Donne Polizia di Stato
Donne Polizia di Stato
Cronaca

Le donne della Polizia di Stato protagoniste della solidarietà

Le celebrazioni della "Giornata internazionale della donna"

L'8 marzo si è celebrata la "Giornata internazionale della donna". Quest'anno la Giornata è stata incentrata sul tema "Le donne in un mondo del lavoro in evoluzione: verso un pianeta 50-50 nel 2030", tesa a promuovere l'obiettivo dell'uguaglianza di genere e l'accrescimento della partecipazione femminile ai processi decisionali. Da questo punto di vista la Polizia è da sempre all'avanguardia, attenta ai cambiamenti sociali e a tutte quelle trasformazioni che da questi derivano Nel 1959, fu la protagonista della svolta epocale che stabilì, per la prima volta, l'ingresso delle donne in una Forza di polizia italiana. Con la legge 1083 del 7 dicembre venne, infatti, istituito il Corpo di Polizia femminile, che prevedeva le figure delle ispettrici e delle assistenti di polizia. La riforma del 1981, di cui quest'anno si festeggiano i 40 anni , ha unificato il Corpo delle guardie di pubblica sicurezza e la Polizia femminile nella moderna Polizia di Stato, prevedendo parità di genere e di carriera. Oggi, Dopo 62 anni, le poliziotte sono oltre 16mila e ricoprono tutti i ruoli, dall'agente al dirigente generale, e sono impiegate in ogni settore e specialità della Istituzione. Dallo scorso 7 novembre anche la carica di vice capo vicario della Polizia è ricoperta, per la prima volta, da una donna proveniente dai ruoli dirigenziali della Polizia di Stato: il prefetto Maria Luisa Pellizzari.

Donne che, in Polizia, hanno dato il loro tributo di sangue: dopo Emanuela Loi, prima poliziotta a perdere la vita in servizio, mentre scortava il giudice Borsellino, nella strage di via D'Amelio nel 1992, si ricordano Sabrina Pagliarani, Ilaria Maria Leandri, Maria Teresa Marcocci, Nicoletta Missiroli, Anna Maria Mazzillo e Mirca Bergamo. Nella giornata di ieri le donne sono state protagoniste della solidarietà e sostengono le donazioni di sangue con il loro esempio. Ieri mattina a Roma, in piazza del Popolo , le donne della Polizia di Stato e dei Vigili del fuoco, sono state le prime a donare il sangue nella postazione allestita dall'ospedale pediatrico Bambino Gesù. Erano presenti anche il vicecapo della Polizia Maria Luisa Pellizzari e l'indimenticabile campionessa della scherma mondiale e atleta del gruppo sportivo Fiamme oro Valentina Vezzali. Per le Fiamme oro e le Fiamme rosse, il gruppo sportivo dei Vigili del fuoco, hanno partecipato anche alcune giovani atlete di varie specialità sportive. L'iniziativa si è svolta anche a Milano, Trieste, Ascoli Piceno, Modena, Bari, Lecce e Palermo.

Anni di violenze fisiche e psicologiche, ricatti e minacce e un dolore che non trova spazio e spesso viene soffocato dalla vergogna. A ciò si aggiunge che non sempre le vittime trovano il coraggio di denunciare. Spesso è compito degli operatori di Polizia saper riconoscere le situazioni più gravi e intervenire sostenendo ed aiutando la vittima. Dal report elaborato dal Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale Polizia Criminale, emerge chiaramente come, la diminuzione generalizzata dei reati nell'anno della pandemia, abbia fatto registrare un calo anche dei "reati spia", vale a dire tutti quei delitti che sono espressione di violenza fisica, sessuale, psicologica diretta contro una donna in quanto tale: passano dai 41.799 del 2019 ai 39.166 dello scorso anno (-6%). Flessione registrata soprattutto in corrispondenza del lockdown, cui ha fatto seguito un nuovo incremento a partire dall'estate, con l'allentamento delle misure restrittive adottate. L'obiettivo, quindi, è sempre quello di migliorare e perseverare nelle azioni di prevenzione e repressione, oltre che nell'irrinunciabile azione di rete con il mondo delle istituzioni e delle associazioni per favorire una crescita culturale e il ripudio di ogni forma di violenza e discriminazione.

