Floriana Fanizza, leader  Donne Imprenditrici di Coldiretti
Floriana Fanizza, leader Donne Imprenditrici di Coldiretti
Politica

Investire sulla cultura alimentare

Floriana Fanizza "Per sensibilizzare i cittadini nei confronti della stagionalità delle produzioni"

E' inaccettabile che l'Unione europea finanzi con risorse pubbliche il business privato della "carne" in provetta dietro il quale si nascondono rilevanti interessi economici e speculazioni internazionali dirette a sconvolgere il sistema agroalimentare mondiale. E' quanto denuncia la Coldiretti Puglia, che in occasione di "#AgoraMove: l'aperitivo della Prevenzione", organizzato dall'assessorato alla Salute della Regione Puglia e dalla ASL di Taranto, ha offerto l'agriaperitivo con frullati a base di frutta di stagione, smoothie e centrifugati di verdure, rigorosamente a chilometro zero dei contadini di Campagna Amica, nell'ambito delle iniziative in programma nel mese di ottobre, dedicato alla sensibilizzazione delle donne sulla prevenzione del tumore al seno. "Il finanziamento di 2 milioni di euro concesso a due aziende olandesi impegnate nella produzione di "carne" in laboratorio da cellule in vitro è stato concesso alla Nutreco e alla Mosa Meat dove ha investito anche il famoso attore americano Leonardo di Caprio che non ha certo bisogno dei soldi dei cittadini europei. Non si tratta peraltro dell'unico episodio di personaggio pubblico che cerca di fare business con la carne finta come dimostra il caso del magnate Bill Gates. Il supporto finanziario è stato peraltro concesso del programma React Eu che la Commissione aveva avviato per rispondere alla crisi generata dall'emergenza Covid che ha messo in ginocchio il sistema dell'allevamento in Italia e in Europa", ha detto Floriana Fanizza, leader di Coldiretti Donne Impresa.

La scelta di sostenere società che puntano a fare concorrenza sleale sul mercato spacciando per carne prodotti ottenuti – rileva Coldiretti Puglia - dalla moltiplicazione cellulare in laboratorio combinate con fattori di crescita e sostanze compatibili con i tessuti biologici, si aggiunge peraltro alla campagna di demonizzazione in atto per la vera carne. Una doppia tenaglia che minaccia di far chiudere le stalle con perdite di posti di lavoro e di produzioni tradizionali la cui distintività è componente strategica del Made in Italy nel mondo. "Investire sulla cultura alimentare significa – ha spiegato Floriana Fanizza - impegnarsi in una capillare azione di educazione alimentare per sensibilizzare i cittadini nei confronti della stagionalità delle produzioni, del rispetto ambientale e delle reali caratteristiche del cibo che si porta in tavola, perché mangiare bene aiuta a stare bene in salute. Si tratta di un bisogno di conoscenza sempre più sentito nelle città e un dovere nei confronti dei bambini che devono imparare sin dalla tenere età ad alimentarsi in maniera corretta".

La pandemia ha imposto un cambiamento radicale delle abitudini di vita e di consumo – sottolinea Coldiretti Puglia – che ha avuto effetto anche sulla bilancia, dove la tendenza a mangiare di più, spinta dal maggior tempo trascorso fra le mura di casa, non è stata compensata da una adeguata attività fisica, un fenomeno che ha colpito soprattutto gli uomini dove l'eccesso di peso interessa addirittura più della metà della popolazione (55%) mentre per le donne la percentuale è di molto inferiore (37%). Supera addirittura di 6 punti la media nazionale la percentuale di bambini obesi e in sovrappeso in Puglia, il 15% rispetto al 9% del valore nazionale, dove i lunghi periodi trascorsi in casa hanno portato ad aumentare il consumo di cibi spazzatura e bevande zuccherate e a ridurre l'attività fisica, con più ore passate davanti alla tv e al pc. Vanno modificate abitudini di consumo sbagliate che si sono diffuse ovunque e formare dei consumatori consapevoli – aggiunge Coldiretti Puglia – sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell'agricoltura con i cibi consumati ogni giorno.

