Bat
Bat
Territorio

Quann nascij’-ij la BAT…quann tra la Legh e u Chep du Guvern cij fu nu patt

Si sta lentamente, e senza far troppi rumori, spegnendo. E' incredibile!

E' stata una decisione piovuta dall'alto , subita , quella della sesta provincia pugliese della cui necessità pare siano convinti solo i suoi principali interpreti . Ed ora , ora che a causa della grave crisi economica in cui versa l'Italia, si è programmata la sua abolizione , alcuni dei suoi maggiori beneficiari si oppongono cercando mezzi e modi che possano ostacolarla .
E' incredibile! … Tale accanimento , tale caparbia e febbrile attività in suo favore dà , addirittura , la sensazione che essa venga ritenuta più importante di tanti servizi pubblici quali ospedali , tribunali, che una mano di velluto , contando sulla inerzia , sulla incapacità di reazione, sulla fiacchezza, sulla indifferenza di "Un volgo disperso…dal pavido volto... " sta lentamente, e senza far troppi rumori, spegnendo … !
Metro : versi di diversa lunghezza con rime frequenti .

Nascij'ij p' chès la pruvingij d' la BAT
quann tra la Legh e u Chep du Guvern cij fu nu patt:
"Teuw m' de' na pruvingij a settendrion-
dicern , serij, chir d' la secession-
e neuw t' facij'm ruman'-ij saup a quera com-ta poltron!"
Sub-t, chir d' "sèus" fur-n accundandet,
ma chir d' " abbascij" nan z' n' stèrn accandunet:
pèur lor n'ata pruvingij avèv-n addumannet,
e nan d-nèv-n, cert, 'nd-nziàun d' turne' 'ndret!
Ch' na' ijèss ditt : " Cum ija', a chir s'-n e a nèuw naun?!",
u Guvèrn d' cendr-destr pèur a lor dett ragiàun.

Però, ch' la sesta pruvingija pugliès,
nu picch d'-fficijl da r-solv iev u ches:
tre putind cand-det s' sciarrèr-n
p-rcì , o tit-l, tutt e traij cij t-nèv-n!
Dicèv la cijttè d' la disfid, Barlett:
" Ijaij a maij ca cuss onòr m' spètt,
p-rcì ij' so' la chiù 'ndstriaus, la chiù rich
e stu tit-l m' spètt d' d-ritt!"
Da Ijandrij s' r-battèv, sanguign,:
"Uagnè, senz d' maij nan z' fecij nind,
so' ij-ij la chiù grann, so' ij-ij ca tengh chiù cristièn
e se picch parlèt, v' fazz ruman'-ij senza nind 'n me-n;
se picch parlèt, da sta brutta storij m' n' ijèss
e v' fazz rumanij cun a li baccaleij, cun a li fess!"
R-spunnev Tre-n, ch' la puzz sott o ne-s,:
" D' sciarrars nan ijaij proprij u che-s,
p-rcì ij-ij tengh tutt l'caratterist-ch, l' qual-tè,
ijij tra d' veuw, so' la chiù giusta Cijttè:
tengh li palazz chiù signurjl e 'mburtand,
perciò, vaijass, luwat-v da 'nand!"

La matass d-fficij-l ijèv da sbrugghiè
p-rcì ijev-n fùrt tutt e traij l' cijttè.
Poij, nan zaccij cij fu u 'ndelliggend
ca p-nzè d' t-naij tutt e traij cundend:
nascij' acch-ssì u naum BAT da B d' Barlett,
A d' Ijandr e T d' Tre-n,
e niscèun rumanett ch' l' mosch 'n me-n!

Ma mendr chir s' scap-ddev-n,
l'aut e sett paijs mèup stev-n;
mendr s' d-cijdev d' la lora sort,
p-nzev-n scijchitt: " D' sta pruvingij, ce cij n' 'mbort?"
S'addumannev-n , d' quess, la f-nal-tè,
ma na bona r-spost nan z' la sapèv-n dè.
Na caus s-curamend, avèv-n cap'-t
ca , da Foggij e da Bè-r, avèv-n stet rap'-t.

Comunguw, la sesta pruvingij nscèv
mendr la cri-s econom-ch avanzèv
e, p' quess, fu custrett u M-nistr d' l' F-nanz
a luwe' qualche s'-rvizij da 'nand:
facij manovr, post pubbl-ch tagghiè,
acch-ssì l' spa-s putèv-n r-ijndre'.
E, tutt quess accade-v…
mendr la nova pruvingij lu-ch 'mburtand aff-ttev,
d' mob-l nùv e c-steus l'arr-dev
e ijaut 'mbiaghet e pulit-cij s-st-mev!

