Letizia Morra
Letizia Morra
Vita di città

Il Reddito di Libertà, un'importante sostegno in favore di donne in condizione di particolare vulnerabilità

L'intervento dell'Assessore alle Politiche Sociali Letizia Morra

"Il 25 novembre, si celebra la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. - interviene così nel corso della manifestazione l'Assessore alle Politiche Sociali Letizia Morra - La data fu scelta in ricordo del brutale assassinio del 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l'impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo, il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. Anche se è ancora da percorrere la strada che porta ad una vera e propria uguaglianza di genere, da allora sino ad oggi tanti sono stati i passi in avanti verso una consapevolezza universale del fenomeno della violenza di genere. Basti pensare che è solo dal 1981 che veniva abrogato il delitto d'onore, la legge che prevedeva un forte sconto di pena per chi avesse ucciso il partner o la figlia o la sorella per difendere il proprio onore o quello della famiglia. E sono ancora numerosi oggi i casi di violenza, sottomissione e discriminazione che vedono vittime una donna. Dall'inizio di quest'anno infatti sono 109 gli omicidi di donne e tra questi ben 93 episodi si sono verificati tra le mura domestiche. Si tratta perlopiù di morti annunciate, di donne che non hanno trovato la forza e il coraggio di denunciare il proprio aguzzino. E' necessario pertanto saper cogliere e non sottovalutare ogni campanello d'allarme e denunciare subito prima che sia troppo tardi. Le istituzioni non lasciano sole le vittime di violenza attraverso i Servizi Sociali e i Centri Anti Violenza. Per aiutare le donne vittime di violenza, spesso dipendenti economicamente dal proprio partner violento, è disponibile il Reddito di Libertà, un'importante sostegno in favore di donne in condizione di particolare vulnerabilità o di povertà per sostenerle nel percorso per raggiungere l'autonomia e la libertà. La misura è destinata alle donne vittime di violenza, senza figli o con figli minori, e consiste in un contributo economico, stabilito nella misura massima di 400 euro mensili pro capite, concesso in un'unica soluzione per massimo 12 mesi, finalizzato a sostenere prioritariamente le spese per assicurare l'autonomia abitativa e la riacquisizione dell'autonomia personale, nonché il percorso scolastico e formativo dei figli o delle figlie minori. La misura, - conclude l'assessore Morra - è compatibile con altri strumenti di sostegno al reddito (reddito di cittadinanza, cassa integrazione guadagni, REM, Naspi etc.)"
  • Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne
Altri contenuti a tema
L’Arma dei Carabinieri contro la violenza sulle donne L’Arma dei Carabinieri contro la violenza sulle donne Per dire “No!” e “Mettere un punto” a qualsiasi forma di comportamento violento - sia fisico che psicologico contro le donne
Polizia e Calzedonia insieme contro la violenza di genere Polizia e Calzedonia insieme contro la violenza di genere Le finalità della Campagna di prevenzione permanente “Questo non è amore”
Una gerbera bianca per dire  #NEMMENOCONUNFIORE Una gerbera bianca per dire #NEMMENOCONUNFIORE Con i florovivaisti in occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne,
Una donna non deve mai difendersi da chi ama. Questa è la prima ed unica regola Una donna non deve mai difendersi da chi ama. Questa è la prima ed unica regola Le iniziative dell’Amministrazione Comunale di Canosa per la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne
Canosa: “Ridere è una cosa seria” Canosa: “Ridere è una cosa seria” Al Teatro "R. Lembo" uno spettacolo contro la violenza sulle donne destinato alle scuole
Canosa Calcio 1948-Città di Mola: gara di cartello Canosa Calcio 1948-Città di Mola: gara di cartello In campo per dire NO alla Violenza sulle Donne
In piedi signori ...davanti ad una Donna In piedi signori ...davanti ad una Donna Un forte grido "No alla violenza sulla donne"
Il primo passo per tornare libere dalle violenze è quella di denunciare Il primo passo per tornare libere dalle violenze è quella di denunciare L’Arma dei Carabinieri contro la violenza sulle donne
© 2005-2022 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.