BOLKESTEIN Andria
BOLKESTEIN Andria
Associazioni

No Bolkestein: sale la protesta

Mercoledì, decine di pullman a Roma e mercati chiusi

La Sala principale dell'Hotel Ottagono, ad Andria(BT), non è riuscita a contenere le molte centinaia di operatori concessionari di posteggi nei mercati, di relatori, ospiti e rappresentanti provenienti dall'intera Puglia. Tutti insieme al grido "No Bolkestein" contro chi vorrebbe di fatto appropriarsi dei mercati e delle aree pubbliche per consegnarli direttamente nelle mani delle multinazionali e delle società di capitali. Quale concorrenza? Quale apertura del mercato? Quali opportunità per i giovani? Tutte motivazioni strumentali e fasulle per portare alla desertificazione i mercati, a vantaggio delle grandi catene e della grande distribuzione. Andria capitale del commercio sulle aree pubbliche e punto di riferimento a livello nazionale. Già in occasione delle manifestazioni romane del 28 settembre 2016, del 14 e 21 febbraio 2017 gli ambulanti pugliesi hanno dato segnale di grande compartecipazione, partecipando a Roma o tenendo comunque i mercati chiusi. Mercoledì 15 marzo 2017 si replica e piazza della Repubblica tornerà ad accogliere il popolo degli Ambulanti che ha preso espressamente le distanze da chi non ha saputo e voluto rappresentarlo nelle sedi opportune, assoggettandosi ai poteri forti e non avendo la capacità di rappresentare degnamente l'intero comparto che registra oltre duecentomila operatori in tutt'Italia di cui oltre ventimila nella sola Regione Puglia. Saranno numerosi i mezzi che si muoveranno verso Roma. Pullman, auto private e mezzi di trasporto collettivo partiranno da Andria, da Bisceglie, da Barletta, da Canosa, da Bitonto, da Bari, da Monopoli, dal sud barese, dal brindisino e dal tarantino. In Piazza della Repubblica a Roma si alterneranno i maggiori rappresentanti nazionali con la specifica e chiara richiesta di uscita del commercio sulle aree pubbliche dalla Direttiva Bolkestein, come anche il Ministro Calenda ha affermato di voler sollecitare, riconoscendo la valenza dell'impresa ambulante a gestione familiare, diversa da quella speculativa. Uniti dunque per dire No alla Bolkestein ma anche per dire Stop ai bandi, nel rispetto della proroga della validità delle concessioni al 31 dicembre 2018, ottenuta con tanta fatica dalle Associazioni Indipendenti di Base ed inclusa nel decreto Milleproroghe. Due anni che devono essere utilizzati per uscire dalla Direttiva e per tutelare e garantire il valore d'Impresa maturato in seguito a regolari acquisizioni di rami d'azienda, donazioni e titoli notarili sui quali sono stati regolarmente versati oneri, imposte, tasse, diritti. Oggi siamo ad un passaggio strategico importante in quanto si tratta di affermare i diritti acquisiti. Negli incontri romani, con il Presidente della Commissione Bilancio on. Francesco Boccia; con i Dirigenti del Ministero dello Sviluppo Economico; due volte con il Ministro Calenda; dopo l'audizione in Senato e dopo quella nella 4^ Commissione regionale Puglia le Associazioni, tramite i loro rappresentanti, hanno ben saputo rappresentare il valore delle piccole imprese. Non a caso proprio negli incontri istituzionali, che proseguiranno anche mercoledì 15 marzo con Delegazioni precostituite, i massimi rappresentanti del Governo hanno riconosciuto di aver compreso quello che non era mai stato adeguatamente approfondito dunque si è riaperto un tavolo che sembrava essere stato definitivamente chiuso. Appuntamento a Roma il 15 marzo 2017 dove saranno numerose le categorie che manifesteranno per la difesa dei propri diritti violati.
Coordinamento Associazioni di Base
UNIMPRESA - BATCOMMERCIO2010 - A.C.A.B. – CASAMBULANTI
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.