Cinghiali a Loconia
Cinghiali a Loconia
Territorio

I cinghiali fanno razzia di mandorle

"Si tratta di una situazione insostenibile", dichiara il presidente di Coldiretti Bari BAT, Muraglia

Corsa contro il tempo per la raccolta delle mandorle che, iniziata ieri, proseguirà per circa 15 giorni, al fine di preservare il prelibato frutto dalle scorribande dei cinghiali che stanno attaccando il raccolto, danneggiando anche gli alberi. E' la denuncia di Coldiretti Bari BAT, a seguito delle numerose segnalazioni degli agricoltori che quotidianamente si trovano davanti agli effetti disastrosi delle razzie in campagna della fauna selvatica. "La produzione della campagna 2019 è straordinaria per qualità e le quantità risultano nella media. A gradire le mandorle pugliesi, oltre ai pappagalli monaci, anche i cinghiali che divorano il prodotto, rovinando anche le piante", denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Bari BAT. Nel giro di dieci anni i cinghiali sono raddoppiati - dice Coldiretti Bari BAT - mettendo a rischio non solo le produzioni agroalimentari e l'assetto idrogeologico del territorio, ma anche la vita di agricoltori e automobilisti, I numeri la dicono lunga sulla necessità di innalzare il livello di allerta e programmare efficaci attività di contrasto della fauna selvatica che mette a repentaglio la stessa incolumità delle persone. Particolarmente grave e ingestibile la situazione nelle aree rurali a Grumo, Paolo del Colle, Binetto, Bitetto, Toritto, Corato, Altamura, Spinazzola, Minervino, Andria, Ruvo di Puglia e Santeramo.

"Si tratta di una situazione insostenibile - aggiunge il presidente Muraglia - che sta provocando l'abbandono delle aree interne da parte della popolazione, con problemi sociali, economici e ambientali. Gli imprenditori agricoli ma anche gli automobilisti, gli autotrasportatori e gli avventori occasionali, stanno segnalando con sempre maggiore frequenza i danni provocati da cinghiali e lupi che vivono e si riproducono principalmente nelle aree naturali protette ma che, inevitabilmente, sconfinano nelle aziende agricole, sulle strade limitrofe ed in prossimità dei centri abitati". Sono enormi i danni causati dalla fauna selvatica. I cinghiali distruggono le coltivazioni e attaccano gli uomini e gli animali allevati - denuncia Coldiretti - come anche i lupi e i cani inselvatichiti, gli storni azzerano la produzione di olive e distruggono le piazzole, le lepri divorano letteralmente interi campi di ortaggi, per un danno totale pari ad oltre 11 milioni di euro. La norma regionale sul ReD (reddito di dignità) potrebbe essere utilizzata - conclude Coldiretti Bari BAT- per pianificare un'attività di guardiania e sicurezza rurale, mentre al contempo va data piena attuazione alla legge regionale che stabilisce termini e modalità per gli indennizzi a beneficio di agricoltori e allevatori che subiscono danni da fauna selvatica.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Subito interventi per ripresa filiera olivicola e lavoro Subito interventi per ripresa filiera olivicola e lavoro Il ministro Bellanova a 'CASA COLDIRETTI' alla Fiera del Levante
Giuseppe  L'Abbate, sottosegretario alle Politiche Agricole Giuseppe  L'Abbate, sottosegretario alle Politiche Agricole Strategica la nomina per Confagricoltura e Coldiretti Puglia
Vino :segno positivo per l’export pugliese Vino :segno positivo per l’export pugliese Coldiretti Puglia : "Trend in continua crescita"
Parco Alta Murgia: Rifiuti e fauna selvatica al centro nuova governance Parco Alta Murgia: Rifiuti e fauna selvatica al centro nuova governance E' quanto riferisce Coldiretti Bari BAT, a margine di un incontro
Buon lavoro al Ministro dell'agricoltura, Bellanova Buon lavoro al Ministro dell'agricoltura, Bellanova Le note di Coldiretti Puglia e Confagricoltura Puglia
Vendemmia doc spinge primitivo al top Vendemmia doc spinge primitivo al top Muraglia:"Una produzione nella norma e qualità straordinaria"
Territorio pugliese a rischio desertificazione Territorio pugliese a rischio desertificazione Coldiretti Puglia:"Gli eventi climatici estremi aggravano il rischio"
La piaga degli incendi :1300 ulivi in fumo La piaga degli incendi :1300 ulivi in fumo Le fiamme divampano per colpa dell'abbandono in cui versano i campi pieni di sterpaglie
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.