Ijoscij l' caus s' ijònn a ch-ssì aggravet
ca u Pr-m M-nistr quess ho p-nzet:
" Ijaij n-cijssarij pèur u num-r d' l' pruvingij r-dèucij
e , fors, a la f-n, put-m v-daij nu picch d' lèucij,
put-m ass'-ij da 'sta brutta s-tuaziaun
ca, da tutt , ve-n chiamet "R-cijssiaun".

'Sta nutizij nan ho stet grad-leut do Pr-s-dend d' la BAT
ca da quann l'ho s-ndèut nan zèp, la chep, a do' sbatt:
ho p-nzet d' r-vòlgijs a l'am-cij du S-net
acch-ssì nan vot-n p' quera "Purchet";
da Be-r e da Foggij, ijaut paijs s' vol pigghie',
acch-ssì u t-rr-tòrij d' la BAT s' pot allarghe'
( cissà ce argumend, port a chiss, ch' cumbingijl
ca l' cunvi-n passe' a la sesta pruvingij….Bah!);
'n mezz a la chiazz, 'pèur l'ingondr ch li pajisen ho urgan-zzet
p' fall cap'-ij la 'mburtanz d' la pruvingij da picch ne-t!
"Agorà" quessa nova truwet ho saupannum-net,
p-nzann, fors, a la chiazz grech d' li vecchij timb
(quann avv-rament tutt iev-n sudd-sfatt e cuntind)
a do l'um-n s' 'ngundrev-n, s' cumbrundev-n
e 'nzi-m l' d-cijsièun, cu ben d' la Cijttè, alla f-n, pigghièv-n!
A stu punt m'addumann: " Cum meij a l'AGORA' nan z'ho pn-zet
pr-m ca u prugett d' la sest pruvingij iev rial-zzet?!
Ijèv pr-m angòr d' fall, sta b-n-detta pruvingij,
ijèv tann, ca a la gend, sce-v addumannet:
"TEW…CE N' PINZ???"

L'àn-m s' stecij a danne' u Pr-s-dend
p-rcì, d'allasse' la fascij azzurr, na' ijaij cundend!
Sarrè….ma l' riazièun d' sti pulit-cij, jind a cuss mumend,
m' fann v-n'-ij a mend, d' li che-n, cert attiggiamend:
chir quann tèn-n n'uss gruss mocch
no moll-nn, anz… guèij a ci cji u tocch!
Scijchitt ca, cert pulit-cij, d' ijuss (e ch' la polp…!)
n' ten-n parecchij, chiù d' ijèun,
ma nan vol-n r-nunzie' a niscèun!

Pèur ij-ij, a la storij vogghij fe' r-f-r-mend,
raccundann, d' nu p-rsunaggij, la l-ggend,
sp-rann ca " lo-r", da quess, pinn 'nz-gnamend!
T-n'-t pr-send la storij d' Cijngijnnet?
A maij l'hann raccundet, picch ann dopp ca so' ne-t!
Stu pulit-ch rumèn, dopp ca, ch la "Urbe", facij u duve-r
turnè a zappe' jind o fond, o "Puder":
'mbatt, da la v-ta pubbl-ch e pulit-ch, s' r-tre',
(ijo-m 'nd-l-ggend, cap-scij' ca d' jidd na' stev chiù n-cijsstè!)
l' man-ch, suddsfatt, s'aff-rt-chè, la zapp pijgghiè
e la pagnott, cu s-daur d' la frond, s' guadagnè!

Ma se proprij cu be-n d' la porva gend,
li pulit-cij d' muij , avveramend, vol-n fad-ghe',
l' d-ch ij-ij quer ca ija megghij fe':
Gratis e ch' sagr-ficij, o le-t d' li porv e li d-succupet,
cu lavor e li s-rviz pubbljch honn da cumbatt!
Perciò… lassass-r perd la pruvingij d' la BAT
ca quer ho net mort u mumend stess du part!



Quando nacque la BAT…


Nacque per caso la provincia BAT
Quando tra la Lega e il Capo di Governo ci fu un patto:
"Tu mi concedi una provincia a Settentrione -
dissero seri quelli della secessione -
e noi ti faremo restare sulla poltrona del potere".
Subito quelli del Nord furono accontentati
ma quelli del Sud non rimasero in un angolo:
anch'essi un'altra Provincia avevano richiesto
e non avevano alcuna intenzione di rinunciare!
Per non sentirsi dire:" Come mai, a quelli sì e a noi no,
il governo di centro destra fu costretto ad accontentare anche loro.

