Clima
Clima
Le Pillole

Transizione Sistemica, aspettando COP 26

Il momento delle grandi riflessioni, non più derogabili

Il Mondo aspetta con ansia decisioni propositive e fattuali dai Policy Makers che a novembre a Glasgow detteranno le regole nuove ,risultato di COP 26. Il Mondo spera , auspica una chiara ,sottoscritta strategia globale, che andrà riflessa, con date certe di realizzazione, nelle strategie nazionali dei Paesi che COP 26 sottoscriveranno. Ciascun Paese dovrà definire e pianificare gli investimenti necessari per raggiungere gli obiettivi prefissati ,realizzando i progetti conseguenti . COP 26 sarà il momento delle grandi riflessioni, non più derogabili a valle della lunga paralisi imposta dalla pandemica COVID-19, mirate a definire , con gli indispensabili finanziamenti ,tempi e modi di realizzazione di una nuova via per una giusta ,equa Sostenibilità del nostro Mondo. Una via che non lasci indietro nessuno, che aiuti tutti a vinc, che riesca ad accorciare le differenze tra ricchi e poveri del nostro Pianeta. Le avanguardie progressiste del mondo andranno all'appuntamento Scozzese preparate ,forti di documenti da assumere come base delle discussioni .

Sono "Dichiarazioni per il Futuro" dove il concetto di Transizione Ecologica viene assorbito in un più generale concetto di Transizione Sistemica . I problemi derivanti dai Cambiamenti Climatici ,dovuti alle emissioni dei gas clima-alteranti , vanno in maniera sistemica connessi a quelli legati ai Diritti umani , all'acqua , al cibo, alle risorse ,al lavoro ,all'energia ,senza tralasciare la importanza dei saperi , la centralità di economia e finanza , partendo dai luoghi di vita dell'uomo ,le megalopoli ,le città, le campagne , le piccole comunità : serve una Transizione Sistemica . Le proposte sono forti : finanziamento di un"green climate fund ", carbon tax globale , blocco dell'utilizzo del carbone al 2025 , cancellazione del debito pubblico dei Paesi del Sud indigente ,dei Paesi del Terzo Mondo , legge globale contro le delocalizzazioni delle imprese in Paesi compiacenti . Ed ancora promozione e sostegno finanziario alla agroecologia contadina , riduzione dei consumi idrici e ristrutturazione delle reti per annullare le perdite dell'oro bianco, efficienza energetica , utilizzo progressivo di idrogeno verde da utilizzare nei processi più difficili da decarbonizzare (acciaierie , cementifici ,trasporti pesanti su strada ,trasporti marittimi ), coinvolgimento con dati scientifici di riferimento delle comunità nelle decisioni che riguardano il risanamento e la riqualifica del territorio di appartenenza .

Tanti i temi ma una sola avvertenza da parte mia : non pensiamo che i guai del nostro complesso mondo possano risolversi con un battito di ciglia . Vanno evitati errori grossolani , non esiste il miracolo Idrogeno verde ; il bilancio tra le emissioni di CO2 nella produzione complessiva della molecola idrogeno ,per il trasporto e stoccaggio ha bisogno ancora di tanta ricerca e sviluppo. La Comunità Europea, a trazione Tedesca, impone il rispetto di alcuni vincoli / principi per l'auspicato idrogeno verde :
- Addizionalità : l'energia elettrica rinnovabile per produrlo con l'elettrolisi deve essere aggiuntiva ,venire cioè da nuovi impianti di produzione di energia rinnovabile
- Contemporaneità : contemporaneamente va prodotta energia rinnovabile ed idrogeno verde ,onde evitare scompensi alla rete elettrica
- Mancanza di congestione della rete elettrica : il luogo dove installare gli impianti di produzione di energia rinnovabile ed elettrolizzatori deve essere posto in zone dove la rete elettrica non è congestionata e come tale puo' ricevere energia in surplus alla produzione di idrogeno verde
Noi esperti non abbiamo capito ,a livello Europeo vanno definite linee guida e regole più chiare e precise .
Altra assurdità Europea l'allegato al Regolamento 2020/852 che definisce i criteri per determinare le condizioni in cui una attività economica viene considerata utile alla mitigazione del cambiamento climatico .
Calcoli alla mano vanno bene solo impianti che producano idrogeno con emissioni di CO2 inferiori a 3 tonnellate di CO2 per tonnellata di idrogeno .
Con questo principio sono fuori norma non solo gli impianti di produzione di idrogeno grigio e blu ma anche quelli di produzione di idrogeno verde non alimentati completamente da energia elettrica prodotta da fonte rinnovabile .
Vale ancora il principio di realizzare il realizzabile mettendo in campo finanziamenti speciali alla ricerca , aiuto finanziario agli investimenti capex ed opex per la produzione di idrogeno verde ,non abbandonando la produzione di idrogeno blu ottenuto da idrogeno grigio accoppiato a processi di cattura e stoccaggio della CO2 .Passi decisi sui temi generali della Transizione Sistemica ,passi ponderati realizzabili sulla Transizione Energetica .
Nunzio Valentino

  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Povera Terra, povera gente della Terra! Povera Terra, povera gente della Terra! Si è chiusa con un compromesso COP 26 di Glasgow
Una nuova coscienza critica sulla questione dei rifiuti Una nuova coscienza critica sulla questione dei rifiuti L'intervento del sindaco Morra sulla manifestazione degli studenti
Lo sviluppo aziendale nel rispetto dell’ambiente Lo sviluppo aziendale nel rispetto dell’ambiente Il tema del convegno con la dottoressa Claudia Salvestrini
I “Venerdì della comunicazione ambientale” I “Venerdì della comunicazione ambientale” “Comunicare la Salute” è il terzo ed ultimo della serie di corsi organizzati
La comunicazione del “Sistema nazionale della protezione ambientale (Snpa)' La comunicazione del “Sistema nazionale della protezione ambientale (Snpa)' Proseguono i “Venerdì della comunicazione ambientale”
Inasprire le sanzioni per chi raccoglie datteri di mare Inasprire le sanzioni per chi raccoglie datteri di mare L'intervento del deputato Giuseppe L’Abbate(M5S)
Insieme per la difesa del clima e dell'ambiente Insieme per la difesa del clima e dell'ambiente Seminario in webinar sulla piattaforma digitale Zoom  
Choc e catastrofi naturali Choc e catastrofi naturali L’ANCRI in campo per parlare di "Ambiente e paesaggio” a Canosa
© 2005-2021 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.