Revenge porn
Revenge porn
Cronaca

Video porno privato : è reato la diffusione illecita

Il “revenge porn” è disciplinato dal codice penale

La diffusione illecita di immagini sessualmente esplicite costituisce reato, cosiddetto "revenge porn". Il delitto è stato introdotto al fine di contrastare la diffusione di foto e video hard realizzate con il consenso dell'interessato, che vengono diffuse senza nessuna autorizzazione, andando a ledere la privacy, la reputazione e la dignità della vittima. E' disciplinato dall'articolo 612 ter del codice penale che punisce chiunque diffonda, ceda o invii immagini o video a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone interessate. Più volte, come riportano le cronache, le indagini della Polizia di Stato hanno condotto alla identificazione ed alla denuncia di chi si era reso autore di questo crimine ma spesso rimane la difficoltà o, purtroppo, l'impossibilità che le immagini siano rimosse definitivamente dai circuiti della rete con gravi conseguenze per la vittima.

La Polizia di Stato, soprattutto nella situazione attuale in cui si trascorre molto tempo on-line, invita alla massima prudenza, cercando di evitare l'invio di immagini o video di contenuti intimi e ricordando che, qualora i soggetti coinvolti siano minori, sussistono fattispecie di pornografia minorile. Oltre all'eventuale pericolo di un successivo uso illecito, spesso con il fine di ritorsione o di vendetta, da parte di chi riceve le immagini vi è, altresì, un problema legato alla sicurezza dei dispositivi. Infatti, soggetti terzi malintenzionati possono accedere abusivamente ad uno dei dispositivi acquisendone il contenuto per divulgarlo o per ricattare la vittima. Rimane, in ogni caso, di estrema importanza denunciare immediatamente alla Polizia quanto subìto poiché solo un intervento tempestivo può evitare l'ulteriore divulgazione delle foto o del video. Proprio per garantire un efficace intervento, all'interno della Polizia Postale operano squadre di poliziotti specializzati nel contrasto di questi fenomeni, esperti soprattutto nell'ambito delle piattaforme di social network e messaggistica.
  • Polizia
  • Polizia Postale e delle Comunicazioni
Altri contenuti a tema
L’app Youpol per segnalare reati di violenza domestica L’app Youpol per segnalare reati di violenza domestica Permettere una interazione tra la sala operativa della Questura e il segnalante
Sicurezza nella Bat: rafforzamento degli organici delle Forze dell'ordine e degli Uffici giudiziari Sicurezza nella Bat: rafforzamento degli organici delle Forze dell'ordine e degli Uffici giudiziari La CGIL provinciale scrive alle ministre Lamorgese e Cartabia
Il  commercio di carte di credito rubate nel Dark web Il commercio di carte di credito rubate nel Dark web L'operazione della Polizia postale e delle comunicazioni
Due anni di “codice rosso” Due anni di “codice rosso” I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale
1 Canosa: Fermati 2 borseggiatori  al mercato Canosa: Fermati 2 borseggiatori al mercato Preoccupato il presidente di CasAmbulanti, Montaruli: "E' necessario che venga rafforzata la presenza delle Forze dell'Ordine"
Giornata Europea per la protezione dei minori Giornata Europea per la protezione dei minori Polizia di Stato e studenti insieme
La Polizia arresta 8 persone La Polizia arresta 8 persone Ritenute responsabili di omicidio, distruzione di cadavere, estorsione
Truffe online: Green Pass falsi Truffe online: Green Pass falsi Denunciato studente referente in Italia di hacker russi
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.