"Anche per quest'anno scolastico abbiamo proposto all'Ufficio Scolastico regionale della Puglia – ha insistito Floriana Fanizza - il progetto di Coldiretti di educazione alimentare a tutte le scuole di ogni ordine e grado, perché con le lezioni in aula e la rete delle fattorie didattiche di Coldiretti, in collaborazione con gli enti locali e le altre autorità territoriali coinvolte, possiamo contribuire a formare i bambini sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea, ricostruire il legame che unisce i prodotti dell'agricoltura con i cibi consumati ogni giorno e fermare il consumo del cibo spazzatura, aggravato dal Covid". Per aiutare tutto il sistema scolastico e le famiglie ad alimentare al meglio le giovani generazioni e l'intero nucleo familiare, da anni il Progetto di Educazione alla Campagna Amica ha agevolato l'incontro tra i bambini e i prodotti agricoli 'fatti' dagli agricoltori. In Puglia negli ultimi 10 anni – riferisce Coldiretti Puglia - sono stati coinvolti nel progetto delle masserie didattiche 200mila bambini e 480 scuole, di cui il 70% nella fascia d'età compresa fra i 4 e gli 11 anni, dalla scuola materna alla primaria e il 30% studenti più grandi medie e superiori.

"I percorsi virtuosi sull'approvvigionamento delle mense scolastiche con il cibo a Km0 dovranno diventare prioritari – ha concluso Fanizza - alla ripresa dell'attività didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado. L'86% dei genitori ritiene che le mense dovrebbero offrire i cibi più sani per educare le nuove generazioni dal punto di vista alimentare, mentre solo il 12 per cento ritiene che dovrebbero essere serviti i piatti che piacciono di più". I lockdown e le misure di prevenzione con la chiusura a più riprese delle scuole in un anno e oltre di Covid hanno impattato pesantemente sulla salute dei minori ancor più che sugli adulti, che tra le esigenze lavorative e la possibilità di fare attività fisica almeno individuale, sono riusciti ad assorbire meglio i problemi causati dalla permanenza forzata tra le mura domestiche. Al contrario, bambini e adolescenti hanno subito tutti gli effetti negativi del blocco degli spostamenti – evidenzia Coldiretti Puglia -, con il risultato di aver consumato un pasto in più, spesso a base di cibi spazzatura e bibite gassate, ridotto il consumo di frutta e verdura, incrementato di ben 5 ore il tempo passato davanti allo schermo tra televisione, internet, videogiochi e didattica a distanza. L'obiettivo – conclude la Coldiretti Puglia – è quello di formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea, ricostruire il legame che unisce i prodotti dell'agricoltura con i cibi consumati ogni giorno e fermare il consumo del cibo spazzatura, aggravato dal Covid.
  • Coldiretti Puglia
  • Coldiretti Donne Impresa
Altri contenuti a tema
Olio extravergine di oliva, elisir di lunga vita Olio extravergine di oliva, elisir di lunga vita Uno dei doni in bella mostra nei mercati contadini di Campagna Amica
Puglia: Aperte ‘le adozioni a distanza’ degli ulivi Puglia: Aperte ‘le adozioni a distanza’ degli ulivi L'iniziativa di Coldiretti Puglia
Le aziende agricole ‘rosa’ contro ogni forma di abuso Le aziende agricole ‘rosa’ contro ogni forma di abuso Le dichiarazioni di Floriana Fanizza, leader nazionale e regionale di Coldiretti Donne Impresa
Raccolta di olive. Continuano i furti Raccolta di olive. Continuano i furti La denuncia di Coldiretti Puglia sul fenomeno della micro e macro criminalità nelle aree rurali
Emergenza: Manca la manodopera nelle campagne Emergenza: Manca la manodopera nelle campagne Coldiretti Puglia: "E' importante l'emanazione del decreto flussi 2022"
Stop alle speculazioni che deprimono i prezzi dell’olio extravergine pugliese Stop alle speculazioni che deprimono i prezzi dell’olio extravergine pugliese L'intervento di Coldiretti Puglia 
Puglia: Prezzi dell’olio in calo Puglia: Prezzi dell’olio in calo L'ennesimo colpo alla liquidità delle imprese
Giornata Mondiale dei Poveri. Giornata Mondiale dei Poveri. Coldiretti ha partecipato a iniziative di solidarietà per aiutare le famiglie più bisognose
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.