Prostituzione
Prostituzione
Cronaca

Lotta alla prostituzione sulle strade

Decreto di allontanamento per 22 rumene

Elezioni Regionali 2020
A Barletta(BT),nell'ambito di una serie di controlli intensificati che si sono protratti a partire dalla fine di gennaio, al fine di contrastare il fenomeno dell'esercizio della prostituzione, la Polizia di Stato ha provveduto ad identificare e notificare decreto di allontanamento a 22 donne, cittadine rumene di età compresa fra i 18 e i 34 anni, in quanto non si sono attenute a quanto disposto dagli artt. 20 e 21 del decreto legislativo 30/2007. I poliziotti del Commissariato di PS di Barletta, in collaborazione con personale dell'Ufficio Immigrazione della Questura di Bari, a seguito del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, tenutosi in data 19 gennaio, in cui era emersa la presenza di una situazione di degrado in alcune zone della città a causa del fenomeno della prostituzione, hanno effettuato numerosi e costanti controlli in via Callano, lungo la SS16 nei pressi del bivio Canne della Battaglia e via Canosa, ed hanno sorpreso le giovani cittadine rumene mentre attendevano i propri clienti sul margine della strada. Le ragazze sono state quindi condotte presso gli Uffici di Polizia e sottoposte a foto segnalamento. In considerazione del fatto che, trascorsi 90 giorni dall'arrivo in Italia, non avevano provveduto ad iscriversi all'anagrafe comunale del luogo di residenza, non avevano dimostrato di essere in possesso di mezzi di sostentamento e di svolgere un'attività lavorativa subordinata o autonoma, e non avevano documentato di possedere risorse economiche sufficienti per il proprio sostentamento, quello dei familiari e per garantire una assicurazione sanitaria, dovranno lasciare il territorio nazionale entro 30 giorni dalla data della notifica del provvedimento
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.