A tal proposito, dopo un periodo di sperimentazione, è operativo l'applicativo interforze SCUDO nato da un progetto elaborato dalla Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato e dall'Arma dei Carabinieri, e sviluppato dal Servizio per i sistemi informativi interforze della Direzione centrale della polizia criminale, d'intesa con l'Ufficio per il coordinamento e la pianificazione delle forze di polizia. Attraverso la sua consultazione, gli operatori delle Forze di Polizia possono avere contezza di precedenti interventi. Gli equipaggi chiamati ad intervenire possono utilizzare i tablet in dotazione, anche nelle fasi di primo intervento, per consultare e implementare le banche dati delle Forze di Polizia, valorizzando dettagli informativi che saranno disponibili per tutti gli operatori della Polizia di Stato e dell'Arma dei Carabinieri, per decisioni tempestive e sinergiche.

Sul tema violenza di genere, inoltre, la Polizia di Stato, attraverso la Direzione Centrale Anticrimine, ha di recente curato l'elaborazione di nuove linee guida per l'operatore di Polizia ed aiutarlo a riconoscere maggiormente le situazioni di pericolo in cui si trova la vittima. Nel contrasto del fenomeno un ruolo importante lo svolgono le Squadre mobili delle questure, dotate di Sezioni specializzate nelle indagini riguardanti i reati in danno di minori, violenze sessuali, abusi e maltrattamenti contro le donne, e dalle Divisioni anticrimine che curano i procedimenti relativi agli "Ammonimenti del questore", misura di prevenzione utile a garantire alla vittima una tutela rapida che anticipa un procedimento penale.

Inoltre, per favorire maggiormente la prevenzione, da anni è attivo il progetto della Polizia di Stato "…Questo non è amore" che, con l'impiego di personale altamente specializzato ed il supporto degli psicologi della Polizia e dei Centri antiviolenza distribuiti sul territorio, va incontro alle potenziali vittime aiutandole a superare la paura di denunciare. Ulteriore sostegno alle vittime è rappresentato anche dall'App della Polizia di Stato YouPol che lo scorso anno è stata implementata, prevedendo la possibilità di segnalare, anche in forma anonima, oltre ai reati legati alla droga e agli stupefacenti, anche quelli di violenza domestica.
Da segnalare, infine, la collaborazione del Servizio centrale anticrimine con l'Ambasciata britannica, avviata già nel 2018, che ha portato al recente aggiornamento della "Guida per le vittime di stupro e violenza sessuale in Italia".(guida in italiano) (guida in inglese)
  • Polizia di stato
Altri contenuti a tema
Canosa: produzione illecita di sostanze stupefacenti Canosa: produzione illecita di sostanze stupefacenti Un arresto e un denunciato dalla Polizia di Stato
Nuovi funzionari assegnati alla Questura BAT Nuovi funzionari assegnati alla Questura BAT A giugno l'inaugurazione ad Andria
La Polizia di Stato scopre  deposito di mezzi rubati La Polizia di Stato scopre deposito di mezzi rubati Denunciate due persone per ricettazione e riciclaggio
Nel ricordo delle vittime covid-19 Nel ricordo delle vittime covid-19 A Bari, celebrato il 169° Anniversario della Fondazione della Polizia
Un progetto contro le scommesse illecite Un progetto contro le scommesse illecite Firmato dal Dipartimento della pubblica sicurezza e Lega Serie B
Pasqua: operazione "Abbraccio" della Polizia di Stato Pasqua: operazione "Abbraccio" della Polizia di Stato Vicinanza ai tanti bambini che ogni giorno lottano per sconfiggere la malattia
Polizia di Stato: i primi 40 anni senza stellette Polizia di Stato: i primi 40 anni senza stellette Un servizio fatto di assidua presenza tra la gente, come parte integrante delle comunità
Canosa: vendita e macellazione abusiva di carni Canosa: vendita e macellazione abusiva di carni Due persone denunciate dalla Polizia di Stato
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.