Cantero
Cantero
Un Paese di Poesia

Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …”

Storia semiseria di un antico vaso dei bisogni

S'intitola "Cùm'u vúlte e ccùme l'aggiòre …", il componimento dialettale a firma di Sante Valentino per il Carnevale 2024 che racconta "historia semiseria di un antico recipiente domestico". E' composto da nove quartine dialettali a rime alternate, l'ultimo componimento che racchiude una sintesi di storia, tradizione e umorismo: "che ben si colloca- riferisce il poeta canosino che vive a Roma- in un contesto di liricità popolare. Il cantero ovvero il vaso da notte utilizzato nel passato per espletare i propri bisogni corporali, in assenza della toilette all'interno delle abitazioni. Contraddistinto da una sonorità orecchiabile, riconoscibile a distanza." Nell'attuale periodo carnascialesco, in un'clima festaiolo, anche la poesia si veste di richiami umoristici e scherzosi che allietano lo spirito e portano il lettore a cogliere aspetti insoliti e divertenti di vita quotidiana. Motivi che mettono il buon umore anche se riesumano oggetti antichi non del tutto dimenticati ma che rivivono nei meandri della memoria proprio grazie al linguaggio dialettale attraverso la poesia.
"Cùm'u vúlte e ccùme l'aggiòre …"
(Storia semiseria di un antico recipiente domestico)
Stève na vólte a li tímbe de tànne
Nu còmete, assèje scòmete ma necessàrje,
Addà all'abbesùgne s'assettèvene li tatarànne
Ca jànne 'nghèta jànne ce cundèvene li calannàrje.
Ce la vulòme raccundèje pròpje tùtte
Deciòme ca nan z'ascunnèvene, mánghe c'u càgne,
E che la spàccàzze o chéule de li calzenìtte rùtte
S'acculazzèvene sénza criànze sàup'o "RUÀGNE".
Doppe c'avève vìste tánda derète cùm'a li cafenatéure
U pòvere struménde nan zuppurtèje cchiéue tùtte quèsse:
" Ammachère mettìteme nu nàume chiù da segnéure"
Achessì u chiamérne "CÁNDERE" e u facérne fèsse.
Ma dàlle jòsce e dàlle crèje chiéue de jéune azzecché a sgarrè
Sànde vulòte jèsse, disse tatèje, nan denòte jòcchjere 'mbàcce!
Da nu pìzze scète a nn'àute, quàne v'avòte ad'ambarè,
Jind'o "CANDARÌDDE" néue ce lavème mène e fàcce …!
Che nna truàrse 'mbarazzète e la pánze ch'u delàure
Addumannérne all'acceprèvete nu nàume da mètte o sagraménde
"Ce vulòte na pèzze a chelàure l'avóta chiamè "MANZEGNÀURE"
E ddeciòte sémbe amménde quàne la faciòte che sendeménde".
Che na tenèlle mùje chèsa chèse l'arrucchérne sòtt'o lìtte
Attacchète o pesciatéure ca nan ze la fedètte cchiéue de séndele
'Ndedemène, dìsse u petèle, de mèttele ddùje ce ve l'ho dìtte
Jôje nan pòzze cchiù refiatèje quànde fète stù feténdele.
Che luè u làgne o malète u luérne sùbbete da ddèje
E u mettérne accùst'o lìtte aschennéute jind'a la culnètte,
Cùr'àute chiòne acculemète na la speccève d'annarièje
Fingh'a quàne sunè la trumbètte e u sduvacárne jind'a la carrètte.
E nnan ze sèpe angòre u jàzze addà scappè ch'u màle de pánze
PRÒSE, CÈSSE, TÀZZE, ZE PÈPPE E GABBENÈTTE
Stànne tùtte a truè la rètte a ccùme chiamàlle che criánze
Hane cerchète péure all'èstere e mmùje u dìnne "LA TUALÈTTE".
Vedòte péure véue, quàne v'acquacquelète, ce l'acchjète nu nàume de respètte
Ca da li tímbe de frà Cleménze mèje a nnescéune l'ho venéute 'mménde;
Chìsse sò stòrje e patòrje nòste sfurnète appòste che fárve sciò 'ngascètte
Ce le vulóte péure ch'u crescénde avòta sciôje schìtte o fúrne da Clèménde.

