Ghetto Migranti
Ghetto Migranti
Religioni

Emergenza migranti: "Dal ghetto al centro"

La dignità è sacra e come tale va trattata e rispettata

Il fenomeno dei ghetti in Italia in larga parte è una conseguenza voluta da come è stato e viene gestito il fenomeno dell'emergenza migranti. Negli ultimi anni sia la politica che i grandi esperti di materie sociali, hanno focalizzato il dibattito solo se fosse giusto chiudere i porti oppure tenerli aperti. Senza mai affrontare il vero problema, ossia strutturare un servizio, che intervenisse a favore dei migranti che scappavano da guerra e fame su barconi di fortuna e soprattutto garantisse un vero processo di integrazione e sviluppo economico nel tessuto sociale e locale. Infatti tutto questo è stato affidato a enti privati, che si sono arrangianti e organizzati come meglio hanno potuto. In taluni casi sono scoppiati casi giudiziari e mediatici dove l'obiettivo era lucrare e non aiutare i migranti, in altri si sono sviluppate realtà virtuose che con lungimiranza e abnegazione hanno costruito il futuro della nostra società. Alcuni mesi fa diversi migranti abbandonavano alcuni ghetti dei nostri territori e si trasferivano in una casa della Comunità Migrantesliberi in collaborazione con l'Uffico Migrantes della Diocesi di Andria. Nella rete sociale di supporto ha partecipato anche l'associazione NoCap di Yvan Sagnet, che ha interloquito con l'azienda Cantatore per la stipula di contratti lavorativi legali e trasparenti. Il progetto prevedeva che dopo tre mesi, i migranti proseguivano il loro percorso in autonomia, presso case in affitto badando liberamente al ménage quotidiano delle spese. Obiettivi tutti raggiunti con la piena soddisfazione della rete e soprattutto dei migranti.

Yvan Sagnet, fondatore dell'Associazione NoCap, promotrice di questo nobile progetto commenta: "NoCap da sempre porta avanti la filosofia di implementazione di un processo integrato e multidirezionale che ha messo insieme assistenza burocratica, amministrativa, accoglienza, servizi vitali e soprattutto lavoro regolare, unica fonte per raggiungere autonomia e piena emancipazione. Pensiamo quindi che bisogna ripartire dal lavoro, valore su cui si fonda la nostra Costituzione, per poter ridare dignità alle persone. È chiaro che per arrivare ad un tale obiettivo bisogna affrontare non solo gli aspetti riguardanti la legalità ma anche a quelli di un mercato sostenibile. Noi come associazione NoCap abbiamo proprio incentrato la nostra azione coprendo tutti gli aspetti della filiera senza il quale difficilmente si raggiungerebbe quell'obiettivo di un lavoro di qualità che tutti auspichiamo. Affiancare la sostenibilità sociale ed ambientale a quella economica"

Don Geremia Acri, Direttore dell'Ufficio Migrantes e di Casa Accoglienza "S. Maria Goretti" della Diocesi di Andria e responsabile della Comunità Migrantesliberi racconta: "In questi vent'anni si servizio/attività, con i collaboratori e volontari, oltre a promuovere i valori evangelici e di solidarietà nei confronti degli ultimi ci siamo impegnati a promuovere concetti come autonomia e indipendenza. Dopo l'ascolto e la presa in carico della persona, che sia migrante o italiana non c'è alcuna differenza, si cerca di individuare il bisogno reale e nel contempo stabilire delle linee educative. Questa metodologia scavalca la tradizionale logica assistenzialista e nel tempo diventa vincente. A piccoli passi e con grandi sacrifici si ottengono risultati molto importanti raggiunti mettendo al centro la cura della persona. L'indigenza, l'emarginazione possono essere eliminate solo ridando dignità, autonomia, libertà e indipendenza. Le lunghe file di poveri e dei nuovi poveri che chiedono cibo, accesso ai servizi per l'igiene personale e per le cure mediche, per avere lavoro o solo il conforto dell'ascolto e di una parola di speranza sono crudi testimoni di una povertà che va combattuta. Si combattere e sconfiggere tutto, ma la vergogna, l'imbarazzo, gli occhi spenti e bassi no no sono situazioni e atteggiamenti che non si possono eliminare con un pacco viveri. La dignità è sacra e come tale va trattata e rispettata".
Le migrazioni spesso sono espressione di uno squilibrio nella suddivisione della ricchezza e di una differenza del progresso a livello universale. Ma è anche vero che se le migrazioni vengono studiate, gestite, governate e pianificate possono diventare opportunità. Il cambiamento di approccio al fenomeno delle migrazioni muta quando tutte le istituzioni e organizzazioni preposte si pongono l'obiettivo di garantire ad ogni persona il diritto alla libertà, al ben-esistere e alla gioia".
«La povertà non si combatte con l'assistenzialismo, la anestetizza ma non la combatte. Aiutare i poveri con il denaro dev'essere sempre un rimedio provvisorio per fare fronte a delle emergenze. Il vero obiettivo dovrebbe essere di consentire loro una vita degna mediante il lavoro. Il lavoro è la porta della dignità». (Papa Francesco).
  • Diocesi di Andria
  • Migranti
Altri contenuti a tema
Parlare col cuore:  "Veritatem facientes in caritate" Parlare col cuore:  "Veritatem facientes in caritate" Memoria di San Francesco di Sales, Patrono dei giornalisti e degli operatori delle comunicazioni sociali
Da soli si va veloci, ma insieme si va lontano Da soli si va veloci, ma insieme si va lontano Celebrata la Festa diocesana dei bambini e dei ragazzi dell'ACR della Diocesi di Andria
A Canosa si celebra la Giornata Diocesana della Gioventù A Canosa si celebra la Giornata Diocesana della Gioventù "Hurry up! Quale fretta ti smuove?" E’ il claim del programma
Visioni – dei conflitti dei diritti Visioni – dei conflitti dei diritti Ad Andria IV Edizione della rassegna teatrale
Risorgere: passeggiata notturna Risorgere: passeggiata notturna Il programma organizzato dalla Pastorale Giovanile della Diocesi di Andria
Sabino il Primo Santo Pugliese Sabino il Primo Santo Pugliese On line "Il Campanile" n.4–Luglio/Agosto 2022
Canosa: 105° Anniversario del pio transito del Venerabile Padre Antonio Maria Losito Redentorista Canosa: 105° Anniversario del pio transito del Venerabile Padre Antonio Maria Losito Redentorista Celebrazione S. Messa presieduta da Mons. Luigi Mansi
Armida Barelli, storia di una donna che ha cambiato un'epoca Armida Barelli, storia di una donna che ha cambiato un'epoca Ad Andria, la presentazione della biografia con l'autore Ernesto Preziosi
© 2005-2023 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.