GdiF Reperti archeologici
GdiF Reperti archeologici
Archeologia

Sequestro di reperti archeologici illecitamente detenuti

Il detentore è stato denunciato dalla Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza. ha sequestrato reperti archeologici illecitamente detenuti da un uomo di Gravina in Puglia(BA) Li deteneva in una vetrinetta presso la sua privata abitazione, senza averne fatto denuncia al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, pur essendone obbligato per legge: si tratta di 19 manufatti in terracotta, sequestrati dai militari della Compagnia di Altamura a un cittadino di Gravina in Puglia . Le Fiamme Gialle, dopo aver scoperto la detenzione dei manufatti nel corso di altre attività di servizio effettuate nei confronti di un'associazione culturale di Gravina, al fine di accertare l'eventuale loro riconducibilità alla categoria dei "beni culturali ovvero di interesse archeologico", hanno immediatamente interessato un esperto in materia, il quale ha stabilito che si tratta di "materiale autentico, di interesse culturale e archeologico rinveniente da contesti tombali, datati tra la fine del V secolo e l'inizio del IV secolo A.C." . I reperti catalogati sono : 2 kothon a fascia monoansata, ciotola rotolo convessa monoansata, coppetta ad alto piede a fascia, piatto ad alto piede a motivi fitomorfi di composto, 2 pentolini rituali, stabnoss a decorazione lineare con coperchio, olpetta a vernice bruna, 2 brocchette monoansate a decorazione lineare, piatto su piede ad anello a decorazione lineare, kylix ad alto piede a vernice rossa, brocca a fascia monoansata, piatto su piede a fascia bicroma rossonera, piatto monocromo con vernice caduta, calice a fasce ad alto piede, frammento di labbro con ansa riferibile a brocca, frammento di base di calice".

Il detentore dei reperti – che non è stato in grado di dimostrare la legittimità dell'acquisto – è stato denunciato per violazione delle disposizioni contenute nel Codice dei beni culturali e paesaggio. Inoltre, con il sequestro effettuato e poi convalidato dalla Procura della Repubblica di Bari (diretta dal Procuratore F.F. Roberto Rossi), il gravinese è stato privato dei beni detenuti illegittimamente. Il Giudice per le indagini preliminari – dottoressa Ilaria Casu ha ora disposto la confisca dei beni e, su richiesta delle Fiamme Gialle, l'assegnazione del materiale archeologico al Museo Nazionale di Altamura (BA). Grande attenzione da parte della Guardia di Finanza è rivolta alla tutela del patrimonio culturale, artistico ed archeologico nazionale, esposto ai rischi di depauperamento, frodi e traffici illeciti, in considerazione dei rilevanti interessi economici connessi al mercato dell' arte.
  • archeologia
  • Guardia di finanza
Altri contenuti a tema
Denunciati 290  percettori del reddito di cittadinanza Denunciati 290 percettori del reddito di cittadinanza Dalla Guardia di Finanza dei Reparti del Comando Provinciale di Barletta
Denunciati 109 percettori di  “reddito di cittadinanza” Denunciati 109 percettori di “reddito di cittadinanza” Ambito operazione “Veritas” del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari
Atto vandalico sul Regio Tratturo.: "Un'azione criminosa premeditata" Atto vandalico sul Regio Tratturo.: "Un'azione criminosa premeditata" L'intervento del Sindaco di Canosa Roberto Morra
Canosa: i bambini scoprono l’archeologia Canosa: i bambini scoprono l’archeologia Laboratorio didattico a cura di Sandro Sardella
Il ministro  Lamorgese alla inaugurazione della Questura di Andria Il ministro Lamorgese alla inaugurazione della Questura di Andria A Trani per il Comando Provinciale di Arma dei Carabinieri e Barletta della Guardia di Finanza
Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture false Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture false Sequestro di beni e 4 imprenditori indagati dalla Guardia di Finanza
Le Fiamme Gialle  da sempre a salvaguardia delle libertà economiche dei cittadini Le Fiamme Gialle da sempre a salvaguardia delle libertà economiche dei cittadini Si celebra il  247° Anniversario di Fondazione della Guardia di Finanza
Droga: nuove rotte e modalità di occultamento Droga: nuove rotte e modalità di occultamento A Roma, presentata la relazione annuale sul contrasto ai traffici di stupefacenti
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.