Transumanza
Transumanza
Storia

Al via la transumanza in Puglia

Conferma il valore sociale, economico, storico e ambientale della pastorizia

Al via la transumanza in Puglia, dichiarata patrimonio dell'Umanità dal Comitato intergovernativo dell'Unesco, una grande opportunità di tutela e promozione dell'antica pratica ancora viva sul Gargano. E' quanto annuncia la Coldiretti Puglia nel sottolineare il valore della tradizionale migrazione stagionale delle greggi, delle mandrie e dei pastori che, insieme ai loro cani e ai loro cavalli, si spostano dalla pianura alla montagna, percorrendo le vie semi-naturali dei tratturi, con viaggi di giorni e soste in luoghi prestabiliti, noti come "stazioni di posta". La transumanza avviene a maggio perché gli animali hanno bisogno di partire, avvertono il caldo, lo patiscono, abbisognano di temperature più fresche dell'alpeggio. Sul Gargano il viaggio dura 4 giorni con 3 soste per riposare a San Paolo Civitate, Santa Croce di Magliano, Ripalimosani e Frosolone. Restano a casa solo gli animali più piccoli, perché non ce la farebbero. La transumanza si snoda attraverso i vecchi tratturi de L'Aquila-Foggia, il famoso 'tratturo del re', incrociato a San Paolo di Civitate, del Celano-Foggia e del Lucera-Castel di Sangro, con tratturelli e bracci tratturali da raccordo e tratti di strade statali, provinciali e comunali". Per questo il camminamento è scortato dalla Polizia stradale preallertata, perché la mandria invade le strade, ricreando scenari da amarcord, aggiunge Coldiretti.

Il riconoscimento Unesco tutela un'attività ad elevato valore ecologico e sociale poiché –si concentra nelle zone svantaggiate e garantisce la salvaguardia di ben 38 razze a vantaggio della biodiversità del territorio, dalla rustica pecora sarda alla pecora Sopravissana dall'ottima lana, dalla Brogna con testa e gli arti privi di lana alla pecora Comisana con la caratteristica testa rossa, dalla gigantesca Bergamasca fino a quella massese dall'insolito manto nero che rappresentano un patrimonio di biodiversità il cui futuro è minacciato da un concreto rischio di estinzione. La transumanza conferma il valore sociale, economico, storico e ambientale della pastorizia – aggiunge Coldiretti Puglia - in un momento di difficoltà per gli allevamenti ed il settore zootecnico, un mestiere ricco di tradizione, ma molto duro con gli allevatori che accompagnano per lunghi percorsi tra gli antichi tratturi le mandrie che beneficiano di clima, alimentazione e uno 'stile di vita' tornato alle origini.

A pesare sono i bassi prezzi pagati ai pastori, il moltiplicarsi degli attacchi degli animali selvatici dai cinghiali ai lupi, la concorrenza sleale dei prodotti stranieri spacciati per nazionali ma anche la deriva del cibo sintetico, con Le bugie sul cibo in provetta confermano che c'è una precisa strategia delle multinazionali che con abili operazioni di marketing puntano a modificare stili alimentari naturali fondati sulla qualità e la tradizione, con la Coldiretti che sta dando battaglia poiché quello del cibo Frankenstein è un futuro da cui non ci si può fare mangiare.

Per quanto riguarda la carne da laboratorio ad esempio – aggiunge la Coldiretti – la verità che non viene pubblicizzata è che non salva gli animali perché viene fabbricata sfruttando i feti delle mucche, non salva l'ambiente perché consuma più acqua ed energia di molti allevamenti tradizionali, non aiuta la salute perché non c'è garanzia che i prodotti chimici usati siano sicuri per il consumo alimentare, non è accessibile a tutti poiché per farla serve un bioreattore e non è neppure carne ma un prodotto sintetico e ingegnerizzato.

La sostituzione del cibo naturale coltivato nei campi con quello creato in laboratorio attraverso chimica e bioreattori mette in pericolo il made in Italy a tavola a partire proprio dalla Dieta Mediterrenea giudicata universalmente come la migliore soprattutto dal punto di vista della salute dell'organismo. Un primato che trova un riscontro pratico nel fatto che l'alimentazione degli italiani basata sui prodotti della dieta mediterranea come pane, pasta, frutta, verdura, carne, olio extravergine e il tradizionale bicchiere di vino consumati a tavola in pasti regolari ha consentito una speranza di vita tra le più alte a livello mondiale. Ma a pesare c'è anche il massiccio consumo di suolo che ha ridotto drasticamente gli spazi e i tradizionali percorsi usati proprio per la transumanza delle greggi con pesanti ripercussioni sull'economia nazionale ma anche sull'assetto ambientale del territorio perchè quando un allevamento chiude si perde – conclude Coldiretti Puglia – un intero sistema fatto di animali, di prati per il foraggio, di formaggi tipici e soprattutto di persone impegnate a combattere lo spopolamento e il degrado spesso da intere generazioni.
  • Patrimonio dell'UNESCO
  • Transumanza
Altri contenuti a tema
Dalla Granfondo Alberobello Murge alla Mediofondo Bosco Calmerio Dalla Granfondo Alberobello Murge alla Mediofondo Bosco Calmerio La Spes Alberobello ancora impegnata sul fronte organizzativo
Verso la Granfondo Alberobello Murge-Memorial Giacinto Dell’Erba Verso la Granfondo Alberobello Murge-Memorial Giacinto Dell’Erba E' inserita nel circuito Giro dell'Arcobaleno e valevole come Coppa AIMANC
A Carpino torna la FESTA DELLA TRANSUMANZA A Carpino torna la FESTA DELLA TRANSUMANZA Una giornata di turismo esperienziale attorno all'arte pastorale e casara
Alberobello  candidata a ‘Capitale italiana della Cultura 2027’ Alberobello candidata a ‘Capitale italiana della Cultura 2027’ Capofila di un territorio composto dai Comuni di Alberobello, Polignano a Mare, Castellana Grotte e Noci.
La provincia di Foggia  uno dei poli attrattivi del turismo in Puglia La provincia di Foggia uno dei poli attrattivi del turismo in Puglia I percorsi esperienziali danno un’accelerata al percorso di destagionalizzazione dell’offerta
Nuovo riconoscimento UNESCO per la transumanza Nuovo riconoscimento UNESCO per la transumanza La dichiarazione del vicepresidente della Regione Puglia e assessore al Demanio, Raffaele Piemontese
Inaugurata la 6^ Edizione di “Mònde - Festa del Cinema sui Cammini” Inaugurata la 6^ Edizione di “Mònde - Festa del Cinema sui Cammini” Il tema scelto "Chiamata all'avventura"
Al via la 6^ Edizione di “Mònde - Festa del Cinema sui Cammini” Al via la 6^ Edizione di “Mònde - Festa del Cinema sui Cammini” Dal 5 all’8 ottobre 2023 a Monte Sant’Angelo, sul Gargano.
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.