Pappagalli monaci
Pappagalli monaci
Territorio

Fermare l'invasione dei pappagalli

L'intervento di Benedetto Miscioscia, coordinatore regionale di Fareambiente

L'allarme lanciato dalla Coldiretti Puglia sull'invasione di una specie di avifauna "aliena" individuata nei pappagalli meglio identificati come "parrocchetti monaci" e/o "parrocchetti dal collare", non può e non deve essere sottovalutato non solo per i danni che provocano alle produzioni agricole mandorlicola e frutticola ma anche per la minaccia che rappresentano per il nostro eco-sistema ambientale locale oltre che per la sicurezza e la stessa salute dei cittadini per via non solo del pericolo rappresentato dai loro nidi che arrivano a pesare fino a 150 kg, con un diametro di un metro che potrebbero crollare al suolo sotto il loro stesso peso, ma anche per le malattie che possono trasmettere agli uomini come la psittacosi (malattia infettiva), l'influenza aviaria o la salmonellosi. Una minaccia che potrebbe determinare conseguenze devastanti anche per le ripercussioni sull'avifauna autoctona (passeri, merli, pettirossi e usignoli) e portare alla sua estinzione a causa della pericolosa e impari competizione innescata. Insomma, un vero e proprio pericolo per il nostro ecosistema naturale e per la nostra salute che non va sottovalutato e che le istituzioni preposte, innanzitutto la regione, hanno il dovere di prendere urgentemente in considerazione. Infatti il parrocchetto monaco, originario dell'America meridionale, unitamente a quello del collare, originario dell'Africa, sono le uniche specie esotiche a carattere invasivo stabilmente nidificate in Italia che destano preoccupazione anche per la velocità impressionante con la quale si riproducono. Specie, peraltro, la cui introduzione è vietata in Europa dal 2007. Insomma una vera e propria invasione di specie "aliene" che non appartengono al nostro naturale Habitat che va assolutamente fermata e/o ridimensionata di cui la nostra Regione deve prendere in seria e doverosa considerazione, prima che si perda completamente e pericolosamente il controllo come sta succedendo con i cinghiali.
Benedetto Miscioscia - Coordinatore regionale di Fareambiente
  • Coldiretti Puglia
  • FareAmbiente
Altri contenuti a tema
Maltempo: allerta arancione in Puglia Maltempo: allerta arancione in Puglia Coldiretti Puglia segnala allagamenti nelle campagne
Il ritorno dei giovani in campagna Il ritorno dei giovani in campagna Coldiretti Puglia: "Con i PSR al via 1000 Idee Green"
La preoccupante proliferazione di lupi e cani inselvatichiti La preoccupante proliferazione di lupi e cani inselvatichiti La denuncia di Coldiretti Puglia, a seguito della recrudescenza del fenomeno
L’Esercito contro la criminalità in campagna L’Esercito contro la criminalità in campagna Coldiretti Puglia invoca nuovamente l’intervento
Unesco : giornata mondiale degli ulivi Unesco : giornata mondiale degli ulivi La coltura dell'olivo in Puglia è diffusa in maniera omogenea su tutto il territorio
Per le festività natalizie arrivano i ‘regali contadini’ Per le festività natalizie arrivano i ‘regali contadini’ COLDIRETTI PUGLIA: "Buoni pranzo o percorsi esperienziali in agriturismo"
Bosco vivo e foreste urbane Bosco vivo e foreste urbane Celebrata la Giornata nazionale degli Alberi
Puglia: boom della coltivazione della Canapa Puglia: boom della coltivazione della Canapa Particolarmente versatile negli impieghi
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.