computer
computer
Amministrazioni ed Enti

Smart working e ruolo dei social

La Asl Bt ha intervistato 322 dipendenti

La Asl Bt ha chiesto ai 322 dipendenti in smart working di rispondere a un questionario per analizzare il punto di vista del dipendente rispetto a questa modalità di lavoro e rispetto all'uso dei social come strumento di sostegno alla comunicazione interna. Il sondaggio è stato lanciato il 5 maggio ed è stato lasciato attivo fino al 15 maggio: a essere coinvolti direttamente e in forma anonima sono stati i 322 dipendenti della Asl Bt che da marzo in poi hanno sperimentato forme anche ibride di smart working. Lo smart working ha riguardato per lo più donne (62 per cento), l'età media è di 47 anni, si tratta per lo più di dipendenti non dirigenti (79,1 per cento) e di laureati (72,4 per cento). Lo smart working piace e consente di realizzare da casa la maggior parte della propria attività (78,1 per cento). Il "sentiment" si rileva positivo con minime incertezze sulle possibilità organizzative: gli aspetti da prendere in considerazione sono in genere collegati con il miglioramento della qualità della vita.

I dipendenti dichiarano di avere più tempo a disposizione e di concentrarsi meglio. Gli aspetti negativi invece sono legati agli strumenti e alle difficoltà organizzative: a mancare è l'interazione con i colleghi e con gli utenti. Le necessità dichiarate fanno riferimento all'accesso a tutti gli strumenti necessari per svolgere al meglio il proprio lavoro e alla urgenza di condividere nuove regole per l'organizzazione del lavoro. Dal punto di vista strumentale i dipendenti chiedono applicativi per condividere il lavoro con altri colleghi. L'indagine ha analizzato anche il ruolo dei social e delle community: i dipendenti ritengono che i social siano molto utili per lo scambio di informazioni tra i colleghi, permettono un maggiore confronto, migliorano l'efficienza nella gestione delle task e migliorano il clima azienda. La Asl Bt ha avviato lo Smart Working da marzo 2020: i sistemi informatici utilizzati consentono di realizzare da casa tutte le procedure amministrative.
  • ASL Bat
Altri contenuti a tema
Il presidio di Canosa per le attività post covid Il presidio di Canosa per le attività post covid Emiliano in videoconferenza con la ASL BT
Rsa San Giuseppe: un altro decesso Rsa San Giuseppe: un altro decesso I pazienti trasferiti a Bisceglie e Canosa
Deceduti altri 3 ospiti della Rsa San Giuseppe Deceduti altri 3 ospiti della Rsa San Giuseppe Le dichiarazioni del Direttore Generale Asl Bt Alessandro Delle Donne
Coronavirus: soggetto  positivo ricoverato a Bisceglie Coronavirus: soggetto positivo ricoverato a Bisceglie Ordinanza sulla didattica a distanza e lavoro agile
Finanziamenti per il  presidio territoriale di assistenza di Canosa Finanziamenti per il presidio territoriale di assistenza di Canosa La Giunta regionale ha approvato il potenziamento della sanità territoriale
Niente più code al C.U.P. di Canosa Niente più code al C.U.P. di Canosa In vigore i nuovi orari di apertura degli sportelli
Un fiocco rosa sull’ambulanza di Spinazzola Un fiocco rosa sull’ambulanza di Spinazzola Delle Donne:"Una nascita speciale che testimonia le ottime professionalità"
Pagate le prestazioni effettuate dal 118 Pagate le prestazioni effettuate dal 118 La risposta del Direttore Generale Asl Bt Delle Donne
© 2005-2020 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.