Taranto Ministro Trenta
Taranto Ministro Trenta
Storia

Ogni Marinaio sa che la Bandiera è il punto di riferimento

Il Ministro Trenta alla Giornata della Marina a Taranto

Il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha partecipato alle celebrazioni per la Giornata della Marina Militare, che si è svolta oggi a Taranto, presso la Stazione Navale Mar Grande. La Giornata della Marina torna a Taranto dopo 12 anni, a testimonianza del profondo legame tra la città dei due mari e la Marina: sono circa 15.000 infatti i marinai e gli impiegati civili della Difesa, presenti nel tarantino, quasi in ogni famiglia c'è una persona legata alla Marina. Accompagnata dal Capo di Stato Maggiore della Difesa Enzo Vecciarelli e dal Capo di Stato Maggiore della Marina, il Ministro della Difesa ha passato in rassegna lo schieramento delle 20 unità navali presenti in mare per l'occasione, tra cui l'Amerigo Vespucci, "la Signora dei Mari", simbolo dell'Italia nel mondo. Consegnata alla FREMM Martinengo la Bandiera di Combattimento, atto formale che la inserisce a pieno titolo nella Squadra Navale. "La Bandiera che consegniamo oggi è stata donata da questa città. La custodirà lo scrigno donato dall'Associazione Nazionale Marinai d'Italia di Taranto fino a quando non sarà necessario esporla sul pennone più alto della nave. Un grazie particolare al sindaco Melucci e a tutta la cittadinanza per questo atto di grande sensibilità e affetto nei confronti della Marina. Grazie al Contrammiraglio Nicolò Marasciulo, Presidente del Gruppo ANMI di Taranto e a tutti i membri dell'Associazione. Da oggi, al termine di un significativo periodo d'impiego nell'operazione Atalanta, Nave Martinengo è ufficialmente a disposizione della Difesa e al servizio della Patria" ha dichiarato il Ministro nel corso de suo intervento.

Istituita in ricordo della storica impresa di Premuda, una delle più significative ed ardite azioni compiute sul mare nel corso della 1ª Guerra Mondiale dal Comandante Luigi Rizzo, per ricordare quell'insieme di valori, di tradizioni e di imprese che ancora oggi definiscono il tratto della Forza Armata e dei suoi uomini e donne. Il Ministro, ricordando la storica impresa di Premuda, ha continuato "Non c'è dubbio che la nostra Marina Militare sia da sempre sulla scia della costante modernizzazione. Il processo che riguarda le linee operative è iniziato con la Legge Navale del 2014 e procede secondo i programmi, nell'ottica del consolidamento della Squadra Navale nel suo complesso. Il progressivo ingresso in piena operatività di ben sette unità della classe FREMM lo testimonia, così come l'imminente varo della prima unità della nuova classe dei Pattugliatori Polivalenti d'Altura, che sarà dedicata alla memoria dell'Ammiraglio Thaon di Revel. Oggi è il tempo del fare, del costruire, del rinnovare. Ma è anche il tempo delle emozioni come quelle che abbiamo vissuto a Castellammare di Stabia, al varo di Nave "Trieste". O come quella provata oggi con la consegna della Bandiera di Combattimento al "Martinengo". Ogni marinaio sa che la Bandiera non è soltanto il segno distintivo dell'appartenenza alla propria Unità e alla Nazione. È molto di più. È il punto di riferimento. È insieme speranza, purezza e devozione agli eroi che hanno fatto grande l'Italia. É l'approdo sicuro di ogni membro dell'equipaggio."

Oggi a Taranto, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha partecipato alla Festa della Marina Militare. Questo il suo messaggio al termine della cerimonia: "Stupenda la festa nazionale della Marina militare, meravigliosa la cerimonia di consegna della bandiera di guerra a una nuova unità che sarà di stanza a Taranto. Davvero questo è l'orgoglio della Puglia, Puglia che si identifica in Taranto per le ragioni che da secoli fanno di Taranto il luogo della marineria di grande eccellenza di tutto il Paese. Un grazie va al ministro della Difesa per la sua presenza qui, ma soprattutto un grazie va a tutti i marinai d'Italia per l'orgoglio che ho provato oggi nell'essere il presidente della Regione Puglia nel momento in cui abbiamo festeggiato un'occasione così importante. Viva la Marina Militare, viva la Puglia e naturalmente, viva l'Italia".
  • Marina Militare
Altri contenuti a tema
Secondo posto per gli esordienti dell'Aquarius Piscina Canosa Secondo posto per gli esordienti dell'Aquarius Piscina Canosa Ai Campionati Regionali di Salvamento
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.