2017 Cinghiali
2017 Cinghiali
Cronaca

Non ci resta che allevarli

Coldiretti Foggia: "Invasione di lupi e cinghiali sul Gargano"

Invasione di lupi e cinghiali sul Gargano che nel giro di dieci anni sono raddoppiati - denuncia Coldiretti Puglia - mettendo a rischio non solo le produzioni agroalimentari, gli animali nelle stalle e l'assetto idrogeologico del territorio, ma anche la vita stessa di agricoltori e automobilisti, come testimoniato dai frequenti incidenti stradali, anche con feriti gravi. "I numeri la dicono lunga sulla necessità di alzare il livello di allerta e programmare efficaci attività di riequilibrio della fauna selvatica che mette a repentaglio la stessa incolumità delle persone, soprattutto bisogna urgentemente 'sbloccare' la legge regionale sui danni da fauna selvatica. E' stata impugnata dal Governo esclusivamente agli articoli 4 e 5 sulle misure ordinarie e straordinarie di controllo, di esclusiva competenza statale, ma non è ancora tornata in IV Commissione e in Consiglio regionale. Non c'è tempo più tempo da perdere, perché agricoltori e allevatori sono allo stremo", denuncia il presidente di Coldiretti Foggia, Giuseppe De Filippo.

La provincia di Foggia combatte ad armi impari - dice Coldiretti - contro i cinghiali che distruggono le coltivazioni e attaccano gli uomini e gli animali allevati, gli storni azzerano la produzione di olive e distruggono le piazzole, i cormorani mangiano i pesci negli impianti di acquacoltura, i lupi aggrediscono e sbranano pecore, mucche e capre, in barba a recinzioni e reti. "Negli ultimi anni la situazione è diventata esplosiva - tuona il presidente di Coldiretti di Monte Sant'Angelo, Francesco Schiavone - perché i cambiamenti climatici e l'habitat favorevole offerto dal Parco del Gargano, che è senza governance da 1 anno e mezzo, hanno favorito la capacità di adattamento di cinghiali e lupi. Ancora nelle ultime ore è comparso un branco di 20 lupi tra San Giovanni Rotondo e Monte Sant'Angelo, i cinghiali dal bosco sono scesi sino in pianura e ora sono presenti nella zona industriale di Manfredonia, nell'area dell'ex Daunia Risi stormi di storni ormai sono una presenza fissa e i cormorani fanno incetta di pesce a Lesina. Deve cambiare radicalmente - conclude il presidente Schiavone - la politica regionale e nazionale sul tema, troppo attente a pericolosi ambientalismi di facciata, perché sul Gargano l'unica attività possibile è quella zootecnica, che va tutelata dagli attacchi della fauna selvatica, a meno che non abbiano deciso di farci chiudere o di trasformarci in allevatori di lupi e cinghiali".
  • Coldiretti
  • Puglia
  • Regione
  • Cinghiali
  • Lupi
  • Gargano
  • Fauna selvatica
  • Monte S.Angelo
  • San Giovanni Rotondo
Altri contenuti a tema
Addio a oltre 30mila pecore in 15 anni Addio a oltre 30mila pecore in 15 anni Dalla Puglia, SOS dei pastori al Mercato Contadino di Lecce
Canosa – Manfredonia: tutti allo stadio! Canosa – Manfredonia: tutti allo stadio! L’appello della tifoseria rossoblu
Assegni di cura: per la disabilità e la non autosufficienza Assegni di cura: per la disabilità e la non autosufficienza Emiliano e Ruggeri hanno incontrato DG ASL e associazioni
Alto riconoscimento Virtù  e Conoscenza Alto riconoscimento Virtù e Conoscenza Al via le candidature per la IV Edizione
Trasporto pubblico locale: sbloccati 315 milioni per la Puglia Trasporto pubblico locale: sbloccati 315 milioni per la Puglia Le dichiarazioni del deputato Emanuele Scagliusi (M5S)
La  Regione Puglia al fianco degli olivicoltori La Regione Puglia al fianco degli olivicoltori Le dichiarazioni di Emiliano
Regolamento regionale sulla vigilanza venatoria Regolamento regionale sulla vigilanza venatoria L'assessore alla qualità dell'ambiente Giovanni Stea ha incontrato le associazioni
A Roma per rinnovare l'amore per la terra e per gli ulivi A Roma per rinnovare l'amore per la terra e per gli ulivi I gilet arancioni pronti per la manifestazione nazionale
© 2005-2019 CanosaWeb è un portale gestito da 3CPower srl Partita iva 07161380725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CanosaWeb funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.