S.Barbara
S.Barbara
Storia e dintorni

Memoria liturgica di Santa Barbara

Patrona della Marina Militare, dell’Artiglieria, del Genio Militare e dei Vigili del Fuoco

Ricorre il 4 Dicembre la memoria liturgica di Santa Barbara, la Martire Vergine di Nicomedia, Patrona dell'Artiglieria, del Genio Militare, della Marina Militare, dei Vigili del Fuoco. Come cultore dei Santi Patroni delle Forze Armate abbiamo presentato il Breve Apostolico del 4 dicembre 1951 di PIO XII, consegnato in dono alla Caserma dei Vigili del Fuoco di Barletta, alla presenza del Vice Prefetto nel 4 dicembre 2016.

Santa Barbara antica Patrona sin dall'anno 1529
Il culto di Santa Barbara Patrona di alcuni Corpi Militari risale già al 1529, nella protezione dai pericoli incombenti e improvvisi e nell'impatto delle armi d'assedio e del fuoco. "Probati insuper historici ecclesiastici Sanctam Barbaram iam inde ab anno MDXXIX a militibus tormentis bellicis addictis Patronam electam esse affirmant, ac postea similiter a militibus machinariis, a nautis nec non a militibus incendiis extinguendis praepositis." Inoltre, autorevoli Storici Ecclesiastici affermano che sin dall'anno 1529 Santa Barbara è stata scelta Patrona dai Militari addetti alle macchine da fuoco da guerra (pyroballistari) e in seguito dai Militari del Genio, dai Marinai e dai Militari preposti a spegnere gli incendi. Oggi in questo anno travagliato dalla pandemia del Covid, vogliamo valorizzare la Marina Militare, apprezzando in Barletta l'installazione di un Posto Medico Avanzato. Il responsabile della struttura è il Capitano di Vascello Massimo Pitarra, appartenente al Comando di Marina Sud, a Taranto. Nelle sue funzioni è coadiuvato dal Capitano di Fregata, Giuseppe Dott. Mollo che opererà come dirigente sanitario del PMA. Il coordinamento con le autorità sanitarie e della protezione civile locali sarà invece garantito dal Capitano di Vascello Salvatore Dott. Mendicini. Il PMA opererà in completa sinergia con l'Ospedale di Barletta, il quale fornirà tutte le apparecchiature medicali ed i relativi servizi tecnici necessari al funzionamento del campo mobile

Mentre, il Comandante della Capitaneria di Porto di Barletta, Cap. C.F. Roberto Larocca ci ha inviato un messaggio di condivisione, esprimendo "ammirazione e stima per l'opera di studio delle vicende che hanno riguardato la Santa Protettrice", ...nella speranza che grazie alla intercessione di Santa Barbara il Paese e noi tutti possiamo tornare il più presto possibile alla normalità delle nostre vite".

Le Forze Armate non sono solo "Difesa" Militare ma anche Servizio civile alla Comunità in eventi di calamità, in emergenze di sicurezza. La barca in tempesta evocata dal Vangelo da Papa Francesco in Piazza San Pietro, ci riconduce alla Preghiera del Marinaio, considerandoci tutti "naviganti", "nautae" in questa terra, in questa pandemia. Vogliamo rileggere l'invocazione del Marinaio in un monumento pregevole nel 2 ottobre 2010 sulle rive di San Bartolomeo al Mare, in Provincia di Imperia, dove approdai per il matrimonio di mio figlio canosino con la sposa ligure. Il monumento di bronzo di altezza m. 2 riporta due ancore con catena, valorizzato dall'Associazione Marinai d'Italia, che abbiamo contattato. Una lapide di bronzo con i simboli dell'ancora, dell'elica, del timone, della stella, riporta l'iscrizione :
A TE O GRANDE ETERNO IDDIO,
SIGNORE DEL CIELO E DELL'ABISSO,
CUI OBBEDISCONO I VENTI E LE ONDE...
BENEDICI!


Sono i primi tre versi della Preghiera del Marinaio, scritta dal poeta Antonio Fogazzaro nel 1901, e proposta dal Capitano di Vascello Cesare Agnelli come patrimonio della Marina Militare, come avviene nelle cerimonie e nel culto della Bandiera dei Naviganti, dei "nautae" della Marina Militare, con i colori bianco e blu della splendida divisa, che suggella la storia del Popolo Italiano.

Con commozione civile e spirituale riceviamo oggi 4 Dicembre 2020, lettera di grande dignità dal Comandante Scuole della Marina Militare di Ancona, cui abbiamo omaggiato "materiale storico dedicato alla Santa Patrona", "estremamente ricco di dettagli storici e piacevole da leggere". Il Comando Scuole di Ancona apprezza ancor più che lo studio non proviene da un "uomo di divisa" , ma da un cittadino che ha deciso di mettere a disposizione degli altri il Suo impegno e le Sue capacità, con dedizione e profondo impegno educativo e divulgativo... capacità che non possono non appartenere ad un Maestro". Siamo grati e onorati per questo messaggio, da estendere a quanti stimano le Forze Armate come Patrimonio civile e morale della storia del Popolo Italiano, nelle parole del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella.
A Te o grande ed eterno Iddio,
Benedici i nostri Militari, benedici il Popolo Italiano, in questa barca sbattuta dai venti e dalle onde, che obbediscono a Te! ... e così sia!
Maestro Cav. Giuseppe Di Nunno
Santa BarbaraTaranto Giornata della Marina MilitareL’Amerigo Vespucci a TarantoMarina Ancore
  • Vigili del fuoco
  • Marina Militare
Altri contenuti a tema
Barletta: un  Posto Medico Avanzato della Marina Militare Barletta: un Posto Medico Avanzato della Marina Militare Opererà in completa sinergia con l’Ospedale di Barletta
A Barletta  una postazione medica avanzata in allestimento A Barletta una postazione medica avanzata in allestimento Saranno attivati tutti i servizi di assistenza intensivi
Tir in fiamme sull' A/14 Tir in fiamme sull' A/14 E' accaduto sul tratto tra Canosa e Andria-Barletta, direzione Bari
L’Amerigo Vespucci a Taranto L’Amerigo Vespucci a Taranto Il sindaco Melucci : "Un'immagine che racchiude l'essenza di un rapporto secolare, quello tra Taranto e la Marina Militare."
Canosa: a fuoco la collina di via Corsica Canosa: a fuoco la collina di via Corsica Preoccupazione per le fiamme a ridosso di abitazioni
Canosa: si incendia un autovettura Canosa: si incendia un autovettura Transito bloccato in Via Corsica
L'umanità e la professionalità delle donne e degli uomini della Marina Militare L'umanità e la professionalità delle donne e degli uomini della Marina Militare Celebrata la Giornata della Marina Militare
Incendio nel borgo antico del Castello Incendio nel borgo antico del Castello Tanto lavoro per i Vigili del Fuoco, non si registrano feriti
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.