Luce di Betlemme
Luce di Betlemme
Eventi e cultura

La luce della Pace torna a Canosa

Il Gruppo Scout Canosa 1 impegnato nella diffusione della luce di Betlemme

Ogni anno nelle parrocchie cittadine uno dei momenti più importanti dell'anno liturgico è la cerimonia della fiamma proveniente dalla lampada di Betlemme. La lampada è mantenuta accesa grazie alle donazioni di olio da parte di tutte le Nazioni di fede Cristiana e dalla grotta della Basilica della natività di Betlemme è destinata a un lungo viaggio. La fiamma inizia il suo itinerario dalla città palestinese fino ad arrivare nei comuni europei, per avere come meta le abitazioni dei nostri concittadini. L'iniziativa nasce nel 1986 solo quando un gruppo Scout austriaco ha deciso di collaborarne alla distribuzione. La Luce di Betlemme arriva in Italia lo stesso anno, ad opera degli Scout sud-tirolesi del "Pfadfinder und Pfadfinderinnen Österreichs". La diffusione però rimane limitata al territorio dell'Alto Adige per diversi anni, fino a quando nel 1993, un tale di nome Fritz, Capo scout austriaco, arriva a Trieste in occasione di una delle attività organizzate dall'Ostello Scout AMIS e trasporta finalmente la fiamma, poi ribattezzata con il nome di "Luce della Pace". L'anno successivo, le associazioni che avevano aderito alla distribuzione (quali AGESCI – AMIS – FSE – SZSO), formano il comitato locale che a Natale partecipa alla manifestazione per la Luce della Pace, accendendola a Vienna e portandola in Italia con un furgone fino a Trieste. Tuttavia, solo dal 2002, la luce arriva a comuni più piccoli come la stessa Canosa grazie all'interessamento dell'infaticabile maestro Peppino Di Nunno, promotore dell'evento, che coinvolse in prima battuta i suoi alunni e poi il gruppo scout Canosa 1. Tutto questo per mettere in atto due dei punti del "Daily Good Turn" (Buona azione quotidiana) discussi dal padre dello scoutismo, Baden-Powell: l'amore per il prossimo e la fratellanza che la luce porta con sé. La pace è un patrimonio inviolabile di ogni individuo. Per questo, bisogna cercare di diffonderla non solo nelle parrocchie, ma anche nei luoghi meno agiati. In modo di non allontanarsi dallo spirito natalizio che tutti dovremmo adottare. Anche quest'anno, il Gruppo scout Canosa 1 prenderà parte al progetto del comitato. A Barletta, come di tradizione, arriverà la Luce e alle ore 20:15 verrà accolta a Canosa di Puglia(BT), in Piazza Ferrara. Successivamente, si terrà un corteo che percorrendo il paese terminerà nella parrocchia dell'Assunta con l'accoglienza della Luce.

Nel corso delle feste natalizie, il gruppo Scout AGESCI "Canosa 1" presenta la mostra fotografica "30 Anni di Scautismo:1999-2019" con la collaborazione della Pro Loco sotto il patrocinio del Comune di Canosa di Puglia. La mostra che avrà luogo a Canosa di Puglia(BT) presso Palazzo Iliceto, dal 22 al 29 dicembre osserverà i seguenti orari: 10,00/12,00 e 17,30/20,00 escluso il pomeriggio del 24 dicembre e i giorni 25 e 26 dicembre.
  • Parrocchia Maria SS. Assunta
Altri contenuti a tema
I primi  rintocchi dei “Sacri Bronzi” I primi rintocchi dei “Sacri Bronzi” L’ annuncio festoso della Chiesa dell’ Assunta
La festa di Santa Maria Assunta La festa di Santa Maria Assunta Nel culto dei nostri padri a Canosa
La devozione per l’Assunta La devozione per l’Assunta L’itinerario degli altarini allestiti
Festa dell'Assunta 2019 Festa dell'Assunta 2019 Reso noto il programma
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.