Istituto Mazzini
Istituto Mazzini
Il Pensare tra bellezza e verità

La bellezza ci salva

Il sogno del Museo Nazionale a Canosa può presto diventare una opportunità

Un detto afferma: "L'occhio è lo specchio dell'anima!"'. Questa è una verità imprescindibile, dunque lo sguardo va educato. Se, in una città, l'architettura richiama la bellezza per le sue linee armoniche, la scultura, la forza ed il teatro la coscienza, senza ombra di dubbio ogni museo ne richiama la memoria. Il celebre Ugo Foscolo, nei Sepolcri, attraverso il segno delle lapidi canta la grandezza e la memoria degli uomini illustri. La sua preoccupazione era che, soprattutto i giovani, senza il richiamo alla grandiosità di uomini illustri, divenissero più poveri, perché deprivati di un punto di riferimento. Personalmente non amo le polemiche, perché ognuno, dal suo punto di vista e per il proprio vissuto o orientamento, ha sempre le sue ragioni, ma sento di condividere alcune riflessioni. Non è mai importante chi fa qualcosa, l'importante è che sia buona e si faccia. Ogni critica deve essere costruttiva e sostenere il buono e mai deprimere il bene. Dinanzi al bene comune e al bene della persona, tutti gli aspetti ideologici o unilaterali è bene che siano messi da parte. In concreto, avevo il sogno di vedere il tanto sospirato Museo Nazionale a Canosa; tale desiderio può presto diventare una opportunità. Il grande Martin Luther King diceva che "un sogno per diventare realtà deve essere condiviso". Sarò utopico, ma so per certo che il tanto sospirato Museo era un sogno di tanti. Perché non condividerlo insieme, mettendo da parte, per il bene del nostro Paese le divisioni, le strumentalizzazioni e ponendoci in maniera solidale? Insieme si è solidi, se si giudica o ci si isola tutto può crollare. La nostra Canosa ha tanto da dire a noi tutti, non sempre consapevoli della sua assoluta bellezza, ai nostri fanciulli e ragazzi per la sua stupenda storia. Senza memoria non c'è futuro, senza custodia e narrazione di ciò che si è, muore la speranza. La nostra archeologia è narrazione di incanti, luce armoniosa , musica per gli occhi, bellezza avvolgente ma soprattutto unica ed irripetibile. Tanti dicono, ahimè, amo Canosa ma non i canosini; io sono sicuro del contrario, infatti, proprio imparando ad amare Canosa, non si può non amare il suo popolo. Siamo un popolo fiero, una città di principi, imperatori e vescovi. Canosa ha scritto la storia e possiamo, attraverso il nuovo Museo, narrarla. La nostra storia, ma più ancora noi tutti lo meritiamo dopo tante prove, difficoltà e sofferenze. Canosa ti amo, fiero di esserti figlio!
Salvatore Sciannamea
  • Canosa di Puglia
  • Museo Nazionale
Altri contenuti a tema
La troccola di Puglia del Venerdì Santo La troccola di Puglia del Venerdì Santo I Crotali di Sant’Ambrogio
Itinerari archeologici rosa per la Festa della Donna Itinerari archeologici rosa per la Festa della Donna Reso noto il programma
Il programma degli incontri culturali  all’U.T.E. fino a lunedì 3 giugno Il programma degli incontri culturali all’U.T.E. Quadrimestre marzo-giugno 2019
Anche musica dal vivo all'UTE Anche musica dal vivo all'UTE Reso noto il programma del prossimo quadrimestre
Toro Club BAT-Valentino Mazzola su Tuttosport Toro Club BAT-Valentino Mazzola su Tuttosport Già affiliato all’Unione Club Granata
Nel ricordo del dottor Michele Fontana Nel ricordo del dottor Michele Fontana Presentazione del 1° Memorial -4° Gran Premio di Apertura Juniores
Il Carnevale: la festa per grandi e piccini Il Carnevale: la festa per grandi e piccini Il programma delle iniziative della Parrocchia di San Sabino
Dialettando sul bel petto di donna: “La petterròne” Dialettando sul bel petto di donna: “La petterròne” Giovedì grasso a Canosa
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.