Agriturismi
Agriturismi
Turismo

Agriturismi, custodi del gusto e della biodiversità

Tutelano quotidianamente il Made in Italy agroalimentare

Sfida a suon di territori e di 'bandiere del gusto' con i custodi della biodiversità e distintività negli agriturismi la giornata del made in Italy a tavola quando il cibo è la voce principale del budget della vacanza in Puglia, con 72% delle strutture agrituristiche che si dedicano ad attività di ristorazione ed il 46% alle degustazioni, con percorsi strutturati di oleoturismo ed enoturismo. All'iniziativa organizzata da Coldiretti Puglia, hanno partecipato, il presidente di Terranostra Puglia, Antonio Baselice, il referente dell'Ufficio Legislativo della Coldiretti nazionale, Mario Paolucci, il direttore di Fondazione Campagna Amica, Carmelo Troccoli, la presidente nazionale degli agriturismi di Terranostra, Dominga Cotarella e l'assessore regionale all'Agricoltura, Donato Pentassuglia.

Il 32% dei turisti enogastronomici italiani ritengono la Puglia una delle 3 migliori regioni italiane per il turismo enogastronomico, un gradimento legato alla qualità dei cibo, ma anche alle masserie contadine che propongono le ricette tipiche della tradizione regionale, con gli agriturismi che registrano un aumento esponenziale degli ospiti sia per la ristorazione che per l'alloggio. Il 23% dei turisti italiani dichiarano di avere in programma un viaggio in Puglia per turismo enogastronomico ma già oltre il 20% dei turisti italiani afferma di aver visitato la Puglia in maniera mirata per vivere esperienze enogastronomiche.

Il Made in Italy dal campo alla tavola targato Puglia è rappresentato da un totale di 60 Cibi e Vini certificati DOP IGP, la regione numero 8 in Italia per prodotti DOP IGP STG, a cui si aggiungono le 4 STG nazionali e le 2 bevande spiritose IG regionali, per un totale di 66 Indicazioni Geografiche. La Puglia può contare su 623 specie autoctone vegetali a rischio di estinzione – aggiunge Coldiretti Puglia - 365 prodotti riconosciuti tradizionali dal Ministero dell'Agricoltura, 11 prodotti DOP (5 oli extravergini, patata novella di Galatina, Pane di Altamura, canestrato pugliese, mozzarella di bufala e oliva Bella di Cerignola, caciocavallo silano, oltre alla DOP 'mozzarella di Gioia del Colle), 9 IGP per l'olio di Puglia, la lenticchia di Altamura, la burrata di Andria, la Cipolla Bianca di Margherita, l'Uva di Puglia, il Carciofo Brindisino, l'Arancia del Gargano, il Limone Femminello del Gargano e le Clementine del Golfo di Taranto e 29 vini DOC e 6 IGP. Ma anche la superficie agricola destinata a biologico raggiunge i 321mila ettari in Puglia dove il settore torna a crescere, con un aumento del 12% in 1 anno, confermando la Puglia al top della classifica nazionale per l'agricoltura biologica e con Campagna Amica la più ampia rete dei mercati di vendita diretta degli agricoltori.

"Primati che vanno però difesi dal fenomeno del "fake in Italy", il cibo straniero spacciato per italiano sfruttando il concetto di ultima trasformazione sostanziale per gli alimenti, quello che tecnicamente si chiama codice doganale. In questo modo cosce di prosciutto estero dopo essere state salate e stagionate vengono vendute per italiane e lo stesso capita col latte straniero che diventa mozzarella italiana. Una frode contro la quale è partita dal Brennero una grande mobilitazione di Coldiretti con obiettivo la raccolta di un milione di firme per una proposta di legge europea di iniziativa popolare sulla trasparenza di quanto portiamo in tavola.

