Puglia Mare
Puglia Mare
Territorio

Puglia prima in Italia per la qualità delle acque di balneazione

Per il quarto anno consecutivo secondo i dati del Sistema nazionale per la protezione dell’ambiente

La Puglia si conferma prima in Italia, per il quarto anno consecutivo, per qualità delle acque di balneazione (eccellenti per il 99,7%), seguita da Friuli Venezia Giulia (99%), Sardegna (98,4%), Toscana (98,2%). È il risultato delle analisi microbiologiche condotte nel corso di quattro anni (2020-2023) dal Snpa, il Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente (la rete che coordina le varie Agenzie regionali per l'ambiente presenti sul territorio nazionale, tra cui l'Arpa Puglia).

Alla conferenza stampa di presentazione dei monitoraggi realizzati da Snpa, che si è svolta il 20 giugno 2024 presso la sede della Direzione Generale di Arpa Puglia, sono intervenuti il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, l'assessora regionale all'Ambiente, Serena Triggiani, il direttore generale di Arpa Puglia, Vito Bruno, il direttore scientifico di Arpa Puglia, Vincenzo Campanaro e il direttore del Centro Regionale Mare di Arpa Puglia, Nicola Ungaro.

"Per il quarto anno consecutivo la Puglia ha il mare più pulito d'Italia, un risultato per il quale dobbiamo ringraziare i pugliesi, i comuni, i sindaci, l'Acquedotto pugliese per i depuratori, la disciplina delle imprese, per un risultato di squadra davvero straordinario" è il commento del presidente Emiliano. "L'Arpa è il guardiano proattivo di questi risultati di bonifica ambientale della Regione Puglia, abbiamo risolto un'infinità di infrazioni legate a siti inquinati perché Arpa segue i grandi siti industriali pericolosi. Per questo il mio ringraziamento va ad Arpa assieme all'impegno di stabilizzare tutti i giovani professionisti che lavorano qui ancora con contratti a tempo determinato, perché senza la loro qualità professionale sarebbe stato impossibile ottenere questi risultati. La Puglia ha il mare più pulito d'Italia, un risultato del genere non si raggiunge schioccando le dita ma con un durissimo lavoro di squadra. E la nostra regione può contare su una squadra magnifica" ha dichiarato il presidente della Regione Puglia.

"Acque pulite e incontaminate: la Puglia si riconferma regione leader - ha dichiarato l'assessora all'Ambiente della Regione Puglia, Serena Triggiani -, con un primato indiscusso per qualità delle acque di balneazione. Ne ha dato conferma il monitoraggio di Arpa e, di recente, per l'anno 2024 la Foundation for Environmental Education (FEE) ha, altresì, assegnato 24 bandiere blu, con tre nuove località balneari riconosciute che rispettano i criteri come la gestione sostenibile del territorio. Sono risultati straordinari ma che hanno dietro un lavoro costante e serrato di gestione, monitoraggio e controllo, che come Regione svolgiamo con Arpa Puglia e Acquedotto Pugliese, con i suoi impianti di depurazione. Godiamo di una ricchezza marina e costiera che ci invidia il mondo intero, ma che va preservata con azioni quotidiane di ogni singola persona. Come Regione stiamo puntando non solo su interventi di protezione ambiente per garantire un presente e un futuro sostenibile: la strategia di sviluppo sostenibile regionale di cui ci siamo dotati è un documento fondamentale di programmazione che stiamo attuando su diversi fronti. Ma stiamo avviando, altresì, azioni specifiche di sensibilizzazione dell'opinione pubblica finalizzata alla cura delle nostre spiagge e alla conoscenza, soprattutto nelle giovani generazioni, del patrimonio paesaggistico, turistico, economico e sociale che la Puglia detiene".

"Anche quest'anno la Puglia è prima per la qualità delle acque di balneazione. Un dato certificato dal Sistema nazionale della protezione dell'ambiente, un sistema a rete che monitora e controlla tutte le coste italiane, consolidato dal punto di vista scientifico. È un'eccellenza per il nostro Paese, una garanzia che non riguarda solo la qualità ambientale delle acque ma la loro salubrità, quindi la salute dei mari nei quali si bagnano tanti cittadini e tanti turisti che affollano la Puglia perciò siamo felici di aver conquistato il quarto scudetto consecutivo" ha commentato il direttore generale di Arpa Puglia Vito Bruno.

In Italia

Buone notizie anche per l'intero litorale italiano monitorato dal Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente. Sulla base delle attività di monitoraggio del Sistema nazionale per la protezione dell'ambiente è stata aggiornata la classificazione dei tratti di costa adibiti alla balneazione. I risultati mostrano che 5.090 chilometri di tratti marini (il 95,6% della costa monitorata) sono inseriti nella classe di qualità "eccellente", la più alta prevista dal sistema di classificazione europeo. Se si aggiungono anche i tratti con classificazione "buona" (153 chilometri, pari al 2,9% del totale) si arriva al 98,5%. Trentadue chilometri (0,6%) rientrano nella classe di qualità "sufficiente", 44 chilometri in qualità "scarsa" (0,8%).

