Dottor Benedetto Delvecchio
Dottor Benedetto Delvecchio
Territorio

Coronavirus: "Confusione e panico ingiustificato nella popolazione"

Interviene il dottor Benedetto Delvecchio, Presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della BAT

"L'allarme legato alla diffusione del Covid 2019 sta creando confusione e panico ingiustificato nella popolazione e tra gli operatori sanitari, non possiamo permettercelo! Il panico e la disinformazione galoppante in Rete sono peggiori della stessa malattia". Esordisce così il presidente dell'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Barletta Andria Trani,Benedetto Delvecchio : "Mentre scriviamo, oggi mercoledi 26 febbraio, in Puglia non vi sono segnalazioni di casi di infezione, non vi è quindi una emergenza sanitaria attuale, ma uno stato di allerta che ci impone di adottare misure di prevenzione e contenimento di eventuale diffusione della malattia. Se la situazione sanitaria dovesse cambiare cambieranno le misure da adottare. Ad oggi è necessario attivare una rete di sorveglianza e di prevenzione che garantiscano la salute dei cittadini. Ricordiamo le norme da rispettare secondo le direttive ministeriali; è necessario adottare le misure igieniche fondamentali: lavarsi le mani spesso, starnutire e/o tossire in fazzoletti mono-uso, evitare luoghi chiusi ed affollati, non usare antibiotici se non prescritti dal medico, disinfettare le superfici di contatto. Materiali e animali da compagnia non trasmettono il virus".

Il presidente Delvecchio precisa: "Al fine di evitare un aumento dei contatti, i pazienti con sintomi da raffreddamento sono invitati a contattare il medico di famiglia o il medico di Continuità Assistenziale esclusivamente per telefono, si eviti di recarsi in ambulatorio se non strettamente necessario, la permanenza nelle sale di attesa aumenta il rischio di contagio, il medico suggerirà la terapia e il comportamento da assumere. Non recarsi direttamente in Pronto Soccorso, così si aumenta solo il rischio di contagio senza ottenere alcun beneficio personale. I cittadini che provengono dalle zone endemiche di Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia Romagna devono comunicare al medico di famiglia o al dipartimento di prevenzione la loro presenza e il loro domicilio anche a mezzo email all'indirizzo: direzione.sisp@aslbat.it. Il medico attiverà una sorveglianza passiva rilevando la eventuale presenza di sintomi (tosse, febbre, mal di gola, difficoltà respiratorie). I cittadini che provengono dalle Città sedi di focolaio (in Lombardia, Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d'Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini. In Veneto Vo'.) hanno l'obbligo di comunicare la loro presenza e domicilio al servizio di igiene della ASL. Via 124° Strada a Denominarsi, 6 – 76125 TRANI (BT) – Tel. 0883.763429 – Fax 0883.763436 - email: info@omceobat.it – PEC: segreteria.bat@pec.omceo.it I numeri di riferimento per la segnalazione dei casi sospetti nella ASL BAT sono quelli indicati nella circolare della Direzione generale ASLBAT del 22 febbraio 2020. I numeri nazionali restano il 1500 e il 112".

La conclusione del presidente Delvecchio: "I cittadini che non hanno sintomi e che non provengono dalle Città interessate dal contagio non devono essere sottoposti a misure restrittive. Se hanno sintomi devono restare in osservazione a domicilio per almeno 14 giorni dalla data di rientro. Per garantire la tutela della salute pubblica è necessario che il personale sanitario sia messo nelle condizioni di operare nelle condizioni di massima sicurezza. Chiediamo che tutti gli operatori del 118, del Pronto Soccorso, dei reparti di Malattie Infettive, Continuità Assistenziale e Medicina Generale, Pediatri di libera scelta e operatori dello SCAP siano dotati di strumenti di prevenzione (DPI) assicurando gli stessi presidi anche al personale che dovesse venire in contatto occasionalmente con soggetti infetti o sospetti. Nessuna misura di prevenzione né tantomeno di cura potrebbe essere messa in atto se non si proteggessero gli operatori della salute o se li si esponesse a rischi che pregiudicassero la loro presenza attiva. Chiediamo inoltre che gli ospedali del territorio allestiscano ambienti dedicati e attrezzati per il ricovero in osservazione dei casi di probabilità".
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Pasqua e Pasquetta esercizi commerciali chiusi Pasqua e Pasquetta esercizi commerciali chiusi Pubblicata l'ordinanza
I Carabinieri consegneranno le pensioni agli anziani I Carabinieri consegneranno le pensioni agli anziani L'Arma ha sottoscritto una convenzione con Poste Italiane
Manovre speculative sulla vendita dei dispositivi di protezione individuali Manovre speculative sulla vendita dei dispositivi di protezione individuali Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari ha eseguito un sequestro preventivo nei confronti di 3 società baresi ritenute responsabili
A Bari il primo carico di DPI acquistati dalla Regione Puglia A Bari il primo carico di DPI acquistati dalla Regione Puglia Emiliano: “E' stato complicato, ma ce l’abbiamo fatta grazie a un gran lavoro di squadra”
L’umanità ha le risorse per debellare questo nuovo virus L’umanità ha le risorse per debellare questo nuovo virus La dichiarazione del Presidente Mattarella sulla Giornata Mondiale della Salute
Elicotteri a sorvegliare il territorio Elicotteri a sorvegliare il territorio In questa settimana che si preannuncia “ad alto rischio”
Nessun contagio e nessun decesso nella BAT Nessun contagio e nessun decesso nella BAT Il bollettino epidemiologico giornaliero della Regione Puglia
Subito tamponi a tutti i pazienti ed agli operatori in Rsa e case di cura Subito tamponi a tutti i pazienti ed agli operatori in Rsa e case di cura La Cgil Bat scrive al Prefetto
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.