Sigilli
Sigilli
Territorio

Puglia: Le specialità locali a chilometri zero direttamente dai contadini

Per salvare dall’estinzione anche antichi prodotti

Oltre un terzo della spesa turistica nell'estate 2023 sarà destinato alla tavola per un valore che supera 1 miliardi di euro per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o souvenir enogastronomici in mercati, feste e sagre di paese.. E' quanto stima la Coldiretti Puglia, in occasione del focus su "Mercati contadini, le vacanze green e l'importanza dell'enogastronomia a chilometri zero per salvare biodiversità', lavoro ed economia locale" diffuso nell'ambito dell'incontro "Gli italiani e l'agricoltura" organizzato a Roma prezzo Palazzo Rospigliosi da Fondazione Univerde e Notosondaggi, in collaborazione con Coldiretti e Campagna Amica.Da nord a sud – continua Coldiretti regionale – la Puglia può contare sui mercati contadini e fattorie di Campagna Amica dove acquistare specialità locali a chilometri zero direttamente dai contadini. Una rete – spiega Coldiretti – che salva dall'estinzione anche antichi prodotti come i Sigilli di Campagna Amica protetti nei piccoli borghi che rappresentano storia, tradizione ma anche economia e posti di lavoro. I "Sigilli" sono prodotti rari che – evidenzia Coldiretti - posseggono caratteristiche assolutamente preziose sapientemente protette contro l'omologazione e la banalizzazione grazie anche all'opera, l'entusiasmo e l'impegno delle giovani generazioni.

Uno scenario che dimostra la centralità per la vacanza Made in Italy del patrimonio enogastronomico nazionale che è diffuso su tutto il territorio e dalla cui valorizzazione – precisa la Coldiretti – dipendono molte delle opportunità di sviluppo economico ed occupazionale. Il cibo è dunque la voce più importante del budget della vacanza estiva in Italia tanto che – sottolinea la Coldiretti – è diventato per molti turisti la principale motivazione del viaggio con il boom del turismo enogastronomico anche grazie alle numerose iniziative di valorizzazione, dalle sagre alle strade del vino.

Tra gli agricoltori custodi dei Sigilli, più della metà (56%) è composta da under 40 e il 15% ha addirittura meno di 30 anni con 1 azienda su 3 (32%) che si trova in aree di montagna e il 60% in Comuni con basso grado di urbanizzazione. Non è un caso infatti – continua la Coldiretti – che ben il 92% delle produzioni tipiche nazionali nasca su quel 54% del territorio nazionale rappresentato dai piccoli borghi italiani con meno di cinquemila abitanti, dove il patrimonio dell'enogastronomia sostenibile e a km zero è conservato nel tempo dalle imprese agricole con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari.

Tra i sigilli della biodiversità in Puglia si va dall'azzeruolo, piccolo frutto molto buono e gustoso ma poco conosciuto, viene chiamato "lazzeruolo", azzarruolo, azzaruolo, alla capa di morte, conosciuta come chepe de murte" o "Grucciolo", questo cavolo rapa caratterizzato per la parte inferiore che somiglia ad una grossa rapa, dal mugnolo, considerato il cavolo povero dei contadini, progenitore del broccolo, oggi in pericolo rischia di scomparire, alla sporchia, una pianta parassita delle fave, in quanto si alimenta della clorifilla proprio di quest'ultima, dolce con un retrogusto leggermente amara e i contadini – aggiunge Coldiretti Puglia - la trasformarono in cibo prelibato dopo averla riscoperta, fino allo sponzale, appartenente alla stessa famiglia delle cipolle, sono dei piccoli bulbi con un fusto verde commestibile e ai cardoncelli, una verdura selvatica dal gusto leggermente dolciastro.

Dietro ogni prodotto c'è una storia, una cultura ed una tradizione che è rimasta viva nel tempo ed esprime al meglio la realtà di ogni territorio, conclude Coldiretti Puglia nel sottolineare la necessità di difendere questo patrimonio del Made in Italy dalla banalizzazione e dalle spinte all'omologazione e all'appiattimento verso il basso perché il buon cibo insieme al turismo e alla cultura rappresentano le leve strategiche determinanti per un modello produttivo unico che ha vinto puntando sui valori dell'identità, della biodiversità e del legame con i territori.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Siccità: Previsioni da profondo rosso per le olive Siccità: Previsioni da profondo rosso per le olive E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti Puglia
In aumento il consumo di pesce a tavola In aumento il consumo di pesce a tavola Per difendersi dalle temperature bollenti cambia l'alimentazione dei pugliesi
Il Made in Italy dal campo alla tavola targato Puglia Il Made in Italy dal campo alla tavola targato Puglia E' rilevante l’indicazione dell’origine dei cibi serviti nei menu
Il turismo enogastronomico è il vero traino dell’economia pugliese Il turismo enogastronomico è il vero traino dell’economia pugliese “ll successo di una vacanza oggi dipende dal cibo (35%)" Ha dichiarato Antonio Baselice, presidente di Terranostra Puglia, associazione agrituristica di Coldiretti
Aumentano le scorribande dei branchi di cinghiali a caccia di cibo e acqua Aumentano le scorribande dei branchi di cinghiali a caccia di cibo e acqua E' allarme per la sicurezza delle persone in campagna e città
Innovativo snack: orecchiette alle cime di rape fritte Innovativo snack: orecchiette alle cime di rape fritte Da Altamura l'idea green arriva in finale nazionale Oscar Green
Ennesimo vile danneggiamento in campagna Ennesimo vile danneggiamento in campagna Tranciato intero impianto idrico in un uliveto
Agricoltura: Strategie ad-hoc per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori Agricoltura: Strategie ad-hoc per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori Contro il solleone nei campi si lavora di notte
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.