Carabinieri furti olive
Carabinieri furti olive
Cronaca

Olive nel mirino dei ladri

Due bulgari presi con le mani nel sacco dai Carabinieri

Nell'ambito preordinato dal Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia per controlli agroalimentari nel settore oleario in provincia di Foggia, militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (NIPAAF) congiuntamente alle Stazioni Carabinieri Forestale di Serracapriola e Orsara di Puglia hanno effettuato i primi controlli di conformità. La campagna di controlli è condotta con un duplice obbiettivo: garantire la genuinità del prodotto particolarmente apprezzato sul mercato nazionale e tutelato dalla Denominazione Origine Protetta (D.O.P.) e salvaguardare nel contempo gli interessi e la salute dei consumatori. Gli uomini del Comando Gruppo Carabinieri Forestale di Foggia stanno effettuando una serie di accertamenti negli stabilimenti oleari presenti in Capitanata allo scopo di verificare la corretta rintracciabilità dell'olio in tutte le fasi della lavorazione e commercializzazione nonché verificare la corrispondenza tra il prodotto presente negli stabilimenti e il prodotto registrato nel sistema informativo del SIAN. A seguito di questa prima settimana di controlli sono emerse diverse irregolarità, nel merito sono state sottoposte a sequestro 135 Kg di olive verdi in salamoia detenute per la vendita con la data di scadenza superata; sono stati sequestrati 100 Kg di olio extra vergine di oliva confezionato privo di idonea tracciabilità; sono stati deferiti alla competente Autorità giudiziaria 2 soggetti di nazionalità bulgara intenti a rubare 150 Kg di olive direttamente in campo e sequestrati i mezzi di prova (compressore e battitore con reti per la raccolta) utilizzatati dai due avventori; infine sono stati sequestrati due serbatoi contenenti 600 litri di olio di oliva da classificare del tutto privi di idoneo sistema di tracciabilità. Sono state contestate sanzioni amministrative per un importo complessivo di 7.000 euro. I prodotti sequestrati ammontano a 8.000 euro. L'attività di controllo continuerà nei prossimi giorni.

In merito a quanto sta accadendo nelle campagne pugliesi, dove I predoni stanno facendo razzia di olive, interviene la Coldiretti Puglia con la denuncia che andrebbero sorvegliate di notte e scortate durante i trasferimenti nei frantoi alla stregua dei diamanti. "I mandanti dei gruppi criminali sono italiani – denuncia Gianni Cantele, Presidente di Coldiretti Puglia – anche se spesso si avvalgono di 'manodopera' straniera. Stanno letteralmente depredando gli oliveti del barese, tarantino e del foggiano. In 2/3 minuti riescono a portare via oltre 30 kg di olive ad albero, battendo gli ulivi con mazze anche di ferro per far crollare il maggior numero di prodotto, danneggiando al contempo le piante. Le squadre di malfattori trascinano le reti sotto gli olivi a mano a mano che i complici percuotono i rami, per raccogliere il maggiore numero possibile di olive in caduta. Gli agricoltori, ormai per il terzo anno consecutivo, sono vittime di un fenomeno che si sta consolidando e aggravando nel tempo". Gli episodi più gravi si stanno registrando nelle zone orientale e occidentale di Taranto, nel nord barese e a Torremaggiore, San Severo e Cerignola. "Il calo della produzione del 25% rispetto alla media produttiva pugliese – aggiunge il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti sta facendo degenerare la situazione. E' un fenomeno che preoccupa e non poco gli imprenditori olivicoli pugliesi, vittime di razzie di olive ad opera di squadre organizzate. Oltre alla perdita di reddito per il furto di olive e al danneggiamento delle piante, gli agricoltori sono costretti ad impiegare più manodopera per recuperare dal terreno parte della 'refurtiva' che i ladri, trascinando velocemente le reti di raccolta, non riescono a portare via".

Secondo l'analisi dell'Osservatorio sulla criminalità dell'agricoltura e sul sistema agroalimentare promosso da Coldiretti sui risultati conseguiti dalle Forze di Polizia, l'intero comparto agroalimentare è caratterizzato da fenomeni criminali legati a furti, estorsioni e alla contraffazione di prodotti alimentari ed agricoli e dei relativi marchi garantiti. I danni al sistema sociale ed economico sono molteplici, dal pericolo per la salute dei consumatori finali, all'alterazione del regolare andamento del mercato agroalimentare. Per questo Coldiretti Puglia, ringraziando le forze dell'ordine per l'opera incessante svolta quotidianamente, chiede una stretta sui controlli per assicurare maggiore sicurezza agli agricoltori e agli operai. I furti di olive, mandorle, rame e mezzi agricoli, fenomeni estorsivi con il taglio dei ceppi di uva sono stati all'ordine del giorno anche nel 2016. Il fronte dell'illegalità è sempre più ampio e riguarda la proprietà fondiaria, le infrastrutture di servizio all'attività agricola e, non da ultime, le produzioni agricole ed agroalimentari. I reati contro il patrimonio, quali furto di mezzi agricoli (15%), abigeato (11%), furto di prodotti agricoli (13%), racket (9%), usura, danneggiamento, pascolo abusivo, estorsione, rappresentano la "porta di ingresso principale" della malavita organizzata e spicciola nella vita dell'imprenditore e nella regolare conduzione aziendale. Masserie, pozzi e strutture letteralmente depredate, chilometri e chilometri di fili di rame, letteralmente volatilizzati lasciando le imprese senza energia elettrica e possibilità di proseguire nelle quotidiane attività imprenditoriali. Capitolo a parte merita il mercato parallelo di prodotti agricoli provenienti da migliaia di chilometri di distanza, spesso sofisticati, spacciati per prodotti di qualità, quando di qualità non sono, per cui viene illegalmente utilizzato il marchio 'made in Puglia', a danno dell'imprenditoria agricola pugliesi e dei consumatori.
    © 2005-2017 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.