CGIL
CGIL
Associazioni

“La Legalità per lo sviluppo del territorio”

Tavola rotonda della Flai Cgil Bat a Trinitapoli. Agricoltura, Flai Cgil Bat

Appuntamento martedì, 20 dicembre, a partire dalle ore 17.00, presso l'Auditorium dell'Assunta in via Marconi. Interverrà il segretario nazionale Flai Cgil, Gino Rotella.

La campagna olivicola è cominciata. Nell'agro della provincia di Barletta – Andria – Trani ogni mattina migliaia di braccianti sono impegnati nella raccolta, oltre il 50% di loro lavo-ra in nero per poche decine di euro. Secondo le stime della Flai Cgil Nazionale, Federazione Lavoratori dell'Agro Industria, nel settore sono 400mila i lavoratori "sotto caporale", 60mila di questi vivono in condizioni di vero degrado. Per quanto riguarda l'incidenza del lavoro nero e irregolare nel comparto i numeri più alti si rilevano nel Mezzogiorno mentre la percentuale di "invisibili" scende al centro ed è del 30% al nord.

Di fronte a questi dati continua anche nella nuova provincia la campagna "Stop Caporalato", la battaglia del sindacato a favore della legalità del lavoro nelle campagne. La Flai Cgil Bat ed il Comune di Trinitapoli hanno organizzato un incontro sul tema intitolato "La legalità: per lo sviluppo agricolo del territorio". Appuntamento martedì, 20 dicembre, a partire dalle ore 17.00, presso l'Auditorium dell'Assunta in via Marconi a Trinitapoli.

Aprirà l'incontro il segretario generale della Flai Cgil Bat, Felice Pelagio. Interverranno: Francesco Di Feo, sindaco di Trinitapoli e presidente dell'Unione dei Comuni di Margherita di Savoia – San Ferdinando di Puglia – Trinitapoli; Pompeo Camero, assessore provinciale alle politiche del lavoro; Giuseppe Deleonardis, segretario generale Flai Cgil Puglia; Elena Gentile, assessore regionale alle politiche sociali; Francesca Abbrescia, segretaria Cgil Puglia. Concluderà i lavori Gino Rotella, segretario nazionale della Flai Cgil.

"Il caporalato e altre forme di illegalità in agricoltura – spiega Felice Pelagio, segretario generale Flai Cgil Bat – sono fenomeni che riguardano tutto il territorio, diffusi soprattutto tra i migranti ma che investono anche gli operai agricoli italiani. Quando parliamo di illegalità, oltre che al caporalato che ora è finalmente penalmente perseguibile, ci riferiamo anche al sottosalario, al lavoro nero e all'evasione fiscale e contributiva. Bisogna continuare a lottare contro questi fenomeni se vogliamo realizzare un corretto sviluppo della nostra provincia. L'illegalità e la sleale concorrenza tra imprese a danno degli operai agricoli – conclude Pelagio – impoveriscono e non fanno crescere il territorio. Il non rispetto delle regole può dare subito qualche vantaggio al singolo imprenditore ma nuoce nel tempo alla collettività e all'economia: è questo il messaggio che vogliamo che passi".


Ufficio Stampa
CGIL BAT
328.9570666
Manifesto “La Legalità per lo sviluppo del territorio”
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.