Canosa di Puglia: Aquilone
Canosa di Puglia: Aquilone
Un Paese di Poesia

Non ce lo ricordiamo più “U mùnne nùste”

La poesia di Sante Valentino per la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali"

Verso la "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali", in calendario il 17 gennaio 2024, il poeta Sante Valentino presenta il componimento in vernacolo dal titolo "U mùnne nùste". Una immersione nel mondo del fanciullo, una rivisitazione del vissuto ma senza abbandono nostalgico, senza rimpianto ma con la consapevolezza di "rivivere un mondo pieno di semplicità e di gioia, un mondo immerso nelle tradizioni intriso di una icasticità espressiva che ne esalta i valori." L'autore canosino quale esegeta vernacolare, interpreta da par suo la vita dei ragazzi del Sud piena di sogni e di creatività che allungano lo sguardo oltre ogni limite di spazio e di tempo, in una lirica che privilegia il corredo metaforico e anaforico, e che trascende ogni formalismo retorico per elevarsi a espressione di liricità popolare. "U mùnne nùste" per la rubrica "Un Paese di poesia" in attesa della "Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali", istituita nel 2013 dall'Unione Nazionale delle Pro Loco, con lo scopo, tra gli altri, di salvaguardare e valorizzare, questi patrimoni culturali immateriali che altrimenti rischierebbero di finire nel dimenticatoio.

U MÙNNE NÙSTE
Nan ge l'arecurdème cchiéue mùje
chìre sciùche 'nnucénde rète a la rèzze,
chìre ccumète c'annarièvene 'ngìlle
che la préule ca s'abbrazzève a la pórte
e le ffanòve ca jalzèvene le fascìdde.
Nan ge l'arecurdème ma jève ddèje,
jève tùtte ddèje cùre mùnne nùste
tra u fecherìlle e u granète de l'úrte
addà scappèmme ad acciaffè u cjle.
Ci assettèmme sott'o paràte de cálce
a truè che dd'òcchjere le ccechèle,
nan denève spòne mánghe u rosapìte
e la sérpe fuscève 'mmèzz'a l'érve.
Ma jève ddèje, pròpje ddèje
add'am'allassète l'àneme pròme ca
u vínde ce vuttève o zìnne de la strète
e le restòcce jardèvene li sùnne nùste.
E ame rumèse ddèje angenucchiète
sàup'a li marciappìte de la stratòdde
quàne la léune ascennève ogné sàire
a sciuquèje che li lambarìdde d'u balcàune.
Nu vérme lucénde appeccève la scurôje,
na furmòche trascenève n'ácene de grène
e la falène aggerève sénza fermárse.
Ame rumèse ddèje sàup'a chìre chiánghe
c'angòre luccechèscene o sàule
a ssénde arrète le vvéuce ca ciaulescèvene.
Nan ge l'arecurdème cchiéue mùje
ma jève pròpje ddèje u mùnne nùste
quàne 'ngandète aducchièmme u féume
ca jessève da fòre a li tìtte e anghianève
e ss'allundanève da li paròte de cálce…
Sante Valentino

IL NOSTRO MONDO/Non ce li ricordiamo più ora/ quei giochi innocenti dietro la tenda,/ quegli aquiloni che s'innalzavano al cielo/ con la pergola che s'abbracciava all'uscio/ e i falò che innalzavano monachine./ Non ce lo ricordiamo ma era lì,/ era tutto lì quel nostro mondo/ tra il ficodindia e il melograno dell'orto/ dove correvamo ad afferrare il cielo./ Sedevamo sotto il muro di calcina/ a cercare con gli occhi le cicale,/ non aveva spine neppure il rovo/ e la serpe fuggiva in mezzo all'erba. / Ma era lì, proprio lì/ dove abbiamo lasciato l'anima prima che/ il vento ci spingeva alla fine della strada/ e le stoppie bruciavano i nostri sogni./ E siamo rimasti lì ginocchioni/ sui marciapiedi del vicoletto/ quando la luna scendeva ogni sera/ a giocare coi lampioncini del balcone./ Una lucciola accendeva il buio,/ una formica trascinava un acino di grano/ e una falena girava senza fermarsi./ Siamo rimasti lì sopra quelle pietre/ che ancora brillano al sole/ a risentire le voci che chiacchieravano./ Non ce lo ricordiamo più adesso/ ma era proprio lì il nostro mondo/ quando estasiati osservavamo il fumo/ che esondava dai tetti e saliva/ e si allontanava dai muri di calcina…

  • Dialetto
  • Pro Loco Canosa
  • Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali
Altri contenuti a tema
Antonio Tripiciano sul podio nazionale degli scacchi Antonio Tripiciano sul podio nazionale degli scacchi Ad Empoli è salito tre volte ai Campionati Italiani Blitz e Rapid
La mamma in quattro generazioni La mamma in quattro generazioni Tra proverbi in dialetto, italiano, latino e greco antico
La cultura è il catalizzatore della rigenerazione e dello sviluppo del territorio La cultura è il catalizzatore della rigenerazione e dello sviluppo del territorio Il leitmotiv al convegno "Ri-CostruiAmo il territorio" presso l'Istituto Einaudi di Canosa
Terzo posto per Cinzia Sinesi al Premio Internazionale di poesia e narrativa  "Città di Bitetto" Terzo posto per Cinzia Sinesi al Premio Internazionale di poesia e narrativa  "Città di Bitetto" Premiata la lirica dialettale “La nòtte de Natèle”
Addio, cuma Rosetta di Canosa! Addio, cuma Rosetta di Canosa! Massa Rosa, memoria di affetti, di tradizioni, di fede popolare
Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Il cantero nel dialetto: “Cùm’u vúlte e ccùme l’aggiòre …” Storia semiseria di un antico vaso dei bisogni
Il dialetto è musica Il dialetto è musica Celebrata a Canosa, la Giornata Nazionale del Dialetto e delle Lingue Locali
ODE ALLA MIA TERRA ODE ALLA MIA TERRA Il componimento natalizio del poeta Sante Valentino
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.