Tribunale di Trani
Tribunale di Trani
Amministrazioni ed Enti

Il Tribunale di Trani condanna ASL BT

Due dipendenti hanno ottenuto il pieno riconoscimento dei crediti per cui avevano promosso ricorso alla sezione lavoro

La riduzione del 10% dei compensi operata dall'ASL BAT è illegittima e rappresenta un parziale inadempimento in termini di mancato integrale pagamento della prestazione lavorativa. E' il principio sancito dal Tribunale del Lavoro di Trani, che con due sentenze emesse nei giorni scorsi, a distanza di pochi giorni l'una dall'altra (la prima del dr. Marco Sabino Loiodice, la seconda del presidente di sezione Angela Arbore), ha condanno l'azienda sanitaria al pagamento delle somme indebitamente decurtate a due ex componenti delle Commissioni Invalidi Civili. I due ex dipendenti dell'Asl Bat, difesi dagli avvocati Antonio Norscia e Domenico Storelli, hanno così ottenuto il pieno riconoscimento dei crediti per cui avevano promosso ricorso alla sezione lavoro del tribunale tranese per vicende risalenti al 2011 ed agli anni successivi, quando, a seguito della Legge Finanziaria del 2010, l'Asl Bat, sulla scorta di un'erronea interpretazione, favorevole alle casse dell'Azienda, decurtò del 10% i compensi spettanti a tutti i componenti, sia sanitari che amministrativi, delle Commissioni Invalidi Civili, Ciechi e Sordomuti. Per il Tribunale "la decurtazione operata risulta illegittima".

Per il giudice Loiodice: "non risulta né allegato, né provato alcun atto regionale di attuazione dei principi di coordinamento della spesa pubblica di cui all'art. 6 del decreto legge n. 78 del 2010, convertito nella legge 122/2010, in relazione, specificamente, agli incarichi relativi alla Commissione Invalidi Civili." Dello stesso avviso, per una situazione analoga, il giudice Arbore, secondo cui: "le riduzioni non potevano e non possono essere direttamente effettuate dagli enti del Servizio Sanitario Nazionale, non avendo le stesse natura immediatamente cogente e, comunque, esulando da un piano complessivo di ridimensionamento dei costi e delle spese dell'Asl Bat, non riveniente da una programmazione finanziaria unitaria di riduzione della spesa approvata dalla stessa Azienda Sanitaria. La decurtazione del 10% - aggiunge il Giudice - è stata operata sulla base di una mera e discrezionale nota dell'Area Personale dell'Azienda Sanitaria, non inserita in una operazione complessiva di armonizzazione e riduzione dei costi sostenuti dalla Asl Bat."

Per effetto delle sentenze, i due dipendenti dell'azienda sanitaria (ora in pensione) conseguiranno tutte le somme illegittimamente decurtate dall'Asl BAT, attualizzate con rivalutazione ed interessi. Inoltre, l'ente è stato condannato al pagamento delle spese legali. Le due pronunce del tribunale tranese si pongono in continuità con una precedente sentenza resa nel 2020 dalla sezione lavoro della Corte di Appello di Bari (coperta da giudicato) in favore di altro dipendente difeso dagli stessi legali.
  • ASL BT
  • Trani
Altri contenuti a tema
Per il Nuovo Ospedale di Andria ancora tante incertezze Per il Nuovo Ospedale di Andria ancora tante incertezze La dichiarazione della consigliera regionale di Fratelli d'Italia, Tonia Spina
Nuovo ospedale di Andria: “Asl Bt consegnerà alle commissioni bilancio e sanità un cronoprogramma certo e chiaro sui tempi di realizzazione” Nuovo ospedale di Andria: “Asl Bt consegnerà alle commissioni bilancio e sanità un cronoprogramma certo e chiaro sui tempi di realizzazione” La dichiarazione di Filippo Caracciolo consigliere regionale del Pd
Operazione “OLTREMARE”: 47 arresti per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente Operazione “OLTREMARE”: 47 arresti per detenzione e spaccio di sostanza stupefacente Condotta da Carabinieri della Compagnia di Trani sotto la direzione della Procura della Repubblica di Trani
Prendersi cura di se stessi per amore Prendersi cura di se stessi per amore Grande successo per lo spettacolo teatrale “Seniloquio" a Margherita di Savoia
Nuovi ospedali Andria e Nord Barese, piastra oncoematologica Barletta Nuovi ospedali Andria e Nord Barese, piastra oncoematologica Barletta La dichiarazione del consigliere regionale del Partito Democratico, Filippo Caracciolo.
Una donna ha donato il cuore, i reni, i polmoni, il fegato e le cornee.  Una donna ha donato il cuore, i reni, i polmoni, il fegato e le cornee.  E' l'ottava donazione dell'anno nella provincia BAT
Doppio riconoscimento per la ASL BT:  Premio Qualità Edizione 2024 Doppio riconoscimento per la ASL BT: Premio Qualità Edizione 2024 Nell’ambito del Libro Bianco Joint Commission
Al mare in sicurezza:E' attivo il servizio di emergenza 118 con idromoto Al mare in sicurezza:E' attivo il servizio di emergenza 118 con idromoto Un servizio di soccorso che quest'anno raddoppia le sedi con rampe di lancio a Barletta, Margherita, Trani e Bisceglie
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.