindaco di Bari.
Trasferimento in auto alla Basilica Pontificia di San Nicola
8.30 BASILICA DI SAN NICOLAIncontro con i Vescovi del Mediterraneo
– Introduzione dell'Em.mo Card. Gualtiero Bassetti, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana.
– Interventi di: Em.mo Card. Vinko Puljić, Arcivescovo di Vrhbosna, Presidente della Conferenza Episcopale di Bosnia ed Erzegovina; S.E. Mons. Pierbattista Pizzaballa, O.F.M., Arcivescovo tit. di Verbe, Amministratore Apostolico «sede vacante» del Patriarcato Latino di Gerusalemme.
Discorso del Santo Padre
– Ringraziamento di S.E. Mons. Paul Desfarges, S.I., Arcivescovo di Alger (Algeria), Presidente della Conferenza Episcopale Regionale del Nordafrica (CERNA).
Il Santo Padre saluta i Vescovi partecipanti all'Incontro. Il Santo Padre scende nella cripta della Basilica per venerare le reliquie di San Nicola, e saluta la Comunità dei Padri Domenicani. Uscendo dalla Basilica, sul sagrato, il Santo Padre rivolge un saluto a quanti sono in attesa sulla Piazza.
Trasferimento in auto a Corso Vittorio Emanuele II
10.45 CORSO VITTORIO EMANUELE II: Concelebrazione eucaristica Omelia del Santo Padre- Angelus
12.30 Decollo dal Piazzale Cristoforo Colombo.
13.45 Atterraggio all'eliporto Vaticano.
  • Emiliano
  • Bari
  • Mediterraneo frontiera di pace
Altri contenuti a tema
Puglia: quinto giorno senza contagi Puglia: quinto giorno senza contagi Sono stati registrati 2413 test per l'infezione da Covid-19
Pandemia Covid-19 in Puglia: la Salute e la Sicurezza nel Servizio Sanitario Regionale Pandemia Covid-19 in Puglia: la Salute e la Sicurezza nel Servizio Sanitario Regionale A Bari, workshop organizzato dalla Regione
Puglia: quarto giorno senza contagi Puglia: quarto giorno senza contagi Registrati 2 decessi in provincia di Foggia
Torna il Reddito di Dignità (ReD) Torna il Reddito di Dignità (ReD) Emiliano: “Strumento di politica attiva di inclusione sociale”
Puglia: terzo giorno Covid free Puglia: terzo giorno Covid free Sono 145 i casi attualmente positivi
Puglia: secondo giorno Covid free Puglia: secondo giorno Covid free Sono 146 i casi attualmente positivi
Puglia covid free Puglia covid free Nessun contagio su 1.454 test effettuati
Coronavirus: un caso positivo in Puglia Coronavirus: un caso positivo in Puglia Non sono stati registrati decessi
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.