Rifiuti abbandonati
Rifiuti abbandonati
Cronaca

Illegalità ambientale: La Puglia è al secondo posto in Italia

“E’ inaccettabile che le aree rurali vengano utilizzate come discariche a cielo aperto" Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia

La Puglia è al secondo posto della classifica nazionale dell'illegalità ambientale con 3.600 infrazioni, con lo smaltimento illegale dei rifiuti è diventata una delle principali attività delle ecomafie. E' quanto denuncia Coldiretti Puglia, in riferimento agli oltre 100 mila metri cubi di rifiuti, costituiti principalmente da materiali inerti derivanti dalla demolizione di edifici, illecitamente sversati su un'area sottoposta a vincolo paesaggistico, all'interno del Parco naturale regionale "Lama Balice' a Bitotono in provincia di Bari. Lo smaltimento illegale dei rifiuti in Puglia fa registrare il 28,7% delle infrazioni accertate nel ciclo dei rifiuti sul totale nazionale, secondo i dati dell'Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare promosso da Coldiretti che riferisce come, sulla base degli accertamenti della magistratura, negli ultimi 20 anni in Puglia siano stati sversati, tombati o bruciati rifiuti di ogni genere.

"E' inaccettabile che le aree rurali vengano utilizzate come discariche a cielo aperto, depauperando un territorio curato e produttivo, inquinando la terra e il sottosuolo, arrecando un danno ingente all'imprenditore agricolo che spesso è chiamato a rimuovere i rifiuti sversati da altri, se non riesce a dimostrare di non averli prodotti. Si tratta di un fenomeno grave ed in escalation, dove a sversare rifiuti di ogni genere non sono più soltanto i gruppi criminali, ma anche residenti che scaricano nelle aree rurali ogni genere di rifiuto, oltre a materiale edilizio abbandonato dalle ditte, senza il minimo rispetto della proprietà privata degli agricoltori e arrecando un danno ambientale e di immagine incalcolabile", è la denuncia di Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Di fronte alle emergenze che si rincorrono occorre adottare tutti gli accorgimenti a tutela della sicurezza e della salute, accertare le responsabilità e avviare le necessarie azioni di risarcimento danni diretti ed indiretti a favore delle comunità e delle imprese colpite. Sul piano strutturale – conclude la Coldiretti Puglia – occorre salvaguardare le aree a vocazione agricola, evitando l'autorizzazione di insediamenti potenzialmente a rischio e proteggendole con i controlli da quelli abusivi.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Il nuovo Contratto Provinciale di Lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti Il nuovo Contratto Provinciale di Lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti Muraglia: "Il rinnovo va letto in una chiave innovativa"
Sprechi alimentari: Earth Overshoot Day Sprechi alimentari: Earth Overshoot Day Il decalogo antispreco di Campagna Amica
L’obbligo del green pass sul lavoro L’obbligo del green pass sul lavoro Coldiretti Puglia: "A rischio le forniture alimentari"
Le percoche sul podio del "cibo che abbronza" Le percoche sul podio del "cibo che abbronza" Tintarella Day ai mercati contadini
Vendite a km 0: Italia leader in Europa Vendite a km 0: Italia leader in Europa I mercati contadini trainati da una nuova sensibilità verso i cibi salutari
Uva da tavola:  speculazione in atto sui prezzi Uva da tavola: speculazione in atto sui prezzi La denuncia della Coldiretti Puglia
Estate 2021: una meta vicino casa Estate 2021: una meta vicino casa La Puglia tra le più gettonate
Il successo dei vini di Puglia Il successo dei vini di Puglia Aumenta anche la produzione del biologico
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.