Tratturo Regio Canosa
Tratturo Regio Canosa

Italia Nostra: preservare le piante superstiti

Volontari della sezione di Canosa all'opera nel Parco del Regio Tratturo

Nel pomeriggio di martedì 29 giugno scorso la sezione di Canosa di Italia Nostra è stata impegnata nell'asportazione meccanica delle stoppie sul Parco del Regio Tratturo, nel tratto immediatamente prospiciente il fiume Ofanto. L'intervento si è reso necessario in quanto a più riprese, dal pomeriggio di domenica 20 giugno scorso, ignoti hanno appiccato incendi all'erba secca, danneggiando i tronchi degli alberi più grandi e bruciando totalmente quelli più giovani, sul lato rivolto verso il canale di scolo delle acque piovane. Evidentemente non ancora appagati della distruzione già causata, i piromani sono tornati in azione, presumibilmente tra lo scorso lunedì sera e martedì mattina finendo per distruggere anche il lato opposto (per intenderci, quello prospiciente il pescheto privato), dove, a novembre del 2019, in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, sono state piantati circa 200 piccoli lecci dagli alunni delle scuole canosine e prima ancora 'roverelle' nell'ambito del famigerato progetto 'Porte del Parco dell'Ofanto'.

Tra sprechi e trascuratezze decennali (ricordiamo che la cosiddetta foresteria, realizzata una ventina d'anni fa per il Parco Del Regio Tratturo, non è mai entrata ufficialmente in funzione) l'azione dei volontari, in questi anni, si è limitata più che altro a preservare le piante superstiti da ulteriori calamità, alle denunce sull'abbandono di beni demaniali e comunali e a iniziative dimostrative, mentre si avverte più che mai la necessità di interventi programmati e garantiti nel tempo che assicurino la sorveglianza e al tempo stesso la libera fruizione di un Parco, che per ora si è rivelato più che altro uno strumento per emungere fondi.

E quindi, ancora una volta, per scongiurare che tutto il lavoro effettuato, anche da altre associazione locali, finisse sotto il fuoco dei piromani, Italia Nostra ha deciso di intervenire, a proprie spese, nella pulizia dell'area, mediante un'aratura leggera del terreno intorno ai lecci piantati a ridosso della torre di legno (altro monumento allo spreco, ora in abbandono, mai consegnato alla collettività). Alcuni soci, combattendo anche contro il caldo asfissiante, hanno provveduto, dopo il passaggio del mezzo meccanico, a innaffiare i circa 30 lecci superstiti, che adesso, si spera, passeranno indenni quest'altra stagione.
Tratturo Regio CanosaTratturo Regio CanosaTratturo Regio CanosaTratturo Regio Canosa
  • Italia Nostra Sezione di Canosa
Altri contenuti a tema
Canosa: La variante al piano urbanistico generale Canosa: La variante al piano urbanistico generale Una opportunità per lo sviluppo della città.
Discarica Tufarelle: la vittoria al Consiglio di Stato non significa aver vinto la guerra Discarica Tufarelle: la vittoria al Consiglio di Stato non significa aver vinto la guerra La nota di Italia Nostra  Sezione di Canosa
Ex-Filantropica:  Il progetto “L’elmo di Scipio” Ex-Filantropica: Il progetto “L’elmo di Scipio” Presentato da Pro Loco. Fondazione Archologica Canosina in collaborazione con Italia Nostra
Ex Filantropica: verso la revoca degli atti amministrativi Ex Filantropica: verso la revoca degli atti amministrativi Dichiarazione congiunta della Fondazione Archeologica Canosina, Pro Loco e Italia Nostra
Per il decoro e la storia della Cattedrale San Sabino Per il decoro e la storia della Cattedrale San Sabino Raccolta firme di Italia Nostra Sezione Canosa
I lavori di conservazione del Ponte romano sull’Ofanto: Un’opera incompiuta. Una storia italiana I lavori di conservazione del Ponte romano sull’Ofanto: Un’opera incompiuta. Una storia italiana La nota di Mario Riccardo Limitone-Presidente ITALIA NOSTRA Sezione di Canosa
Sforziamoci di vedere la nostra città con gli stessi occhi del visitatore Sforziamoci di vedere la nostra città con gli stessi occhi del visitatore Limitone, Presidente Sezione di Canosa di ITALIA NOSTRA scrive a CanoSIamo
Bene il C.U.R.A (Corridoio Ecologico Urbano Archeologico) ma serve più coraggio Bene il C.U.R.A (Corridoio Ecologico Urbano Archeologico) ma serve più coraggio Comunicato congiunto della FAC e Italia Nostra
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.