Signora Rosa: Ph  Davide Pischettola
Signora Rosa: Ph Davide Pischettola
Un Paese di Poesia

Mentre ricordo “Na vecchiarèdde”

Il componimento dialettale del poeta Sante Valentino

Anche per la Festa Patronale di Canosa di Puglia è stato inviato alla Redazione di Canosaweb un componimento in rime dialettali a firma di Sante Valentino. S'intitola "Na vecchiarèdde" , l'ultimo opera di Sante Valentino per la rubrica "Un Paese di Poesia", che si arricchisce ulteriormente di altri ricordi e sentimenti. Il dialetto è l'idioma proprio di una comunità che ultimamente viene tramandato in forma prevalentemente orale, sono pochi quelli che lo scrivono correttamente e tra questi il poeta Sante Valentino. Il dialetto è un patrimonio culturale dell'umanità, assieme alle migliaia di lingue parlate nel mondo, in quanto parte fondante dell'identità di ogni comunità. Il dialetto, quale espressione della collettività canosina deve essere valorizzato e "rispettato". Il dialetto rappresenta le radici della comunità, la "nostra cultura e come tale deve essere tramandato e mai dimenticato"

NA VECCHIARÈDDE

Nan ze sénde de vulè chiéue na paràule
da quèr'aneme ca s'assètte sàula sàule
u còre séue s'appìcce o penzìre e aspètte
e ogné sàire la vòte ce te mìtte affètte
rète a na vetròne che nnu pannètte jalzète
e do jòcchjere c'adocchjene jind'a la strète
a la zàuche li pànne sbàttene ogné muménde
deffòre u vínde gròte ma jèdde mànghe u sénde
u sguárde jà patéute se lègge nu turménde
quèra vecchjèje da sàule l'accupàsce la ménde
na 'mbórte cè ho passète ce tórne ce se n'ho scéute
e finghe a tárde rumène quàne u fùche se stéute
so tánde li penzìre ca le pàssene che la chèpe
ma schìtte jéune le dèce la pène ca jèdde sèpe
ho 'ppòse a li paròte candelène e felastròcche
na rese e nu prìsce 'nzerrète jind'a la vòcche
na palòmme attùrne attùrne aggiòre o lambiàune
e nan ze stánghe mèje e cérche la drezziàune
s'appanne péure u vìtre a cure suspòre séue
e na cucetène se férme e nan anghjène chiéue
la léune da rète a le nnùvele angòre vèce cialéune
e sciòche a la scunnètte e na le 'mbórte de nescéune
le mène strénge sémbe atturne a quèra crònne
ca na preghìre u sèpe c'arròve la Madònne
jè stánghe la vecchjarèdde e l'ùcchje mù s'achiéute
ma tutte 'nzìmme na vàuce père c'ho sendéute
l'ascènne citta citte na làgrema cundénde
jà quèsse la vòta sàue cambè che cure muménde!
Sante Valentino
Una vecchietta/ Non si sente di volare più una parola/ da quell'anima che si siede in solitudine/il suo cuore si accende al pensiero e aspetta/e ogni sera la vedi se guardi bene/ dietro una vetrina con una tendina alzata/e due occhi che guardano nella strada/alla corda i panni sbattono ogni momento/fuori il vento urla ma lei neppure lo sente/lo sguardo è sofferto si legge un tormento/quella vecchiaia in solitudine le occupa la mente/non importa cosa ha passato se torna chi se n'è andato/e fino a tardi rimane quando il fuoco si spegne/sono tanti i pensieri che le passano per la testa/ma solo uno le dà la pena che ella sa/ha appeso alle pareti cantilene e filastrocche/un sorriso ed una gioia racchiusi in bocca/una falena gira intorno al lampione/e mai si stanca e cerca la direzione/s'appanna pure il vetro a quel sospiro suo/e un geco si ferma e più non sale/la luna da dietro le nuvole ancora va in giro/e gioca a nascondino e non le importa di nessuno/le mani stringe sempre intorno a quella corona/che una preghiera lo sa che giunge alla Madonna/è stanca la vecchietta e l'occhio ora si chiude/ma all'improvviso sembra che abbia udito una voce/le scende silenziosa una lacrima di gioia/è questa la sua vita vivere per quel momento!
Se andando in giro per le strade del nostro paese vi trovate ad osservare una vetrina con le tendine alzate e dietro un'anziana donna in preghiera che guarda fuori nella strada non meravigliatevi state vedendo una di quelle icone sacre della storia paesana. Lì al piano terra di quelle case si nasconde spesso il dramma di solitudine delle madri anziane che rileggono il proprio destino lontano dai figli con quegli occhi smarriti ma non rassegnati. Hanno combattuto una vita con tutte le loro forze, hanno dato l'anima per offrire un futuro dignitoso ai loro figli ed ora la sorte crudele e atroce le chiede il pesante tributo della solitudine. Un amore incommensurabile travalica da quello sguardo che sbircia da dietro quella vetrina ma la speranza di un abbraccio le aiuta a reggere quel tormento…
Foto in home page di Davide Pischettola
  • Dialetto
Altri contenuti a tema
Buon Ferragosto con le rime di Sante Valentino Buon Ferragosto con le rime di Sante Valentino La poesia dal titolo "LI FÌGGHJE DU VÍNDE"
Canosa: Nunzio Pinnelli presenta il secondo lavoro letterario Canosa: Nunzio Pinnelli presenta il secondo lavoro letterario S'intitola “La Massaroje-La civiltà contadina raccontata in vernacolo"
Sante Valentino al XXII Congresso dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali Sante Valentino al XXII Congresso dell'Associazione Nazionale Poeti e Scrittori Dialettali E' il Presidente dei revisori dei conti
La cucina canosina sul letto di storia La cucina canosina sul letto di storia Presentazione del libro presso la sede IPAA dell’I.I.S.S. “L. Einaudi”
Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Tra tradizione e dialetto: "U tavelìre" di Canosa Lo strumento di operosità della massaia in casa
Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Tra storia e poesia “U CASTÌDDE NÙSTE” Il componimento dialettale di Sante Valentino
La «Salita Castello» smarrita da salvare La «Salita Castello» smarrita da salvare Denominata nel 1948 «Via Stalingrado»
Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Nunzio Pinnelli e la civiltà contadina raccontata in vernacolo Presentata sui social la sua prima opera  "La Prove"
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.