UTE  Smanie per villeggiatura
UTE Smanie per villeggiatura
Associazioni

Donne sul palcoscenico.La Magia del Teatro al femminile

All'U.T.E. va in scena lo spettacolo teatrale

Si avvia verso il gran finale il programma degli incontri culturali 2018-19, promossi ed organizzati dall'Università della Terza Età Sezione "Prof. Ovidio Gallo" di Canosa di Puglia, presieduta dal dottor Sabino Trotta, che si svolgono presso l'Auditorium dell'Oasi "Arcivescovo Francesco Minerva", in via Muzio Scevola nr.20. Alle ore 18,30 odierne, si terrà la rappresentazione scenica dal titolo "Donne sul palcoscenico La Magia del Teatro al femminile" nell'ambito delle attività del corso di teatro tenutesi in questi mesi a cura di Nella Azzollini e Sabina Barbarossa.

La storia del teatro occidentale narra che le donne greche non solo non potevano recitare (i ruoli femminili erano interpretati da uomini), ma non "è nemmeno certo che avessero il permesso di assistere alle rappresentazioni". Il teatro latino, meno legato a valori civili e religiosi rispetto al teatro greco, era un occasione di divertimento per tutti gli strati sociali, comprese le donne, che potevano assistere alle rappresentazioni. Le donne avevano la possibilità di calcare il palcoscenico nei mimi, durante i quali recitavano, cantavano e ballavano. Nel Medioevo il teatro venne bandito dalla Chiesa e, nelle rare rappresentazioni di carattere in prevalenza religioso, i ruoli femminili erano ancora interpretati da uomini. Con la Commedia dell'Arte le donne calcarono per la prima volta il palcoscenico, anche se in qualità di "meretrici oneste" (le attrici erano considerate donne di facili costumi) e poterono dedicarsi alla recitazione, alla musica e al canto in pubblico. Mentre in Francia e Italia le donne iniziavano conquistare il palcoscenico, in Inghilterra la prima attrice recitò nel 1660, si trattava di Margaret Hughes, che interpretò Desdemona nell'Otello. Nel Settecento i ruoli femminili diventarono il perno dell'azione scenica e Goldoni fu il primo grande ritrattista del femminile nel teatro italiano. L'Ottocento è il secolo delle grandi attrici, quasi tutte figlie d'arte mentre a cavallo tra il XIX e il XX secolo il teatro era il principale mezzo mediatico e, presentando un'immagine di donna lontane da quelle canoniche attraverso la presenza di attrici acculturate, lavoratrici e indipendenti, ha contribuito all'emancipazione della donna.

Nel rinnovare l'invito ad assistere allo spettacolo "Donne sul palcoscenico La Magia del Teatro al femminile" di questa sera, il presidente dell'U.T.E., dottor Sabino Trotta ha ricordato che è in atto il concorso "Premio Ovidio Gallo" per una Tesi di laurea, teso a valorizzare l'immagine storica e culturale di Canosa attraverso una scrupolosa ricerca di documentazione sviluppata da studi su Archivi di Stato e reperti archeologici del territorio.
  • Università della Terza Età Canosa
Altri contenuti a tema
La Sepoltura di San Sabino. Da San Pietro alla Cattedrale La Sepoltura di San Sabino. Da San Pietro alla Cattedrale Il professor Sabino Facciolongo all'U.T.E.
Matera:Città di pietra e di acqua Matera:Città di pietra e di acqua La professoressa Maria Losito all'U.T.E.
La Protezione Civile nella Regione Puglia La Protezione Civile nella Regione Puglia Ruggiero Mennea all'U.T.E.
Nuovi documenti su Giove-Toro Nuovi documenti su Giove-Toro La dottoressa Maria Nunzia Labarbuta all'U.T.E.
L’eccellenza del  vino pugliese L’eccellenza del  vino pugliese L'enologo Carlo Caracciolo all'U.T.E.
Si prese cura di Lui Si prese cura di Lui Il Campanile n.5-Settembre/Ottobre 2019
Incontri culturali all'Università della Terza Età fino a giovedì 2 gennaio Incontri culturali all'Università della Terza Età
Sandro Sardella all'U.T.E. Sandro Sardella all'U.T.E. Presenterà il suo 2° libro “Epoche buie”
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.