Sante Valentino

Come lo volti e come lo rigiri…
C'era una volta a quei tempi
Un recipiente, assai scomodo ma necessario,
Dove al bisogno sedevano i bisnonni
Che anno dopo anno ci elencavano fatti e misfatti.
Se la vogliamo raccontare proprio tutta
Diciamo che non si nascondevano, neanche per il cavolo,
E con la fessura al sedere dei mutandoni strappati
Si accomodavano senza delicatezza sul vaso.
Dopo che aveva visto tanti deretani simili gli orci
Il povero strumento non sopportò più tutto questo:
"Almeno mettetemi un nome più da signore",
Così lo chiamarono "CANTARO "e lo fecero fesso.
Ma dai oggi e dai domani più di uno cominciò a sgarrare
Santi volete essere, disse papà, non avete occhi in faccia!
Da una parte andate a un'altra, quando dovete imparare,
Nel catino noi ci laviamo mani e viso…!
Per non trovarsi costipati e col mal di pancia
Chiesero all'arciprete un nome da mettere al sacramento
"Se volete una pezza a colore dovete chiamarlo MONSIGNORE
E dite sempre amen quando la fate con sentimento".
Per non tenerlo adesso in mezzo alla casa lo ripararono sotto il letto
Accostato all'orinale che non sopportò più di sentirlo
Nientedimeno, disse il pitale, di metterlo qui chi ve l'ha detto
Io non posso più respirare per quanto puzza sto fetente.
Per togliere la lagna al malato a lui lo fecero più in là
E lo misero vicino al letto nascosto nel comodino,
Quell'altro pieno fino al colmo non la finiva di arieggiare
Fin quando suonò la trombetta e lo svuotarono nella carretta.
E non si sa ancora il posto dove correre col mal di pancia
Vaso da notte, Cesso, Tazza, Zio Péppe e Gabinetto
Stanno tutti a trovare la dritta come chiamarlo con discrezione
Hanno cercato pure all'estero e ora lo chiamano la Toilette.
Vedete pure voi, quando vi accovacciate, se lo trovate un nome di rispetto
Che dai tempi di fra Clemente, mai a nessuno gli è venuto in mente;
Queste sono storie e fandonie nostre sfornate apposta per farvi andare in visibilio
Se le volete pure col lievito dovete andare solo al forno da Clemente.
  • Carnevale
  • Dialetto
  • Sante Valentino
Altri contenuti a tema
Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste” La poesia di Sante Valentino per la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali"
ODE ALLA MIA TERRA ODE ALLA MIA TERRA Il componimento natalizio del poeta Sante Valentino
Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Sante Valentino premiato a “Salva la tua lingua locale” Il più autorevole premio letterario promosso dall'Unione Nazionale Pro Loco d'Italia
Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Il 2 novembre in poesia: JÁNGELE Gli Angeli nel componimento dialettale di Sante Valentino
La poesia “Umanità perduta” di Sante Valentino La poesia “Umanità perduta” di Sante Valentino Sarà ospite dell'Università della Terza Età "Ovidio Gallo" di Canosa
Canosa: ai turisti “Stàteve bbùne !” Canosa: ai turisti “Stàteve bbùne !” L'ultimo componimento dialettale di Sante Valentino
Canosa: Si declama  “sei quanto una pianta di perchiazza” Canosa: Si declama “sei quanto una pianta di perchiazza” Dal proverbio all’erba da insalata, dall’Antica Roma ai nostri giorni
Canosa: Superluna blu anche nel dialetto Canosa: Superluna blu anche nel dialetto E' nella posizione più vicina alla Terra
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.