Piccolo Teatro
Piccolo Teatro "ChivivefarumorE" Canosa di Puglia(BT)
Eventi e cultura

In scena “Castigo di Dio"

Prime date del 2020 al Piccolo Teatro "ChivivefarumorE" 

Prime date del 2020 al Piccolo Teatro "ChivivefarumorE" a Canosa di Puglia(BT) in via Trieste e Trento n,24 che ha presentato "Castigo di Dio", riduzione teatrale liberamente tratta dal romanzo di Marcello Introna, a cura di Lisa Lafaenza e Rossella Di Gioia, regia di Nunzio Sorrenti.Tra bene e male, tra giusto e ingiusto, tra bello e orrendo che il romanzo "Castigo di Dio" pubblicato nel 2018 da Mondadori, si è realizzato. """È l'estate del 1943 a Bari, quando un uomo corrotto e malvagio che tutti chiamano "Amaro" decide di rapire la figlia dodicenne di un ricco proprietario terriero della provincia. A capo di un'organizzazione malavitosa dai contorni inquietanti, Amaro è il re della Socia, un immenso palazzo fatiscente che nel corso degli anni ha subito un progressivo e inarrestabile degrado.Proprio quando il regime fascista cade, la Germania nazista perde colpi e gli Alleati prendono il controllo della città, grazie alla complicità e alla protezione del prefetto Nicola Arpino, Amaro si serve della sua corte dei miracoli, e specialmente del suo sadico vassallo Filippo, per gestire la borsa nera, i traffici legati alla prostituzione e allo spaccio di morfina, trasformandoli in guadagni faraonici che non gli bastano mai. A creargli qualche problema ci sono gli articoli di denuncia di Luca "il Bracco", un giornalista acuto ed entusiasta, le indagini incalzanti del commissario Michele De Santis, e il disprezzo sentimentale e umano di Anna, la donna più bella della Socia. Anna è la puttana letterata che conosce il latino e il greco antico e ritrova un po' di serenità solo quando può fare lezione ai due piccoli orfani che vivono in quell'inferno: Lorenzo e Francesco. Sullo sfondo di una città devastata dalle privazioni, dalle clientele e dalla malafede dilagante, la Socia è una realtà scomoda di cui tutti fingono di ignorare l'esistenza, il cupo teatro in cui si muovono i molti personaggi di questo romanzo corale, il palcoscenico dove Salvio, un fabbro taciturno e solitario, sceglie di sfidare Amaro per amore di Anna.In quei piccoli appartamenti invasi dalla muffa, oltre ai soprusi e alle malattie, c'è anche tanta brava gente""". Nelle serate del 17,18 e 19 gennaio 2020,al Piccolo Teatro "ChivivefarumorE", per "Castigo di Dio" saranno in scena, in ordine di apparizione: Cosimo Paolucci, Sabrina Tatò, Palma Todisco, Antonio Pastor, Nunzio Sorrenti, Lisa Lafaenza, Ezio Ranaldi, Rossella Di Gioia. Costumi a cura di Anna Marzullo, musiche a cura di Ezio Ranaldi, fotografo di scena Sabino Carbone, tecnico audio e luci Donato Destino.Ingresso alle ore 20,30, sipario alle ore 21,00. E' attiva l'utenza telefonica 3382562352 per ulteriori informazioni.
  • Canosa di Puglia(BT)
  • Piccolo Teatro "ChivivefarumorE"
Altri contenuti a tema
Sanificazione delle strade cittadine Sanificazione delle strade cittadine In atto questi giorni a Canosa
Nel ricordo di Nicola Malcangio Nel ricordo di Nicola Malcangio Tra i primi webmaster di Canosa
Tony Milano non è più tra noi Tony Milano non è più tra noi Il ricordo nella testimonianza della sorella Franca
Canosa famosissima città «celebrata dalla sola memoria» Canosa famosissima città «celebrata dalla sola memoria» La bellezza dei suoi monumenti nazionali
Crolla un edificio pericolante in via De Gasperi Crolla un edificio pericolante in via De Gasperi Transennata l'intera area
1 Ripristino della segnaletica stradale Ripristino della segnaletica stradale Sono iniziati i lavori a Canosa
Divelta parte della Cassa Armonica Divelta parte della Cassa Armonica A causa delle forti raffiche di vento.Transennata l'area
Canosa invasa dagli storni Canosa invasa dagli storni Bellissime figure geometriche disegnate in volo
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.