Ricci di mare
Ricci di mare
Cronaca

Sequestri di ricci di mare

Intensa attività della Capitaneria di Porto di Barletta

Il Personale della Capitaneria di Porto di Barletta, congiuntamente al personale dell'Ufficio Locale Marittimo di Trani, è stato impegnatoin una intensa attività di controllo condotta sul territorio provinciale. A seguito di tale attività, i militari operanti, hanno provveduto ad effettuare un sequestro di suppellettili e arredi da esterno, appartenenti ad un esercizio commerciale ubicato in zona lungomare di Trani, occupante abusivamente una porzione di demanio marittimo e sottraendolo al pubblico uso. Il titolare è stato deferito alla procura della repubblica di Trani, cosi come previsto dall'art. 54 del Codice della Navigazione. Un secondo Nucleo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria di Porto di Barletta, ha operato nel territorio di Andria e di Barletta, effettuando n° 4 sequestri amministrativi ed n° 4 verbali amministrativi per un totale di euro 9.000 (novemila) riscontrando violazioni di norme igienico sanitarie e rilevando la presenza di esemplari di echinodermi vivi (ricci di mare) per i quali al momento vige il così detto "fermo biologico" in vigore fino al 30 giugno.
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.