"Negli agriturismi viene tutelato quotidianamente il Made in Italy agroalimentare contro l'import di prodotti agricoli e agroalimentari da Paesi stranieri che non rispettano le stesse regole di sicurezza alimentare e ambientale e di rispetto dei diritti dei lavoratori e che spesso vengono spacciati per tricolori sfruttando il codice doganale che consente di "italianizzarli" grazie a minime lavorazioni La campagna potrà essere sostenuta firmando in tutti i mercati contadini di Campagna Amica e negli uffici Coldiretti e sarà promossa anche sui social media con l'hashtag #nofakeinitaly.

L'attività di salvaguarda del cibo eorico negli agriturismi ha una strumento in più, con la riforma del sistema europeo delle denominazioni di origine (IG) tutela il primato italiano nell'Unione Europea con 892 prodotti riconosciuti, tra alimentari, vini e liquori, che sviluppano un valore di oltre 20 miliardi di euro e danno lavoro a 890mila persone impegnate nelle filiere.

Dalla difesa del sistema delle indicazioni geografiche europee dipende la lotta al falso made in Italy alimentare che nel mondo vale oltre 120 miliardi di euro, con il contrasto alle imitazioni che aiuta la crescita di un sistema che, oltre all'impatto economico e occupazionale, rappresenta un patrimonio culturale e ambientale del Paese, un risultato ottenuto grazie all'impegno Coldiretti di questi anni in sinergia con tanti europarlamentari italiani a partire dal relatore Paolo De Castro".

La riforma prevede, come richiesto da Coldiretti, lo stop alla registrazione di menzioni tradizionali identiche o che richiamino nomi di Dop e Igp, come nel caso del Prošek, il vino croato che evoca il Prosecco italiano. Sarà obbligatorio indicare il nome del produttore sull'etichetta di una Denominazione di Origine Protetta (Dop) o di una Indicazione Geografica Protetta (Igp), al fine di garantire la massima trasparenza ai consumatori. Ci sarà - spiega la Coldiretti - maggiore tutela dei prodotti a indicazione d'origine anche come ingredienti in prodotti trasformati, soprattutto sul web. Il nuovo regolamento riconosce e valorizza poi le pratiche sostenibili, che comprendono aspetti ambientali, economici e sociali, inclusi il benessere animale.
Inoltre – conclude Coldiretti - conferisce maggiore autonomia ai gruppi di produttori, consentendo di istituire un sistema volontario per potenziare la loro posizione all'interno della filiera.
  • Coldiretti Puglia
  • Agriturismi
Altri contenuti a tema
Protesta agricoltori:  trattori davanti ai cancelli dei pozzi Protesta agricoltori: trattori davanti ai cancelli dei pozzi L’acqua viene erogata a singhiozzo
Caldo: gli effetti dell’anticiclone Minosse Caldo: gli effetti dell’anticiclone Minosse L’ondata di afa con temperature agostane
Emergenze agricole: dalla siccità alla gestione fallimentare della risorsa idrica in Puglia Emergenze agricole: dalla siccità alla gestione fallimentare della risorsa idrica in Puglia Sono tra i temi affrontati da Coldiretti Puglia incontrando i Prefetti
Maturità: Ecco la dieta salva esami Maturità: Ecco la dieta salva esami L’abuso di caffè è l’errore alimentare più frequente degli studenti
Puglia: Le aree a rischio desertificazione rappresentano il 57% della superficie utilizzabile Puglia: Le aree a rischio desertificazione rappresentano il 57% della superficie utilizzabile Celebrata la giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità
Stop ai prodotti ottenuti dallo sfruttamento minorile Stop ai prodotti ottenuti dallo sfruttamento minorile Si celebra la Giornata mondiale contro il lavoro minorile
Puglia: la siccità  attanaglia i campi, a rischio tutte le colture Puglia: la siccità attanaglia i campi, a rischio tutte le colture Coldiretti Puglia torna a denunciare lo scenario critico per agricoltori e allevatori,
Estate 2024:Le “agricolonie” che integrano l’offerta di servizi educativi per l’infanzia Estate 2024:Le “agricolonie” che integrano l’offerta di servizi educativi per l’infanzia Sono 300 le masserie didattiche in campagna pronte a "salvare" bambini e ragazzi da smartphone e console
© 2005-2024 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.