Giornali, Editoria
Giornali, Editoria
Cronaca

Copie pirata dei quotidiani diffuse in chat

Procura della Repubblica di Bari ha sequestrato canali Telegram 

Nonostante la pesante crisi editoriale che da anni attanaglia l'intero comparto, "i pirati dei quotidiani non mancano". In queste ore, la Procura della Repubblica di Bari ha sequestrato ben 19 canali Telegram che ogni giorno diffondono gratuitamente quotidiani, periodici e libri che "hanno rubato chissà da chi". In mancanza di collaborazione da parte della società che gestisce la piattaforma di messaggistica istantanea, si andrà al "blocco di accesso" da parte dei provider italiani a Telegram. L'iniziativa, avanzata dalla Procura, chiude i canali pirata attraverso cui, ogni mattina, milioni di italiani leggono fraudolentemente (probabilmente non conoscendo la provenienza del quotidiano) giornali nazionali e locali, mensili e settimanali. In queste ore i finanzieri del Nucleo di Polizia Finanziaria e il Nucleo speciale di Tutela della Privacy nella sede dell'Agcom di Roma, hanno notificato un sequestro preventivo d'urgenza firmato dal procuratore aggiunto Roberto Rossi che segna una linea di non ritorno nella guerra alla pirateria, ai contenuti editoriali rubati. Il procuratore contesta ai gestori di Telegram, ancora in fase di identificazione, una serie di reati in materia di violazione del copyright: "Distribuivano, trasmettevano e diffondevano in formato Pdf, riviste, giornali e libri (beni tutelati dal diritto di autore), dopo aver acquisito illecitamente, mediante accesso abusivo al sistema informatico (o comunque con sottrazione illecita ai legittimi detentori) decine di migliaia di files, a fini di lucro (costituito dalla cessione dei dati personali a fine pubblicitario), immettendoli in decine di canali Telegram, liberamente accessibili al pubblico". La Procura di Bari, inoltre, contesta a Telegram di non aver mai voluto collaborare all'identificazione e spegnimento dei canali pirata aperti sulla sua piattaforma. Al contrario di essersi sempre spesa per "far perdere le tracce dell'origine illecita". Una vera e propria operazione di "ripulitura", assimilabile - secondo recente Cassazione - a quella che viene operata per il denaro provento di illeciti o per le opere d'arte rubate.
  • Guardia di finanza
Altri contenuti a tema
Usura: tolleranza zero Usura: tolleranza zero Le indagini concluse dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari
Pirateria digitale:OPERAZIONE “#CHEGUAIO!” Pirateria digitale:OPERAZIONE “#CHEGUAIO!” Sequestri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari
Canosa: Prezzi alle stelle, controlli della Guardia di Finanza Canosa: Prezzi alle stelle, controlli della Guardia di Finanza I dettagli dell'Operazione Right Price"
Alcool etilico per disinfettanti all’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza Alcool etilico per disinfettanti all’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza La donazione fatta dalla Guardia di Finanza di Foggia
Manovre speculative sulla vendita dei dispositivi di protezione individuali Manovre speculative sulla vendita dei dispositivi di protezione individuali Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari ha eseguito un sequestro preventivo nei confronti di 3 società baresi ritenute responsabili
Sequestrati prosciutti e superalcoolici di provenienza furtiva Sequestrati prosciutti e superalcoolici di provenienza furtiva Nel corso dei controlli della Guardia di Finanza
Sequestrato un rimorchio carico di elettrodomestici usati Sequestrato un rimorchio carico di elettrodomestici usati Denunciato un responsabile per spedizione illecita di rifiuti
Sequestrati 80.000 guanti in lattice monouso destinati all’esportazione Sequestrati 80.000 guanti in lattice monouso destinati all’esportazione Controllo congiunto della Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane al porto di Bari
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.