Don Tonino Bello
Don Tonino Bello
Il Pensare tra bellezza e verità

Le tre "S": silenzio, sofferenza e solitudine

Da una meditazione di Don Tonino Bello

In una meditazione, un giorno, il servo di Dio, don Tonino Bello, riflettendo su Gesù nel Getsemani, parlò del silenzio di Dio, della sofferenza che ha provato, fino a sudar sangue, e della sua solitudine, visto che i suoi amici si erano addormentati. Certo è terribile provare questi sentimenti soprattutto quando si stava per consumare il tradimento di un amico e commensale qual era Giuda. È peggio esser traditi o tradire? Chi è tradito sa perdonare, ma chi tradisce spesso non si perdona. Il bacio, segno di amicizia e di affetto, diviene l'indicazione del tradimento. Eppure chi è tradito continua a guardare con amore. Dolce follia l'amore di chi è solo proprio quando avrebbe bisogno dei suoi migliori amici. Pura pazzia l'amore se anche la preghiera non genera consolazione, lasciando il cuore nell'isolamento più estremo, in un silenzio che non dice più nulla. Degenere patologia l'amore se diviene un tutt'uno con la sofferenza lacerando lo spirito fin nella sua intimità. Ma l'amore, come dice l'apostolo, tutto crede, tutto spera e tutto sopporta. In un suo pensiero don Tonino Bello scriveva che il vero dramma non è non essere amati, ma non amare. I problemi hanno le soluzioni, ma i drammi no. Nonostante i silenzi, le sofferenze e le solitudini possa ognuno continuare ad amare, l'unica forza capace di vincere ogni morte. Se per Israele l'amore era forte come la morte, in Cristo l'amore vince la morte. L'amore per l'amore sostenga ognuno nei silenzi, nella solitudine e nell'oceanica sofferenza da cui il mondo è abitato.
Salvatore Sciannamea
    © 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.