Deposito Unico Nazionale dei Rifiuti Radioattivi
Deposito Unico Nazionale dei Rifiuti Radioattivi
Associazioni

Focus sul Deposito Unico Nazionale dei Rifiuti Radioattivi

Il Rotary Club Canosa ha organizzato una conferenza via webinar

Il 12 febbraio scorso, il Rotary Club di Canosa ha organizzato una webinar sul tema del Deposito Unico Nazionale dei Rifiuti Radioattivi: una struttura di superficie che sorgerà sul territorio italiano e sarà destinata allo smaltimento definitivo dei rifiuti radioattivi a bassa e media attività e allo stoccaggio provvisorio di lunga durata (al massimo cinquanta anni) dei rifiuti radioattivi ad alta attività e del combustibile irraggiato. Definito nel Decreto legislativo 15 febbraio 2010, n. 31, il deposito nazionale consentirà la sistemazione accentrata e in sicurezza dei rifiuti radioattivi prodotti in Italia, derivanti da attività di vario tipo: industriali, di ricerca, medico-sanitarie, e dall'esercizio e dal decommissioning di impianti nucleari. Sul medesimo sito del Deposito nazionale sorgerà un Parco tecnologico nel quale saranno effettuate attività di ricerca, anche attraverso collaborazioni internazionali, sulle nuove metodologie di gestione dei rifiuti radioattivi, nel campo del decommissioning e su tecnologie di interesse per il territorio che ospiterà il sito.

Il Rotary Club di Canosa da sempre è sensibile alle tematiche ambientali, non poteva tirarsi indietro su una problematica inerente a territori vicini a quello del Club che ha tenuto l'incontro. Percorrendo una lunga strada si è visto come, nonostante l'Italia non abbia voluto più centrali nucleari sul proprio territorio - esprimendosi soprattutto tramite il referendum del 1987, successivo ai fatti di Chernobyl -, rifiuti e scorie non si smaltiscono così in fretta. Anzi, materiale radioattivo viene continuamente sfruttato (anche negli ospedali; si pensi alle radiografie) per dover essere poi stoccato. Infatti, nel pieno della Murgia, tra Puglia e Basilicata, è stato individuato uno dei potenziali siti utili a "seppellire" questi elementi – senza esagerazione alcuna – per i secoli a venire. A descrivere perplessità, dubbi, criticità e paventate garanzie ci hanno pensato, nell'ordine e supportati da documenti, ricerche e dossier, Cosimo Forina (scrittore e "giornalista di provincia", già sensibile riguardo alle questioni ambientali), Andrea Minutolo (responsabile scientifico nazionale di Legambiente) e Francesco Tarantini (Presidente del Parco dell'Alta Murgia).

Una corposa platea (seppur virtuale) ha assistito ad un dibattito divulgativo al tempo stesso tecnico e lineare (moderato dal presidente di Club, Marco Tullio Milanese), mostrando interesse e rendendosi attivamente partecipe. Infatti, oltre ad essere presenti i presidenti Rotary dei restanti Club del Raggruppamento (RC Andria Castelli Svevi, RC Barletta, RC Trani, RC Valle dell'Ofanto), hanno seguito l'evento anche membri di associazioni del territorio (come le sezioni Legambiente, Italia Nostra, AGESCI di Canosa o la Pro Loco di Spinazzola), liberi cittadini e rappresentanti di altri comuni interessati.
  • Rotary Club Canosa
Altri contenuti a tema
Patrizia Lusi e l'innovazione al servizio del Welfare sostenibile Patrizia Lusi e l'innovazione al servizio del Welfare sostenibile Ospite del Rotary Club Canosa e della FIDAPA
Pensare globalmente agire localmente Pensare globalmente agire localmente Andrea Pugliese è il nuovo presidente del Rotary Club Canosa
La sensibile solidarietà del Rotary Canosa e club satelliti La sensibile solidarietà del Rotary Canosa e club satelliti Donati farmaci all' Ambulatorio Popolare Canosa
Sulle orme di un antico pellegrinaggio Sulle orme di un antico pellegrinaggio "Il cammino di San Nicola" ha fatto tappa a Canosa di Puglia
Acqua: risorsa rinnovabile? Acqua: risorsa rinnovabile? Simeone Di Cagno Abbrescia al webinar del Rotary Canosa
Consigli per prevenire l'affaticamento visivo Consigli per prevenire l'affaticamento visivo Il webinar a tema del Rotary Club Canosa
DAD, pandemia e mipia DAD, pandemia e mipia Il tema della conferenza su piattaforma Zoom del Rotary Club Canosa
Innovazione unita alla cultura, connubio indissolubile Innovazione unita alla cultura, connubio indissolubile Il Rotary Canosa consegna 13 tablet alla “Bovio-Mazzini”
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.