Francesco Ventola
Francesco Ventola
Amministrazioni ed Enti

Differenziata: "In Puglia il gioco delle 3 carte nel premio ai Comuni virtuosi

La nota del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Francesco Ventola

"Il 7 luglio scorso la Giunta regionale ha assegnato 3,8 milioni di euro ai Comuni pugliesi che hanno superato la soglia del 65% della raccolta differenza. - Esordisce così il consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Francesco Ventola nella nota inviata - "L'euforia con la quale alcuni miei colleghi consiglieri regionali di maggioranza hanno commentato questo provvedimento proprio non la capisco. Come se la somma messa a disposizione fossero risorse aggiuntive che la Regione 'regala' ai Comuni virtuosi, invece si tratta solo di 'rimborsi' che quelle Amministrazioni comunali, loro malgrado, hanno dovuto sopportare per i maggiori oneri per il conferimento e smaltimento dei rifiuti umidi. Per questo la somma erogata nei giorni scorsi, tramite l'AGER (agenzia regionale), non solo non è una premialità ma sono soldi che i pugliesi hanno pagato come ecotassa (quando hanno pagato la TARI) e che viene raccolta dalla Regione Puglia attraverso un fondo particolare e che viene ripartita, appunto, ai quei Comuni che hanno superato il 65% della raccolta differenziata. Insomma, per dirla facile facile: è una redistribuzione di soldi NOSTRI, non c'è un solo euro in più dalla Regione. A tutto questo si aggiunge la beffa oltre il danno, visto che i pugliesi sono fra i più tartassati dalla TARI, siamo in Italia fra le Regioni che pagano di più e questo accade perché in Puglia non esiste un Piano dei rifiuti aggiornato, gli impianti previsti non sono stati realizzati, ragion per cui gran parte dei nostri rifiuti viene smaltito fuori regione. E a pagare sono i cittadini. Quindi - conclude Ventola - ricapitolando: i 3,8 milioni di euro sono soldi nostri che ci sono stati tolti con la TARI e che dovevano tornare sui territori per migliorare i servizi, non per ripagare i maggiori oneri che i Comuni sono purtroppo tenuti a versare. Ma i governi di centrosinistra – da quelli di Vendola a quelli di Emiliano - nonostante le belle parole, continuano a utilizzare tantissimo gli impianti privati e a smaltire i rifiuti fuori regione. E i pugliesi pagano."
  • Francesco Ventola
  • Fratelli d'Italia
Altri contenuti a tema
Trattamento fine mandato: Ci faccia sapere, consigliere Ventola, come la pensa? Trattamento fine mandato: Ci faccia sapere, consigliere Ventola, come la pensa? La domanda in una nota nota della segreteria PD Canosa
Tutela e promozione della lingua italiana Tutela e promozione della lingua italiana Il Consiglio Regionale Puglia accoglie mozione di Fratelli d'Italia
Canosa: Asili nido chiusi Canosa: Asili nido chiusi Petroni (FdI): "L'amministrazione ha svuotato le 'casse' per progetti diversi"
Gelate 2018: Mentre il sindaco Morra dorme, gli altri comuni indennizzano gli agricoltori Gelate 2018: Mentre il sindaco Morra dorme, gli altri comuni indennizzano gli agricoltori La nota della Segreteria Fratelli d'Italia- Canosa
Canosa: Asili nido, calpestati i diritti dei bambini e delle famiglie Canosa: Asili nido, calpestati i diritti dei bambini e delle famiglie La nota di Maria Angela Petroni-Capogruppo Fratelli d’Italia
Canosa: Una giungla urbana tra erbacce e rifiuti Canosa: Una giungla urbana tra erbacce e rifiuti La nota di Maria Angela Petroni-Capogruppo Fratelli d’Italia
Rigenerazione urbana: Canosa  “zona Capannoni” Rigenerazione urbana: Canosa “zona Capannoni” L'intervento del consigliere regionale Francesco Ventola (FdI)
Canosa: Nuova sede per il Centro per l'impiego. Benvenuti a bordo! Canosa: Nuova sede per il Centro per l'impiego. Benvenuti a bordo! La nota di Maria Angela Petroni, capogruppo FdI
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.