Paola Clemente
Paola Clemente
Sindacati

Paola Clemente, simbolo della lotta contro le illegalità e caporali

A 5 anni dalla morte, Flai e Cgil ricordano la bracciante

Era il 13 luglio di un'estate caldissima. Una giornata che era cominciata come tante altre, di mattina presto. Sveglia alle 2 per essere all'alba nei campi. Ma Paola Clemente, la bracciante tarantina morta nei campi ad Andria mentre lavorava alla cosiddetta acinellatura dell'uva, quel giorno di cinque anni fa a casa non è più ritornata. Un anno dopo, il 18 ottobre del 2016, la Camera dei Deputati ha approvato la Legge n. 199 che contiene regole in materia di contrasto al caporalato e al lavoro nero in agricoltura, ribattezzata "anti-caporali".

"Ecco perché non possiamo né vogliamo dimenticare Paola, la sua storia e quell'estate caldissima sono scolpite nella nostra memoria e nel nostro agire quotidiano. Il sacrificio di questa donna è servito a portare a compimento la nostra battaglia di sempre contro i caporali e contro le illegalità. A lei dedichiamo oggi il nostro pensiero e anche a tutte quelle lavoratrici e quei lavoratori, anche migranti, che purtroppo sono ancora costretti a lavorare, non solo nel comparto agricolo, per poche decine di euro e sotto i caporali. Certo, oggi c'è una legge, uno strumento importante per l'azione di contrasto verso questa piaga da parte delle forze dell'ordine, ma tanto purtroppo resta ancora da fare in termini di diffusione della cultura della legalità nel mondo del lavoro", dicono Gaetano Riglietti, segretario generale Flai Cgil Bat e Biagio D'Alberto, segretario generale Cgil Bat.

A ricordare Paola e tutte le vittime dello sfruttamento nella Camera del Lavoro di Andria dal 2016 c'è una targa voluta per sensibilizzare l'opinione pubblica oltre che per non dimenticare. "In ricordo di Paola diciamo con fermezza a tutte le lavoratici e i lavoratori non solo agricoli di pretendere senza indugi un'occupazione sana e legale, ma soprattutto rispetto e lanciamo loro un appello per non abbassare la testa e non tacere!", concludono Riglietti e D'Alberto.
  • Flai Cgil BAT
Altri contenuti a tema
Rete lavoro agricolo di qualità: solo 8 aziende iscritte nella BAT Rete lavoro agricolo di qualità: solo 8 aziende iscritte nella BAT Riglietti (Flai Cgil Bat): “Numero troppo basso, molte di più le aziende che invece ne hanno i requisiti”
Ripresa della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità Ripresa della Rete del Lavoro Agricolo di Qualità Le segreterie di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil scrivono all’Inps
Assemblee in sicurezza nei posti di lavoro e regolarizzazione dei migranti Assemblee in sicurezza nei posti di lavoro e regolarizzazione dei migranti Agricoltura, nella fase 3 la Flai Cgil Bat torna in strada
Lavoro agricolo: un terzo degli addetti senza tutele nella BAT Lavoro agricolo: un terzo degli addetti senza tutele nella BAT La disamina di Gaetano Riglietti, segretario generale della Flai Cgil Bat
Caporali e sfruttatori non li ferma il Coronavirus Caporali e sfruttatori non li ferma il Coronavirus Una riflessione del segretario generale della Flai Cgil Puglia, Antonio Gagliardi
Agricoltura  BAT: “Nessuna mancanza di manodopera nella filiera” Agricoltura BAT: “Nessuna mancanza di manodopera nella filiera” L'intervento del segretario generale Flai Cgil Gaetano Riglietti
I lavoratori dell’agroalimentare non si fermano I lavoratori dell’agroalimentare non si fermano Riglietti della Flai Cgil Bat chiede alle aziende del settore il rispetto degli accordi presi a livello nazionale
Lotta al caporalato, al via la Rete del lavoro agricolo di qualità Lotta al caporalato, al via la Rete del lavoro agricolo di qualità Cgil e Flai: “Una battaglia di civiltà che così continuiamo a combattere”
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.