Polizia di Stato Una vita da Social
Polizia di Stato Una vita da Social
Cronaca

Una vita da social

Al via la campagna educativa della Polizia

Partita la IX Edizione della campagna educativa "Una vita da social". Con un tour che toccherà 73 località, lungo tutto lo Stivale, gli esperti della Polizia Postale e delle comunicazioni parleranno agli studenti, ai genitori ed agli insegnanti dei pericoli presenti sui social network e sul cyberbullismo. Il tour partito da Bologna ha tra gli obiettivi quello di prevenire episodi di violenza, vessazione, diffamazione, molestie online, attraverso un'opera di responsabilizzazione in merito all'uso della "parola". Gli specialisti della Polizia di Stato, a bordo di un truck allestito con un'aula didattica, a fianco dei ragazzi, cercheranno, con un linguaggio diretto ed efficace, di spiegare i fenomeni connessi alla violenza in Rete segnalandone non solo le implicazioni di carattere giuridico, ma anche gli effetti che possono avere sulla vita dei giovani. Nelle passate edizioni la Polizia postale ha incontrato complessivamente 2 milioni e mezzo di studenti sia nelle piazze che nelle scuole, 220mila genitori, 125mila insegnanti per un totale di 18.500 Istituti scolastici in oltre 350 città.

Un tema che verrà toccato quest'anno è quello legato ai profili falsi: da una ricerca effettuata da Skuola.net è emerso che 1 ragazzo su 3, sul proprio social di riferimento, possiede un account falso; sono circa il 28% quelli che dichiarano di averne uno oltre a quello "ufficiale", mentre il 5% è presente ma solo con un fake. Perché questa identità anonima? Principalmente per conoscere gente nuova senza esporsi troppo online (26%), oppure per controllare i propri amici senza che loro lo sappiano (21%) nonché per controllare tutti quelli da cui sono stati bloccati (20%). Non manca chi ricorre ai fake per controllare il proprio partner (10%) o chi cerca di sfuggire dal controllo dei propri genitori (il 4%). Non manca ovviamente uno spazio social dedicato alla campagna: gli studenti, attraverso la pagina Facebook "Una vita da social" potranno lanciare il loro messaggio positivo contro il cyberbullismo.
  • Polizia
  • Polizia Postale e delle Comunicazioni
Altri contenuti a tema
Con l’App YouPol-Fipe è #sicurezzaVera per le donne Con l’App YouPol-Fipe è #sicurezzaVera per le donne Per segnalare episodi di violenza alle sale operative delle Questure
Eurovision Song Contest: musica e legalità insieme ai giovani Eurovision Song Contest: musica e legalità insieme ai giovani A Torino, la Polizia per diffondere una cultura del rispetto del prossimo e combattere le forme di discriminazione etnico/razziale
Pedofilia e pedopornografia: “Rompiamo il silenzio” Pedofilia e pedopornografia: “Rompiamo il silenzio” A Roma, presentato il libro di Maria Michela Gambatesa e Giovanni Ippolito
Furti di rame e cavi elettrici: Saranno intensificate le attività info-investigative Furti di rame e cavi elettrici: Saranno intensificate le attività info-investigative Riunione negli Uffici della Questura di Barletta Andria Trani,
Truffe online: come difendere i propri dati personali Truffe online: come difendere i propri dati personali Dodici consigli utili per mantenere sempre alto il livello d’attenzione
Esserci sempre: 170° anniversario di fondazione della Polizia Esserci sempre: 170° anniversario di fondazione della Polizia Il messaggio del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella
Francobollo e moneta per i 170 anni di storia della Polizia Francobollo e moneta per i 170 anni di storia della Polizia Una Polizia fortemente radicata nel tempo presente e proiettata verso il futuro
Cybersicurezza: Prevenire e contrastare i crimini informatici Cybersicurezza: Prevenire e contrastare i crimini informatici Accordo tra Polizia di Stato e Gruppo 24 Ore
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.