I chilometri di costa in qualità "eccellente" raggiungono percentuali molto elevate in ogni regione.
Percentuali analoghe emergono per la qualità delle acque di balneazione di laghi e fiumi: sui 662 chilometri su cui avviene il monitoraggio, 630 chilometri sono bagnati da acque di qualità eccellente, pari al 95,2% del totale monitorato. Venti chilometri sono in qualità buona (3,1%), 6 chilometri in qualità sufficiente (0,9%), 1 chilometro in qualità scarsa (0,2%).

Si tratta di dati ormai consolidati, che confermano quanto rilevato negli anni precedenti, frutto dell'attività di sorveglianza e controllo a cura delle Agenzie ambientali, che effettuano il monitoraggio in gran parte delle regioni. Nell'arco del 2023, il Snpa ha prelevato circa 26mila campioni di acqua di mare e oltre 2.300 campioni di acque di fiumi e laghi, per un totale di più di 28mila campionamenti. Sono due i parametri microbiologici in base ai quali viene valutata la balneabilità delle acque, le concentrazioni di Escherichia coli ed enterococchi intestinali. Complessivamente, sono 4.710 le aree su cui viene svolto il monitoraggio. A livello europeo le acque italiane risultano migliori della media dei Paesi Ue, sulla base dei dati elaborati dall'Agenzia europea dell'ambiente.

La classificazione in vigore in questa stagione balneare si basa sulle campagne di monitoraggio svolte nei quattro anni precedenti ed è quella che viene comunicata anche all'Agenzia europea per l'ambiente. I prelievi poi proseguono per tutta l'attuale stagione balneare, avviati già da diverse settimane. Gli esiti vengono pubblicati sui siti delle singole Arpa e sul portale Acque del Ministero della Salute. In caso di superamenti dei limiti di legge, i risultati vengono trasmessi alle autorità locali per l'emanazione di divieti temporanei di balneazione.

Il lavoro di monitoraggio e classificazione svolto dal Snpa scaturisce dalla direttiva europea 2006/7/CE sulla gestione della qualità delle acque di balneazione, dal decreto legislativo 116/2008 di recepimento della direttiva comunitaria e dal decreto attuativo DM 30 marzo 2010, che stabilisce le regole della classificazione in tutta la Comunità Europea delle acque di balneazione nelle quattro classi di qualità: eccellente, buona, sufficiente e scarsa.

A tutela della salute dei bagnanti, le Arpa svolgono anche un monitoraggio di sorveglianza per organismi potenzialmente tossici (cianobatteri, alghe come Ostreopsis ovata) sia nelle acque marine sia in quelle lacustri, propedeutico all'eventuale adozione di misure restrittive nelle condizioni previste dalla normativa. Inoltre, le Agenzie per l'ambiente effettuano anche prelievi straordinari in caso di anomalie, ad esempio presenza di schiume e colorazioni anomale, con indagini volte anche ad accertare eventuali contaminazioni chimiche (tensioattivi e idrocarburi).

Le percentuali per le acque marine sono riferite al totale della costa monitorata da Snpa, escludendo dunque la costa siciliana, monitorata dal sistema sanitario regionale, e le aree permanentemente vietate alla balneazione per diversi motivi (foci dei fiumi, porti, aree militari, aree protette) in cui generalmente non si effettuano prelievi. Per le acque fluviali e lacustri, i dati si riferiscono anche a Lombardia e Provincia di Trento dove il monitoraggio è a cura del sistema sanitario.
  • Puglia
  • ARPA Puglia
Altri contenuti a tema
Il Gruppo FS premia la Puglia e le sue spiagge Il Gruppo FS premia la Puglia e le sue spiagge Il treno turistico Roma-Lecce fermerà anche a Foggia
Canosa: Le Notti dell'Archeologia 2024 sabato 27 luglio Canosa: Le Notti dell'Archeologia 2024
Olio EVO da ulivi monumentali di Puglia Olio EVO da ulivi monumentali di Puglia Al via le domande di adesione al progetto di sperimentazione App Ulìa
Aumentano le scorribande dei branchi di cinghiali a caccia di cibo e acqua Aumentano le scorribande dei branchi di cinghiali a caccia di cibo e acqua E' allarme per la sicurezza delle persone in campagna e città
Bonito, Coviello e Fasano, i vincitori del “Premio ArpAmare” Bonito, Coviello e Fasano, i vincitori del “Premio ArpAmare” E' giunto alla quarta edizione il concorso di arti visive organizzato dall'Arpa Puglia
Il brand Puglia fra cultura, turismo, economia e benessere Il brand Puglia fra cultura, turismo, economia e benessere A Roma la quarta edizione del workshop “Puglia, a way of life”
Il futuro dell’agricoltura passa anche della Puglia Il futuro dell’agricoltura passa anche della Puglia A Bari, il presidente nazionale Confagricoltura Giansanti: “Droni e IA sono già il nostro presente”
Puglia: Le aree a rischio desertificazione rappresentano il 57% della superficie utilizzabile Puglia: Le aree a rischio desertificazione rappresentano il 57% della superficie utilizzabile Celebrata la giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.