Olivo
Olivo
Territorio

Siccità: Olivi in stress idrico, serve piano invasi

Si conclude giugno da bollino rosso

Si chiude il mese di giugno da bollino rosso con temperature in Puglia fino a 43 gradi, assenza di piogge da settimane e campi a secco, con l'irrigazione di soccorso per dare acqua agli olivi che sono in stress idrico e non producono olive. E' quanto afferma Coldiretti Puglia, che stima un calo del 40% della produzione di olive, a causa del caldo anomalo durante la fioritura e la siccità che hanno compromesso l'allegagione. "Le temperature altissime già da maggio stanno costringendo gli agricoltori all'irrigazione di soccorso con costi altissimi per il caro gasolio per tirare l'acqua dai pozzi per salvare gli olivi in sofferenza per la straordinaria ondata di caldo. Serve un piano invasi, con una rete di piccoli invasi con basso impatto paesaggistico e diffusi sul territorio, privilegiando il completamento e il recupero di strutture già presenti, progettualità già avviata e da avviarsi con procedure autorizzative non complesse, in modo da instradare velocemente il progetto complessivo e ottimizzare i risultati finali. L'idea è di "costruire" senza uso di cemento per ridurre l'impatto l'ambientale bacini in equilibrio con i territori, che conservano l'acqua per distribuirla in modo razionale ai cittadini, all'industria e all'agricoltura", spiega Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

La situazione delle campagne e le previsioni meteo per i prossimi giorni rendono sempre più evidente l'urgenza di avviare un grande piano nazionale per gli invasi che Coldiretti propone da tempo. Viene raccolta solo l'11% dell'acqua piovana e si potrebbe arrivare al 50% – denuncia Coldiretti Puglia – evitando così situazioni di crisi che in Puglia si ripetono ogni anno. Bisogna ripartire alle incompiute, come la diga del Pappadai in provincia di Taranto, un'opera idraulica mai utilizzata e di fatto abbandonata, utile a convogliare le acque del Sinni per 20 miliardi di litri di acqua da utilizzare per uso potabile e irriguo, che una volta ultimata andrebbe a servire l'Alto Salento, ancora oggi irrigato esclusivamente con pozzi e autobotti. La mancanza di una organica politica di bonifica e irrigazione - aggiunge la Coldiretti Puglia - comporta che lo stesso costo dell'acqua sia stato e continui ad essere caratterizzato da profonde ingiustizie. Ma vanno anche rivisti gli accordi fatti con la Regione Basilicata, circa il ristoro del danno ambientale, e con la Regione Molise per la realizzazione di una condotta di 10 chilometri per drenare acqua dall'invaso del Liscione sul Biferno fino all'invaso di Occhito sul Fortore. Per fare ciò è necessario che la questione sia trattata per quella che è, cioè una vera e propria emergenza nazionale velocizzando le autorizzazioni burocratiche come fatto, ad esempio, per il caso del Ponte Morandi a Genova. Solo in questo caso sarà possibile dare una risposta concreta alla sofferenza di imprese e cittadini. La realizzazione di un'opera pubblica di importo superiore ai 10 milioni di euro, in Italia - ricorda Coldiretti Puglia su dati dell'ANBI - necessita mediamente di 11 anni, di cui 42 mesi per la progettazione, 60 mesi per la costruzione, 16 mesi per la gara d'appalto, 13 mesi per il collaudo.

La regione con il minimo afflusso meteorico è proprio la Puglia dove piove meno con 641,5 millimetri annui medi e mantiene anche il primato negativo della disponibilità annua media di risorsa pro capite con soli 1000 metri cubi, meno della metà della disponibilità annua pro capite media nazionale stimata in 2330 metri cubi. Negli invasi artificiali per l'assenza di piogge mancano 71 milioni di metri cubi d'acqua rispetto alla capacità, secondo i dati dell'Osservatorio ANBI Nazionale, ma a preoccupare – denuncia Coldiretti Puglia - è la riduzione delle rese di produzione delle coltivazioni in campo come il grano e gli altri cereali, ma anche quella dei foraggi per l'alimentazione degli animali e di ortaggi e frutta che hanno bisogno di acqua per crescere. Con la trebbiatura in corso, si registra un calo del 30% delle rese per il grano e l'avena, del 25% per i legumi, ma si assiste anche alla maturazione contemporanea delle diverse varietà di frutta e ortaggi, come ciliegie e asparagi, dove le primizie e le varietà tardive sono maturate praticamente assieme, invadendo il mercato che non riesce ad assorbire le produzioni. Ma gli effetti sono evidenti anche sul settore olivicolo con il caldo durante la fioritura e la siccità che hanno compromesso l'allegagione, con una stima di un calo sensibile della produzione di olive del 40% in Puglia.

A risentire è tutto il settore agricolo nel 2022 divenuto rovente con la frutta e la verdura in campo bruciate dal solleone e i frequenti incendi in Salento e nel foggiano. Stanno soffrendo il caldo gli animali nelle stalle dove le mucche per lo stress delle alte temperature stanno producendo fino al 30% circa di latte in meno rispetto ai periodi normali, mentre il calo delle rese hanno ridotto la produzione dell'alimentazione degli animali, come orzo e piselli proteici. I costi sono schizzati alle stelle per l'irrigazione di soccorso e per la necessità di gasolio per tirare l'acqua dai pozzi, azionare trattori e mietitrebbie per raccogliere il grano e per tenere in funzione h24 ventilatori e doccette refrigeranti nelle stalle per aiutare le mucche a sopportare meglio la calura. Una situazione che fa salire ben oltre i 100 milioni di euro il conto dei danni provocati nel 2022 all'agricoltura pugliese – conclude Coldiretti Puglia - per il caldo e la siccità soprattutto per le quantità e la qualità dei raccolti con le avversità da sole e scottature dei prodotti agricoli che non sono più assicurabili.
  • Coldiretti Puglia
  • Olivo
  • Siccità
Altri contenuti a tema
Maltempo:  la peggior estate del decennio Maltempo: la peggior estate del decennio Raccolti devastati, danni all’agricoltura in Puglia
Il maltempo aggrava i danni della siccità Il maltempo aggrava i danni della siccità Anno nero per l'agricoltura con pesanti perdite
Maltempo: grandinate e nubifragi sono gli ennesimi fenomeni estremi in Puglia Maltempo: grandinate e nubifragi sono gli ennesimi fenomeni estremi in Puglia Abbattuti su terreni secchi per la siccità che dura da mesi
Vola l’export del vino pugliese Vola l’export del vino pugliese Sul mercato interno pesa il ‘carovita’ ed il timore di entrare in recessione
Emergenza caldo: è aumentata la mortalità Emergenza caldo: è aumentata la mortalità Bari è al secondo posto delle 33 città italiane monitorate
Puglia: Parte in  anticipo la vendemmia 2022 Puglia: Parte in anticipo la vendemmia 2022 La produzione regionale si stima in calo del 15%
Il cibo locale sostiene l’economia e lo sviluppo del territorio Il cibo locale sostiene l’economia e lo sviluppo del territorio Al via la settimana mondiale dei Farmers Markets
In arrivo  le prime risorse per aiutare le aziende agricole contro gli effetti della siccità In arrivo le prime risorse per aiutare le aziende agricole contro gli effetti della siccità A darne notizia è Coldiretti Puglia, in merito alle decisioni adottate in consiglio dei Ministri
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.