Però, per la sesta provincia pugliese
un po' difficile da risolvere fu la faccenda:
tre potenti aspiranti si bisticciarono
perché tutte, al titolo, ci tenevano!
Diceva la città della disfida, Barletta:
"A me spetta questo onore,
io sono la più industrializzata e la più ricca
e questo titolo mi spetta per diritto!"
Da Andria si rispondeva aggressivamente:
"Ragazzi, senza di me non si fa niente;
se non la finite di parlare, me ne uscirò da questa brutta storia
e vi farò rimanere come di baccalà, come dei fessi"
Rispondeva Trani, con la puzza sotto il naso,:
"Non c'è motivo di bisticciarsi,
perché io ho tutte le caratteristiche e le qualità,
io, tra voi, sono la città più giusta:
ho i palazzi più eleganti ed importanti,
perciò, villani, levatevi di torno! ".

La matassa era difficile da dipanare
perché erano potenti tutti e tre,
alla fine, non so chi fu l'intelligente,
che pensò di accontentarle tutte.
Nacque, così, la sigla BAT :
da B di Barletta, A di Andria e T di Trani,
e nessuna rimase con un pugno di mosche in mano.

Ma mentre le tre città si azzuffavano,
gli altri sette paesi zittivano,
mentre si decideva del loro destino,
pensavano solo : " Di questa nuova provincia che ce ne importa ?".
Si chiedevano quale fosse lo scopo di essa
ma non riuscivano a trovare una risposta soddisfacente.
L'unica certezza era che dalle province di Bari e Foggia
erano state sottratte non rispettando la loro volontà.

Comunque, mentre nasceva la sesta provincia,
la crisi economica avanzava
a tal punto che il Ministro delle Finanze
prese pesanti provvedimenti per fronteggiarla:
fece manovre economiche, tagliò posti pubblici,
destinò meno soldi agli enti locali,
in modo da contenere le spese.
E tutto questo accadeva…
mentre la nuova provincia prendeva in fitto palazzi importanti,
li arredava con mobili nuovi e costosi
ed altri politici ed impiegati sistemava!

Oggi la situazione s'è aggravata
e il primo ministro ha pensato questo:
"E' necessario ridurre anche il numero delle province
per uscire da questo tunnel,
per uscire da questa brutta situazione
che da tutti è conosciuta come "Recessione".

Questa notizia, però, non è stata gradita dal presidente della BAT
che da quando l'ha sentita, non sa dove " Sbattere la testa "
ha pensato di rivolgersi agli amici senatori
dicendo loro di non votare per quella " porcata ";
ha pensato di inserire altre città di Bari e Foggia
estendendo così il territorio della BAT
( chissà con quali argomenti riuscirà a convincerli… bah !);
ha persino organizzato incontri, in piazza, con i cittadini
perché capiscano l'importanza della provincia appena nata.
Tale attività l'ha indicata col termine "Agorà"
pensando, forse, alle antiche piazze greche
(quando veramente erano tutti soddisfatti e contenti)
dove gli uomini si incontravano, si confrontavano
ed insieme prendevano le decisioni per il bene della città.
A questo punto mi chiedo :
" Come mai non si è organizzata un'agorà
prima ancora di realizzare la sesta provincia?!
Era ancor prima di far nascere questa benedetta provincia,
era allora, che bisognava chiedere alla gente : Tu, cosa ne pensi?"

Il Presidente si sta dannando l'anima
perché non è contento di deporre la fascia azzurra.
Sarà … ma le reazioni dei politici in questa circostanza
mi ricordano molto le reazioni dei cani :
quelli, quando hanno l'osso in bocca,
non lo mollano, anzi… guai a chi glielo tocca !
Il fatto è che alcuni di questi politici di ossi ( e con la polpa !)
ne hanno parecchi, più di uno
ma non vogliono rinunciare a nessuno.

Anche io voglio ricordare di un personaggio della Storia la leggenda
Sperando che sia d'insegnamento per i politici:
ricordate la storia di Cincinnato?
A me l'hanno insegata pochi anni dopo la mia nascita.
Quel politico romano, dopo aver fatto il suo dovere per Roma,
tornò a lavorare nel suo podere:
infatti, si ritirò dalla vita pubblica e politica,
( uomo intelligente, capì che di lui non c'era più bisogno! )
le maniche della camicia si alzò, prese la zappa
e si guadagnò il pane con il sudore!

Ma se i politici dei nostri giorni per il bene della società vogliono lavorare,
ho un suggerimento da dare :
gratuitamente e con sacrifici, accanto ai poveri ed ai disoccupati,
per il lavoro e per i servizi pubblici devono combattere.
Perciò lascino perdere la provincia BAT
perché è nata morta sin dal parto!.



PROSERPINA
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.