Di Ruggiero Morra
Di Ruggiero Morra
Vita di città

Canosa: La Grande Guerra 1915-1918

Il sindaco Morra ringrazia il maresciallo Di Ruggiero per l'opera realizzata

Furono circa 4.000, si legge nel volume "Canosa La Grande Guerra 1915-1918", i giovani canosini, perlopiù contadini ed analfabeti, che lasciarono città, lavoro, famiglie ed affetti per combattere al fronte il nemico austro-ungarico a difesa della Patria, molti dei quali non fecero più ritorno a casa. Ad un secolo da quando si svolsero gli eventi, l'autore, il canosino Michele Di Ruggiero, attraverso un'appassionato e minuzioso lavoro di ricerca partito dall'Archivio Storico Comunale e proseguito consultando diverse fonti in archivi storici e Sacrari militari ha raccolto nomi, dati matricolari e spesso anche i volti dei nostri concittadini che presero parte agli eventi bellici del primo conflitto mondiale.

"Ringrazio il Maresciallo Michele Di Ruggiero - dichiara il Sindaco di Canosa Roberto Morra - per avermi fatto dono della sua ultima opera che riallaccia i fili della memoria per restituire alla Città del XXI Secolo il Nome e i Volti dei nostri progenitori. "Canosa e la Grande Guerra" rappresenta per noi, uomini e donne del 2020, la Piazza d'Onore, il luogo in cui lasciarsi trasportare dal vento del sacrificio per la Patria, dove ogni volto racconta una storia, diversa ma uguale a tante altre, una storia che si può facilmente ritrovare e rivivere nelle strade e nei vicoli della Canosa di inizio '900. Sfogliando le sue pagine, nomi e volti si aprono al nostro sguardo. Ma i loro volti, i loro nomi, sono ancora i nomi e i volti di oggi, i nostri nomi, i nostri volti, discendenti di quegli uomini che hanno dato la vita per la nostra Nazione e ai quali restituire, quotidianamente, la limpidezza del loro esempio. Anche Canosa ha pagato il suo tributo di sangue nel conflitto del 15/18 e il lungo elenco dei canosini deceduti al fronte ne dà testimonianza: oltre 20 pagine di di nomi e dati scorrendo le quali, il primo impulso è quello di ricercare il proprio cognome per potersi riconoscere in quell'omonimo illustre, magari sconosciuto, ma legato a noi da quel nome a cui sentiamo di appartenere. Noi tutti apparteniamo a questi uomini per discendenza, - conclude il sindaco Morra - ma anche perché a loro ci lega la nostra terra, la nostra storia, il nome della Città in cui i loro occhi hanno guardato lo stesso cielo che noi guardiamo ogni giorno. Dobbiamo anche a loro il nostro essere cittadini di Canosa: dobbiamo esserne degni."
  • Sindaco Morra
  • La Grande Guerra
Altri contenuti a tema
Canosa: Attivo il centro vaccinale presso il Palazzetto dello Sport Canosa: Attivo il centro vaccinale presso il Palazzetto dello Sport Si è partiti con i nati nel 1942
Emergenza Covid: il sindaco Morra firma nuova ordinanza Emergenza Covid: il sindaco Morra firma nuova ordinanza H24: divieto di raggruppamenti e/o riunioni anche spontanee
Luoghi Comuni. 40.000€ per realizzare interventi di innovazione sociale Luoghi Comuni. 40.000€ per realizzare interventi di innovazione sociale Open day sulla piattaforma Zoom
Il Comune di Canosa efficiente e virtuoso nella gestione finanziaria Il Comune di Canosa efficiente e virtuoso nella gestione finanziaria Le dichiarazioni del sindaco Morra
Canosa: "M'illumino di meno" Canosa: "M'illumino di meno" Il Comune aderisce a due importanti iniziative di interesse nazionale e mondiale "Hearth hour"
Canosa: convocato il Consiglio Comunale Canosa: convocato il Consiglio Comunale In seduta ordinaria e pubblica mediante diretta streaming
Canosa:  176 i casi di positività Canosa: 176 i casi di positività Le dichiarazioni del sindaco Morra
Il Modello Canosa: la filiera della formazione scolastica Il Modello Canosa: la filiera della formazione scolastica Primo convegno in Live streming 
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.